ERA VERDE. PARDON, BIANCO, FRA POCO SCATTERA’ L’ARANCIONE. ORBENE SI’….

Ciao. Questa sera sono nero, nero perche’ da lunedi’ saremo arancioni. E’ necessario, certo. Se on fosse che (tutti facciamo le nostre valutazioni personali): maggior solitudine in arrivo, non come era in questi pomeriggi e sere fra circolo ricreativo, bar di frnte alla piazza e la piazza stessa;  camminate in campagna, nei pomeriggi, fino a domenica.  Ma soprattutto, ecco la ragione della mia “nerita'” (anche perche’ capisco…) , che proprio lunedi’, devo andare ad Oristano per fare dei prelievi, e presentare i referti di detti prelievi al Policlinico (ha portato esami recenti?” L’altra volta, e questa volta voglio farli contenti..), dopo Pasqua. Oristano, fuori dal comune quindi. C’è l’autocertificazione, ok. Ma al centro convenzionato, con la zona arancione, probabilmente mi si dira’ “ma non sa che e’ zona arancione? E’  per appuntamento, da oggi…”, e dall’ospedale stesso potra’ arrivare una telefonata “il ricovero è rinviato, la richiameremo quando sara’ possibile che…..”. Ok, si faccia come vogliono…e c’è chi ancora dice che la vita dipenda TUTTO da noi.

COLORI CANGIANTI- IL SEMAFORO DELLA PANDEMIA

LA GATTA E’ SCELTA DA YOUTUBE COME ANTEPRIMA, INIZIA CON UN RIQUADRO SCRITTO (come avrei voluto io..), POI UN ALTRO. E la gatta in ultimo.

L’HO TROVATA COSI’, DI RITORNO DALLA SOLITA CAMMINATA

IN ATTEGGIAMENTO PENSIEROSO LEI, QUASI DA FAR INVIDIA A UN FILOSOFO 🙂

CIAO BUONA NOTTE E BUON WEEKEND

Marghian

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI 68 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- ; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. SONO IMPIEGATO STATALE IN PENSIONE. MI OCCUPO DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

30 Responses to ERA VERDE. PARDON, BIANCO, FRA POCO SCATTERA’ L’ARANCIONE. ORBENE SI’….

  1. silvia says:

    Ti capisco, hai tutte le ragione, speriamo che ti chiamino presto, buona notte.

    • MARGHIAN says:

      Ciao Silvia. Allelujah, ho appena chiuso con una telefonata chilometrica che ho ricevuto. Una vicina, che mi chiami non mi dispiace perche’ non mi dispiace lei – , ma lunga, la miseria….-. Ringrazio il mio po’ di multitasking che ho acquisito, in anni di lavoro edile e impiegatizio, se no avrei finito il post alle 23- devo ancora farmi la cena!!!- Insomma, parlavo con lei al cell e con la mano sinistra scrivevo, mettevo link, correggevo.
      Mi vedete poco perche’ la vita diretta mi impegna, e parecchio. Si e’ accorta:” sento dei battiti…stai scrivendo?”- “tranquuilla, ti ascolto…”- le ho detto io.
      io sono sereno Silvia, ma serenamente penso (oltre alla limitazione della liberta’- e quindi delle compagnie -) che non vorrei far parte del codazzo di pazienti che, messi in attesa, si trovano a dover affrontare cure piu’ pesanti . ora, su questo prelievo per esami, saro’ anche giustificato, ma che le restrizioni inizino proprio da lunedi’ e sentirmi dire “da oggi i prelievi si fanno per appuntamento, telefoni al cup..” come gia’ accaduto, e prenotavo gli esami per telefono, e mi sentivo dire “ci mandi la richiesta per mail…- insomma, non mi piacerebbe. Il 7 di aprile e’ vicino, non per altro. Pazienza…
      Buona notte ciao

  2. La piccola bottega Decomposita says:

    Si ho saputo ma che palle, noi qui siamo rossi…. notte Marghi (paola)

    • MARGHIAN says:

      Ciao paola. Non ti visito da tempo perche’ sono davvero oberato, quattro cavolate casalinghe prendono tempo, ,la misera, poi NON voglio rinunciare ad un’ora e mezza o due di attivita’ motoria, ginnastica e camminata- corsa. E uscire, soprattutto uscire. A casa da solo ci sto bene, ma dalle 18 alle 20- circa si intende- e l’ora sacra per uscire. Caffe’, chiacchierata, boccata d’aria. Anche la sigaretta, con gli amici, ha un altro sapore 🙂
      E non me ne privo. Dice una canzone di chiesa che ho imparato quando dirigevo il coro per la messa: “….altro io non ho….”. Infatti, altro io non ho. Poi, bevo solo acqua, mi nego anche il vino e l’amaro, sto da solo, quindi due caffe’ al giorno , è pochissimo, e da sette a dieci sigarette non me le levo. Almeno quello, per il “placebo” che mi da’. E mi piace. Ah, ho 68 anni eppure tac e risonanze dicono “nessun danno a carico del parenchima polmonare…..” (polmoni sani- “non fuma lei, immagino…”- beh, veramente..si’ e pensai “sincerita’ mia statti zitta.. 🙂 ). Quindi, dopo cena, guardando la tv, da *solo..una sigaretta o due. Col kayser che ci rinuncio. La vita mi ha fatto rinunciare a tante cose, e non di poco conto 😆
      Ciao, ‘notte 🙂

  3. Laura says:

    Ormai li avevi prenotati gli esami, non capisco perche’ devi rimandare, con l’autocertificazione puoi andare in un altro comune, e’ una necessita’! Ci vuole tempo e pazienza! Un abbraccio e buon weekend, la tua gatta e’ stupenda, l’adoro, 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao Laura. No, questi prelievi non sono stati prenotato . prenotato se mai è il ricovero per il 7 di aprile (oddio non ricordo se l’ho scritto anche nel post o solo in commento a Silvia o a Paola ). Ma per i prelievi (se non ci sono restrizioni ) si va in un centro asl o convenzionato asl, prima delle otto o comunque presto , con le impegnative e si viene serviti. L’altra volta in ospedale mi hanno chiesto se avessi fatto degli esami recenti, da esterno.. Per questa prossima volta, li vorrei accontentare. Quindi, questi esami si possono fare (se zona bianca, o se non ci fosse la pandemia) liberamente, basta essere lì alle 8. Anzi, si e’ ammessi fino alle 10 in molti centri in molti ambulatori per le analisi. Con le impegnative, cosi’, senza prenotare. Ma in zona rossa od arancione, occorre prenotare, per telefono o via mail (mi e’ gia’ successo) mandando come files le impegnative e le immagini fronte retro della tessera sanitaria., e carda di identita’. Io lunedi’ ci provo, al massimo all’ospedale diro’: “non mi e’ stato possibile,, e’ arrivata la zona arancione all’improvviso, tempi troppo stretti per prenotare…”. So che esami vogliono, dato che me li hanno chiesti piu’ volte.
      Non è andare lì il problema, ma essere servito.. senza restrizioni ci vai con le impegnative prima delle otto e via, prendi il numeretto… Ma da lunedi’ e’ zona arancione…. ^^La gatta è bella, sempre bianca 🙂Ciao 🙂

      • Laura says:

        E’ cosi’ dappertutto, si continua a rimandare, noi speriamo di fare i normali controlli per quest’estate, non sono urgenti ma e’ meglio farli, prevenire e’ meglio che curare, chi lo diceva? Ciao Marghian, tante coccole alla tua bella micetta, 🙂

  4. Giorgiana says:

    Ciao carissimo! È tanto che non passavo da te, ti trovo in forma e sono felice. 😃. Un abbraccio, buonanotte!

    • MARGHIAN says:

      Ciao. Grazie. Col telefonino, sto scrivendo Cafonate su Cafonate. Meglio domani dal PC.
      Ciao buona notte 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao Giorgiana. Dopo aver corretto e cancellato per via degli errori fatti con il telefonino, ti rispondo meglio dal computer.. Si’, sto bene, nonostante mi riferisca a dei miei problemi medici. Ma non mi danno per ora sintomi, e sono sereno. Devo comunque seguire scrupolosamente i controlli, sono seguito per: monorene, fegato, diabete, internistica (gastroscopie, ecografie, tac, risonanze ecc. ecc.)e urologia. Ho dei tumori iniziali al fegato, ma sono trattabili. Comunque, ribadisco di stare bene. Sono contrariato da questa cosa della zona arancione proprio da lunedi’ perche’, in zona arancione gli ambulatori per analisi passano dal servizio in base alla fila, basta essere li’ presto, si prende un numeretto e via, ad un’altra modalita’: prenotazione e appuntamento. Ecco, non vorrei che lunedi’ mi si dicesse “da oggi…”. Comunque in fondo non accadra’ niente, diro’ in ospedale che e’ subentrata la zona arancione, e che ho avuto problemi. Se li avro’, io lunedi ci andro’, poi…
      Non scusarti, neppure io passo spesso da te. Ciao, buon fine settimana 🙂

      • Giorgiana says:

        Sei bravissimo, mi piace il tuo modo di accettare i problemi fisici che hai, e, andare avanti con ottimismo. Questo ti aiuta stare bene.
        Non ti devi preoccupare per le visite, se hai già preso gli appuntamenti, ti puoi spostare tranquillamente, a prescindere della zona. Te lo dico per esperienza, giro tantissimo per varie visite mediche (per fortuna non per me, ma per il lavoro), con l’appuntamento puoi stare tranquillissimo, nessuno dice niente.
        Ti abbraccio, buon fine settimana anche a te. ☺️

    • MARGHIAN says:

      Ciao Giorgiana.. Fino ad ora si, ho affrontato i problemi fisici con serenita e ottimismo. Dae su benidore no s’ischede” (del futuro non si sa), certo che se avro’ dei dolori fortissimi, come anni fa per schiena e questa estate l’addome, li’ non c’e ottimismo che tenga. Ma fino a che non ho dolori, e respiro bene, posso anche sentirmi debole (come quando nel 2002 mi fu tolto un rene), ma nell’animo bene, e dico “sto bene”. Certo, se si hanno dolori forti, non ci sono santi. per ora, sembra non esserci il rischio, i tumori del fegato sono circoscritti,, si riesce a tenerli a bada, sono serenamente pronto anche ad interventi che si presenteranno necessari.
      Pero’, vedi, noi non decidiamo su che cosa essere sereni e su che cosa soffrire. Sul vivere da solo, vedi, non e’ una malattia ma e’ quello, “ce l’ho qui” (immaginami mentre mi porto la mano al pomo di adamo, come facciamo tutti nel dire “ce l’ho qui” ). La timidezza, che mi ha letteralmente condannato a non avere una famiglia, ecco su questo sono meno paziente. Posso pensare, e anzi credo sia cosi’, che l’espianto di un rene, il diabete, sapere di avere un tumore mi lascia sereno perche’ sono stato FORGIATO, FORTIFICATO negli anni proprio dalla mia vera sofferenza: timidezza da giovane, e conseguente (pur con i grandi miglioramenti) vita da solo oggi. Quasi da farmi pensare – so che puo’ suonare come una bestemmia…-: “quisquiglie, rispetto all’altro, con i mali fisici si convive, ne abbiamo tutti, quanto vivo vivo, pazienza…”. Ecco, in soldoni, la mia filosofia, e il vero tasto dolente. Ciao 🙂

  5. Buon weekend e buona giornata internazionale della felicità! 🌺
    Noi siamo rossi

    • MARGHIAN says:

      Ciao Luisa. Ah, oggi e’ la giornata interazionale della felicita’? Ormai e trascorsa, facciamo come per il Natale sull’essere piu’ buoni, “non solo per Natale”- “non solo nel giorno della felicita'” sull’essere felici. Una parola…. Io ahime’ ci provo ma… vivo da solo, non per scelta, e la contentezza non abita in me. Non che sia con tutti un orso si intende, anzi (“eppure sei tranquillo, socievole….”- mi dicono, in paese o a chi ho detto che vivo solo) Io sono come nella canzone “great pretender”, “I ‘m lonely but no one can tell”. Cerco di sopportare questa cosa che mi e’ capitata, ma essere contento proprio., e’ un po’ difficile. ciao, grazie comunque Luisa, buona serata 🙂

      • Io non vivo sola perché ho un figlio che sta ancora con me, e in questo mi sento fortunata.
        Per quanto riguarda la Felicità (quella con la effe maiuscola) penso che sia rara, ma si possono godere tante piccolissime gioie che rendono il vivere meno penoso

    • MARGHIAN says:

      E’ vero, si possono godere tante piccolissime gioie che rendono il vivere meno penoso. Io gioisco di tante piccole cose. Ma ho sempre (nonostante mi impegni ad accettare questa situazione), c’e quel qualcosa dentro che “offusca” un tantino anche tali gioie. Prendi un tramando. “Bello, ma….se non fossi da solo me lo godrei di piu'”, ti piace tutto un po’ meno insomma. A me capita questo, e qualche sentimento di bonaria invidia (la vera invidia, sai, e’ accompagnata dall’odio, io mi limito ad un “beato te- beato lui”). Mio fratello per esempio (ne avevo due, uno e’ mancato per eta’, aveva 77 anni), capita che si va al mare insieme, io lui e sua moglie, e se mi dice “guarda, che belli quegli scogli…”, “che colori, il tramonto, guarda…”, ecco io penso:”a te piace sicuramente di piu’…”, e qualche volta gliel’ho anche detto. “Hai noi fratelli, ti vogliamo bene, e i tuoi nipoti…”- “vero, ma tu hai i parenti ma anche l’altro, eh..scusa…”. (poverino, lui vuole addolcirmi la pillola…) 🙂
      Lo so, sicuramente sono sbagliato, ma ora sono cosi’,ma non scegliamo noi, neppure la forma mentis.

      Ma ogni cosa, credo, ha il suo risvolto positivo. Tutto questo mi rende sopportabile serenamente e pazientemente il resto, come quando mi venne espiantato un rene: stupii tutti. Come ho scitto a giorgiana, “persino il sapere di avere un tumore mi lascia sereno perche’ sono stato FORGIATO, FORTIFICATO negli anni proprio da quella che e’ stata mia vera “spina nel fianco”: : timidezza da giovane, e conseguente (pur con i grandi miglioramenti) vita da solo oggi”.
      Evviva le piccole cose… ciao 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ma infatti Luisa, è cosi’. La solitudine e’ qualcosa che ti sminuisce le gioie, e ti accresce le fatiche, anche piccole e banali. Ora, ad esempio, sto facendo cena (mi e’ capitato certamente, dal 1993 che vivo solo), mi viene un colpo della strega, e “e adesso, chi mi aiuta se questa cosa continua, l’angelo custode?”. Il mio medico curante, senza nessun suggerimento da parte mia, andai da lei per una banale influenza, mi serviva la cura ed un certificato di malattia per una settimana- ella mi concesse una settimana-, e mentre era intenta a scrivere il certificato, io le dissi “eh, e’ fastidioso, febbre, tosse..”, ed ella a me (alla Dante, “ed elli a me” 🙂 ): “eh, quando si e’ soli poi..”, ecco, lo disse candidamente, senza nessun suggerimento da parte mia.
      E’ cosi’. Pazienza… Poi a ben vedere, – non e’ una lamentela ma una precisazione..-, avere fratelli e nipoti mi conforta , certo; se mi sento male, in mezz’ora mio fratello e’ qui. Ogni tanto a pranzo da lui, a cena, ci diamo l’appuntamento per il mare ecc.Ogni tanto si intende. Ma, tolto lui,che sta vicino ma ha la sua vita familiare, i nipoti, le mie due cognate e mia sorella stanno a Torino, percio’, dal lato pratico, la mia quotidianità’ gira che ti rigira, e’ da solo. Ovviamente, l’oretta la sera con qualche amico, qualche sera in pizzeria, – non in questo periodo…- questo si’, almeno… Ciao 🙂

      • Io devo dire che nell’ultimo anno, in cui la pandemia mi ha trattenuta dall’uscire con gli amici, mi sono sentita meno sola restando in contatto con molti amici di WordPress, che non ho mai visto di persona ma che sento idealmente affini e vicini💜🌼💚

    • MARGHIAN says:

      Si’ Luisa, ciao. WordPress, ma anche msn, what’s app etc, aiutano molto anche me. Circa il “sentirsi affini”, con gli amici, sono io ad adeguarmi, battutine, calcio, lavor in campagna, lavoro edile, superenalotto, eh, gli argomenti in piazza, al bar, o anche al ristorante quando ci vado, sono questi, e mi adeguo.
      I contatti virtuali, o meglio le amicizie a distanza hanno su di me pero’ un piccolo effetto: un confronto. presto spiegato: tanti contatti nel virtuale e, esco la sera, quasi nessuno (nessuno se in inverno), e non mi riferisco alla pandemia, ma da sempre, nei paesi sardi poi…. Rimpiango quando non c’erano i cellulari e si andava al mare, al cinema o al ristorante cinese anche in due o tre macchine il sabato sera. E anche in mezza settimana, andare da un amico o lui da me: “io’, a mari…” (“dai, al mare…”). La socialita’ virtuale, in mancanza o carenza dell’altro, ti confesso che delle sere non scrivo nulla perche’, oltre a le cose da fare preparare cena , portare fuori dal cancello a nettezza per la racoclta differenziata- seguiamo un calendario- , stendere panni che magari, quando rientro a casa sono in lavatrice per averla avviata poco prima di uscire, ed altro , domina il pensiero: “custu mari’ no appu agattau a nemmus, non mi fai gana”- “questa sera non ho incontrato nessuno, non mi vien voglia..”-. A me succede questo purtroppo. Pensa che talvolta, di sera mi chiama al telefono mio fratello:” ehi, cussu vetti”- “si’, ma solo lui….”. Mi viene da penarlo. So che faccio male, ma sono pensieri che talvolta ti arrivano in automatico.
      Ciao 🙂

      • Ti capisco. Anche a me manca la socialità fisica, ma me ne sono fatta una ragione. Parlo con il cane, con i gatti della vicina e con la vicina e, quando rientra, con mio figlio. .. e, come ti ho detto, trovo consolazione anche nei contatti virtuali, perché qui su WordPress ho trovato persone che sento affini

      • MARGHIAN says:

        Ciao. Farsene una ragione sarebbe la cosa piu’ saggia, solo che io sono capatosta su questo. Pur capendo bene che “i giochi sono fatti”, che ormai e’ cosi’, orbene come rientro in casa e la casa vuota, specie la sera e specie di inverno, “ci penso”. Avendo fratelli (ora uno solo, dato che il fratello maggiore e’ mancato a 77 anni ed era con famiglia, mi sono rimasti una sorella, lei vedova, e un altro fratello, felicemente coniugato; tutti i colleghi con famiglia…insomma, non sono riuscito ancora ad accettare del tutto questa cosa. Ah, parlare con il gatto…io ho una gatta meravigliosa, ma piu’ che dirle “ciao, bella..”, “eccoti le crocchette..”no, Lina, sulla tavola no…”, altro.. Ho coniato una frase, sugli animali da compagnia: “l’animale ti fa compagnia se hai gia’…compagnia” (intendendo “compagnia umana”, ed il cane essere “famiglia allargata”). E sulla solitudine, altro “aforisma”: “anche la solitudine e’ bella, se non si e’ da soli”. Ovverosia: “Me ne vado in campagna”, bellissimo, “vado a pescare”, faccio una camminata in pineta”, “sto in camera a leggere”, tutti momenti in cui si sta da soli, ma…- ed e’ questa, la solitudine per la quale molti dicono “io amo la solitudine”. O la scalata in solitaria, “Messner”, tutto quel che si vuole. Ma la solitudine H 24, volente o nolente, non piace a nessuno. La solitudine e’ come il buio: bellissimo il buio, quando dopo dieci ore di lavoro (ho fatto anche l’operaio, ma vale per qualsiasi lavoro, la sera si e’ stanchi), spegnere la luce. E possiamo dire “io amo il buio”. Ma, come ben sai, nessuno dice ad un cieco “come, non le piace il buio?”, come disse a me una collega: “ma…non le piace la solitudine?” (quella temporanea, intendeva la ragazza ovviamente). Verissimo che occorre farsene una ragione; ci sto lavorando 🙂
        Ciao.

      • Condivido le tue riflessioni sulla compagnia degli animali e sulla solitudine se non si è sempre soli. Non so come starei se anche questo figlio fosse fuori casa, e nello stesso tempo mi preoccupo perché non vorrei essere io la causa che non lo fa staccare da casa, Buona serata… ora guardo Crozza per farmi due risate – intelligenti🌺💚😊😘

    • MARGHIAN says:

      Si’, infatti, la gente e’ superficiale, e nell’usare una parola, esempio solitudine, on valuta tutte le sfumature che sono da considerare caso per caso, e fa delle cantonate pazzesche. “A me piace stare da solo”. “Si’, ma chi e’ da solo a vita, eh?”. “certo che non deve essere bello”, è la risposta disincantata. Poi una cosa che mi fa incavolare (senza escandescenze esteriori, ma dentro ribollisco), altra superficialita’: “e’ colpa tua”, “la tua e’ una scelta”, “non ti sei dato abbastanza da fare….”. Certo, chi mi ha detto queste cose non sa della mia timidezza, e un po’ lo comprendo, e lo assolvo. Ma sentirsi dire una cosa non vera, fa reagire dentro. Poi io non posso piu’ di tanto dire che sono da solo per timidezza. Gia’ la gente e’ sensibile solo ai mali fisici e vede come problemi solo quelli pratici (ho forato una gomma, mi hanno dato solo un acconto….). Ergo se io, come in effettti è accaduto, parlo a qualcuno del mio diabete, pur se non e’ in forma grave, “oh, mi dispiace, davvero? Stai attento, il diabete e’ bastardo eh? Mi raccomando….”. “vivo da solo, sono rimasto scapolo….”. Risposta. “eh, va’bbeh”. Apriti cielo se nomino la timidezza, (arabo”). Se uno dice “sai, non ho mai avuto un lavoro stabile…”, “sono vedovo”, “eh, purtroppo accade, sono divorziato…”- “ti capisco”, ma dire “sono da solo per timidezza”, ho imparato che e’ una cosa che posso dire solamente ad uno psicologo, al mo medico oppure al confessore (quando ero praticante, chiaramente da ragazzo gliene parlavo). O posso parlarne con chi non e’ superficiale. Parafrasando Gramsci, (“odio chi non parteggia, odio gli indifferenti”), odio chi non riflette, odio i superficiali.
      Scusami, se su questo argomento mi viene da dilungarmi.
      Crozza e’ bravissimo. Non so se ti e’ arrivato, gira su msn e su whats app, crozza che imita draghi prete, sara’ anche su youtube. Tante banconote a formare la stola ( si scrive stuola?) del prete, Draghi che se la porta alla bocca e bacia il denaro, all’allelujah cantano “Anghelona, anghelona…a..Aanghe-lo..na….”- non ricordo il resto,- e “il mess..e’ finito, andate in banca…”.
      Ascolta il suo monologo sulla fisica quantistica, troppo forte. “vedete quest sedia? E’ una sedia, sta qui, pero’ non c’e….”-“… Magari in un altro universo, la sto spiegando da dio…ma lo sfigato non sono io che qui spiego male la fisica quantistica e non la capite, gli sfigati siete voi che siete nell’universo sbagliato… “. Ciao 🙂

      • Grazie per i suggerimenti: vedrò se riesco a reperirli su Youtube

        In quanto all’incapacità della gente comune di comprendere le problematiche dall’anima, hai perfettamente ragione. Questo perché alcuni restano solo sulla superficie delle cose, un po’ per pigrizia, un po’ per ottusità
        Buon weekend🌺🌺🌺

    • MARGHIAN says:

      Ciao Luisa. Di niente, figurati. io credo piu’ per ottusita’ , mi baso anche sugli argomenti dei miei amici e colleghi (o ex colleghi…). A parte qualcuno, per la maggioranza oiah mommìa…- “oh mamma mia”, “oddio” in sardo -.
      Ciao 🙂

  6. ili6 says:

    Ciao Marghian, i colori servono a poco, per problemi di salute è concesso muoversi sempre. Piuttosto ti auguro tutto vada bene per i controlli medici.
    Riguardo all’arancione, lo siamo anche in Sicilia, forse è meglio così considerando che l’Italia è nel pieno della terza ondata e il picco si raggiungerà proprio a Pasqua, periodo di probabile movimento per raggiungere le seconde case.

    La tua gatta è bellissima e il suo colore è desiderio di tutti.

    • MARGHIAN says:

      Ciao Marro’. Io non sono contrario alle restrizioni covid, ne’ ad altre, se necessario. Il mio era solo un piccolo disappunto della serie “ma gurada li’, proprio da lunedi’!” noi sardi abbiamo la rima nel dna come i neri la musica.. 🙂 – Avevo preso dal medico curante le impegnative venerdi’, me le manda via mail, giovedi’ mattina’ nulla si sapeva che saremmo diventati arancioni..da lunedi, da ieri. E’ che ho potuto fare i prelievi solo a pagamento, centro convenzionato che ha esaurito il budget; mentre senza restrizioni, all’ospedale civile (ho infatti chiesto, prima, li’…) senza le restrizioni covid, non avrei pagato 62 euro, ho l’esenzione dai ticket, ma quando manca il budget, devo accettare come ho fatto, l’opzione “paagante ticket”, come mi e’ accaduto a Cagliari per una ecografia. . E meno male che nel centro convenzionato non mi hanno detto, come all’ospedale, “deve prenotare”, i tempi sono stretti, gli esiti mi servono per prima del 7 aprile. Saranno pronti da dopodomani, ma avendo pagato… Va bene che in definitiva, al ricovero ero pronto a dire “per covid, quindi per causa di forza maggiore, non vi ho portato gli esami recenti, come mi avete chiesto per la volta scorsa. .

      E’ che vogliono tagliare dappertutto, anni fa (ricoverato per il rene, per il fegato stesso, tre giorni di prelievi da ricoverato, se c’era una tac o ecografia da fare, in quei tre giorni o quattro; oggigiorno invece, “faccia una tac, faccia degli esami, faccia una ecografia/o risonanza..”, da esterno. E ti dimettono il giorno dopo l’intervento. Anche se non invasivo, almeno dopo due giorni o tre, la miseria. Anche il mio, anestesia locale ecc., ma e’ pur sempre un intervento, con farmaci di preparazione etc, e se ti fanno firmare significa che dei rischi ci sono. Penso non a me, ma anche a tanta mala sanita’ per questi tagli: “una ragazza di….dimessa dopo un giorno, è morta di…” (che so, meningite, emorragia interna..). Io ebbi una emorragia interna, quando mi tolsero tutto dopo il primo intervento al rene nel 2000, levatomi due anni dopo perche’ l’aggiustamento con cateterino interno- detto stant- non tenne. Ma onore al merito, i medici non mi dissero “ora le abbiamo tolto tutto, domani la mandiamo a casa” bensi’ “le abbiamo tolto tutto, ma la tratteniamo qualche giorno in osservazione, non si sa mai…..”. Mi fosse capitato oggi, mi avrebbero subito mandato a casa, emorragia interna in casa. Bello eh?
      Comuque, sulla mia salute fisica, fino ad ora almeno, mai vantarsi, sono serenissimo, e mi sento bene. A tal riguardo, leggi i commenti a Giorgiana e a Luisa.
      Martedi’ 6 aprile, tampone e mercoledi’ 7, il ricovero, Cagliari (“Cagliari” e’ in realta’ un “arrotondamento” un policlinico, detto anche “cittadella universitaria”- tutti i reparti sono a carattere sanitario- di un paese quasi attaccato alla citta’, che si chiama Monserrato).
      Ah, la gatta, se gli angeli esistono e in paradiso hanno degli esserini simili a cani e gatti, quelli tipo gatto, sicuramente sono come lei 🙂
      Ciao.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s