TAMMY WYNETTE – THE WONDERS YOU PERFORM.

Ornella Vanoni qualche sera fa si è esibita con il suo celebre successo “Domani è un altro giorno”. Una bellissima canzone. “The wonders you perform”… è la mamma, di “Domani è un altro giorno”

TAMMY WYNETTE – THE WONDERS YOU PERFORM

“LE MERAVIGLIE — I MIRACOLI- CHE TU OPERI”

“Oh Signore, tu sai che io non sono quella che ti disturba per delle piccolezze, e che tu ed io non siamo mai stati tanto vicini. Ma noi (in fondo) ci siamo sempre parlati usando gli stessi termini (siamo sempre stati d’accordo ), Ho osservato il tuo modo di fare le cose, ed ho cercato di capirti piu’ di quanto non sia possibile. No, io non sono mai andata in chiesa come magari secondo te avrei dovuto; ma ho sempre pensato che tu sappia che a mio modo ti ho comunque adorato, mentre persino i tuoi figliuoli (“your children”=”i tuoi bambini”= “i tuoi fedeli /devoti”) dubitano e sbagliano nel comprendere semplicemente su come tu procedi, nelle cose che fai.

Ho visto le ombre del dubbio disegnarsi nei volti di coloro che sono amati (“the loved” nel senso de “i cari”, in ambito “funebre”) mentre tristi deponevano un mazzo di fiori sopra una piccola tomba, chiedendosi perché un bambino viene chiamato a venire al mondo per vivere solo un istante e poi morire (me lo chiedo anche io, non solo per chi more da piccolo: anche 100 anni, sono nulla, quando sono finiti. Spero ci sia “dell’altro”, che la nostra essenziale natura di esseri senzienti non sia solo “fisica” e “temporale” ma anche trascendente…- *nota del traduttore 🙂 ), e che avresti potuto salvare.

Ma io credo che ai tuoi occhi questo bambino fosse qualcosa di speciale, e volevi che fosse con te, su questo non ho dubbi. Quindi, con le braccia aperte,ti sei espresso in modo così semplice, da rendermi conto che gli altri non capiscono il modo in cui sei riuscito a portare le cose a compimento (work it out= lavorarlo su’= farcela, riuscirsci)

Una volta ho visto un giovane crescere fino a che fosse vicino alla età della conoscenza, della maturità; poi osservai che qualcosa successe alla sua mente, nessun medico poté porvi rimedio, come avevo sospettato. E mi meravigliai del modo (strano) di essere “gentile”.

Tentarono il tutto per tutto invano, ed io ero li’ presente quando spiegarono ai familiari il motivo per il quale il ragazzo cadde in uno stato di trance. Io immagino che tu abbia allora guardato nel futuro (che avrebbe vissuto da normale), e lo abbia visto voltarti le spalle: lo amavi cosi’ tanto da che volevi che questa possibilità si verificasse.

Ci è voluto molto amore per morire, per una peccatrice come me. posso indovinare che sia per il fatto che tu non abbia potuto rinunciare a me. Tu hai capito quando qualcuno ti rinnegava, quando ti hanno crocifisso, sapendo che tutte queste cose dovessero accadere (“fossero- da te- intese che accadessero “).

Signore, una “stalla” è una cosa così semplice, banale; nessuna meraviglia se furono pochi a venire da te, a vedere “un re” la notte in cui eri nato. Io ti chiedei un favore, se posso, di aiutarmi a capire di più, a capire meglio i prodigi che che tu operi”.

(Testo e musica di Jerry Chesnut )

-Un po’ lungo e un po’ triste questo testo. Ma bello, mi piacciono i testi che mi fanno riflettere.

CIAO, BUON FINE SETTIMANA

Marghian

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI 68 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- ; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. SONO IMPIEGATO STATALE IN PENSIONE. MI OCCUPO DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in musica. Bookmark the permalink.

14 Responses to TAMMY WYNETTE – THE WONDERS YOU PERFORM.

  1. silvia says:

    Hai ragione, sono molto meglio delle semplici canzonette 😉 Buon fine settimana 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao Silvia. Vero. Io non sono “anticanzonette”, le canticchio spesso. Persino con la chitarra mi lasciavo andare ( uso il passato perche’, pur se me le accompagno ancora, da ragazzo potevo cantarle a squarciagola, ora “non sarebbe bello”, uno da solo che canta ad alta voce gli stornelli, ma ancora adesso, ma in sordina.. e ad alta voce se sono in combricola, è diverso, li’ ci vanno le canzonette 🙂 ) , mi lasciavo andare a canzoni allegre. Ricordo quando ero a scuola, “pelle color cioccolata” dei Nuovi Angeli, o “..l’amore è come l’edera, si attacca dove vuole..” di Orietta Berti. Ci va anche il momento frivolo, spensierato. Canzoncine anche gradevoli all’ascolto, non si possono ascoltare solo canzoni frivole; ci vanno anche i testi che ti parlano al cuore, e che fanno riflettere. Mio padre diceva sempre che “una canzone non deve rattristare”, ed io che gli spiegavo – per anni…- che la tristezza non c’entra. Si puo’ non essere nello stato d’animo giusto, ecco, questo si’, e non si ha voglia di ascoltare per esempio “canzone per una amica” che parla di una morte per incidente”. Ma nel momento giusto l’ascolto di un testo profondo fa tutt’altro effetto che “rattristare”. “Riflessivo” e” triste” pur se a volte coincidono, sono due cose diverse.. tu lo sai, ma molti confondono. “e Itte ses, tristu?”- “e che, sei triste?”- “Nou, penzu..” – “no, penso”, ho dovuto spesso rispondere a chi non sa fare il distinguo. Ciao, buona serata 🙂

  2. Laura says:

    Buon weekend Marghian, 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao Laura. Sto preparando una presentazione (indovina? La vita nel cosmo, ma guarda li’!” 🙂 ) per facebook, ma un po’ piu’ semplificata. Ma adesso smetto, non mi va di starci attaccato per piu’ di venti minuti per sera, e nemmeno ogni sera. Qualcuno li’ pensa che io sia “secchione”, mentre non e’ cosi’. Ah, a proposito, prima di andare in piazza oggi pomeriggio ero a camminare e correre era bellissimo, ho fatto…8 chilometri, la strada fra due paesi, 4 km e ritorno. Faceva davvero piacere. Due figge del paese vicino, camminavano sull’altro lato della strada, vedendomi correre, un cenno di saluto, io ho risposto, e le ho sentite dire “hai visto quel signore….anni fa, mio padre lo dice sempre, uno alla sua eta’ uno era gia’ vecchio, invece oggi, vedi….”- Mi hanno dato del giovanile praticamente. Fa piacere, specie se….** 🙂
      Anche io ho sempre sentito dire questa cosa in famiglia, e in altri contesti. Ma qando si cadeva in argomento io dicevo, a mio padre e non solo: “sara’, ma e’ che di allora, anni ’50 ecc., guardiamo solo foto ingiallite,sgualcite, e poi ci si vestiva con abiti larghi, cappelli enormi, oggi un settantenne veste in jeans e maglietta, comunque abiti moderni”. Si viveva di meno, è vero. Ma si mangiava anche di meno, e le proteine e vitamine mancavano. Tutto sommato si sta meglio oggi. Per non dire le cure di oggi. Il covid negli anni ’50 avrebbe fatto una strage in termini di decine di milioni, con la dieta povera di allora…
      Ciao Laura buon weekend e buona serata 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao laura, buona domenica 🙂

  3. Alidada says:

    bella musica.. mi piace molto quella canzone. Buona domenica a te Marghian

    • MARGHIAN says:

      Ciao, grazie. Bella anche la versione della Vanoni e il testo della canzone in italiano Ma abbiamo in Italia una abitudine. Di una canzone con un testo che ogni tanto parla di cose tipo il perché siano al mondo, o un un testo spirituali ecc. paff, noi puntualmente ne facciamo una canzone di amore di coppia. Ci sono passate anche “imagine” e “let it be”. Nulla contro le canzoni d’amore, ma ogni tanto una canzone che parli anche di altro ci sta, una ogni tanto, che non va per forza “omologata” al tema dell’amore di coppia. No, non c’entra con il fatto che io sono scapolo 🙂
      È una battuta. Buona domenica, ciao 🙂

      • Alidada says:

        mi fai ridere 🙂 .. in effetti hai proprio ragione, tutti i testi delle canzoni diventano simili alla fine. Probabilmente è anche colpa della nostra lingua he si aggrada meno ai testi musicali rispetto ad esempio all’inglese.. poi non so, però di certo sarebbe meglio cambiare. Buon pomeriggio del lunedì :-)…e grazie dei tuoi bei commenti

    • MARGHIAN says:

      Si’, vero, le canzoni (la maggior parte ) girano sulle stesse parole d’amore a due, a parte lo zero virgola per cento di canzoni che parlano d’altro. Anzi, questa di Vanoni, fa capire che e’ di amore in una frase, “ma nonostante tutto io non rinuncio a credere che TU potessi ritornare qui…”, per il resto non e’ banale. Anzi, “Domani è un altro giorno” non è solo “cuor-amor” come si dice, la paragono a My Way, entrambi le canzoni descrivono un resoconto sulla vita. “regrets I have a few” (rimpianti, pochi, in “my way”), “per cui rimpianti adesso non ho piu’…”, Vanoni, oltre a “posso dire di ogni cosa, che ho fatto a modo mio…..”, “rivedo tutta la mia vita, il bilancio che non ho quadrato mai…”. Non è affatto un testo banale. Ma tante altre, ruotano su “ti amo”, “non posso vivere senza di te”, “non mi lasciare”, altre sono un po’ piu’ impegnate: la storia di lui che lascia lei o lei che chiede di essere perdonata da lui perche’ è andata con un altro lui”, “lui che la perdona perché la vede piangere e si intenerisce” (“E’ ancora giorno” di Adriano Pappalardo, che in un’altra canzone “caccia via lei dopo una strigliata: “stare insieme a te e’ stato tutto inutile, senza sentimenti….bella senz’anima”).

      Ma vedi, ora, a parte l’ironia, non e’ solo ..questione di lingua. L’amore, anche nelle canzoni in inglese, e in altre lingue, e’ al 95 per cento sull’amore a due. “I can’t live without you” (non posso vivere senza te), “I love you so”, “don’t leave me alone” (“non lasciarmi sola”) e via di seguito.

      La questione, credo, è ben piu’ radicale e profonda.. L’amore e’ un forte istinto, da sempre. Finita l’infanzia, “il ragazzo/la ragazza”. Ecco che le canzoni sono un canale di espressione dei sentimenti, e parlano quasi solo di questo. Le opere letterarie, da Orlando Furioso (per Angelica) all’Odissea – Ulisse e Penelope- , Paride che nella Iliade a sapienza forza e immortalita’ (rispettivamente propostegli dalle dee Atena ed Era) preferisce l’amore della donna piu’ bella ( Afrodite: se scegli me…avrai Elena di Troia).

      Persino la bibbia e’ intrisa, direi lastricata di storie di amore (sansone e Dalila, david e Betsabea, Abramo e sara -e la schiava agar,- , Salomone e la regina di Saba, Mose’ e Sefora… potrei continuare ancora…..”). Bellissime le poesie d’amore scritte da antichi egizi- che ho letto, tradotte da egittologi-.

      Quindi, in definitiva, anche le canzoni di oggi esprimono in ogni maniera questo istinto forte, nell’essere umano come in natura. Poi, qualcuna dice altro, ma qualcuna..
      No, non mi ringraziare per i commenti, ve li scrivo volentieri, non ci metto tempo, pur se mi dilungo, ecco su questo mi dovrei scusare, mano sul cuore.. – scrivo veloce con tanto di errorini… Buona serata, Ciao 🙂

      • Alidada says:

        Grande Marghian! Sai che me lo sono copiato questo commento e me lo serbo in un documento, da tanto che mi piace. Non sapevo di questa analisi dei testi delle canzoni, non ne avevo mai sentito parlare e ora che me lo hai spiegato ho capito tutto quello che ci sta dietro. Molto interessante! Grazie mille… Alla prossima allora, …e buona serata a te 🙂

    • MARGHIAN says:

      Grazie Alidada. Si’, mi piace fare queste analisi .”filologiche” (si chiamano cosi’ le analisi dei testi,siano canzoni siano altro, “filologico” sta per “amante dei discorsi” e quindi dei testi”. Se hai copiato il mio commento e te lo serbi, ancor piu’ grazie, e se ti e’ piaciuto hai fatto bene, dato che e’ lungo e puoi leggerlo quando vuoi, senza necessariamente cercare il post. Anche perche’ tutti abbiamo, per la cosa o per l’altra, poco tempo. Faccio anche io cosi’ talvolta per i vostri post, ne leggo magari meta’ e poi copio l’altra meta’ per la o due sere dopo. “sere” perche’ e” di sera, fino alle 21 o 21,30 la mia fascia oraria per il web e per i blog. Questo pomeriggio, prima di uscire a trovare qualche amico e prendermi un caffe’, facevo ginnastica qui in soggiorno e mi guardavo un dibattito su youtube mediante lo smart tv regalo dei colleghi per il pensionamento. In mattinata commissioni e cose da fare in casa, quando non piove di pomeriggio vado a correre (oggi ginnastica in casa per la pioggia…), poi far pranzo, far cena, e come vedi, tempo per indossare i panni di Marghian ce n’e’ poco. Sono anche su facebook, ma li’ faccio un post al mese,e spesso preso da qui, quasi sempre dall’altro blog per la precisione (quindi un copia-incolla), non mi arrovello molto. Quando metto su facebook un mio post “scientifico”, ci faccio un formato ridotto, un estratto. Viceversa, se ne faccio uno li’, qui lo riempio un po’.
      Ciao, e ancora grazie. Buona serata 🙂

      • Alidada says:

        grazie a te 🙂 adesso ti conosco u po’ di più. Sei davvero organizzato bene… Pensavo anche che i tuoi colleghi ti hanno fatto proprio un bel regalo a donarti una smart tv nuova di pacca. Ti sarà di certo molto utile 🙂 Ti mando un caro saluto..buona serata 😉

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s