LA MIA ATTUALE SITUAZIONE “CLINICA” E UN DIVERTENTE RICORDO DEL LOCK DOWN. Bisogna cogliere le cose, i piccoli episodi divertenti, per sdrammatizzare.

La spalla ancora un po’ dolorante. L’unico problema ancora da risolvere.

aching shoulder

Ho gli esiti della radiografia e della ecografia alla spalla. Nulla di nulla nelle ossa, non c’e artrosi, né calcificazione microfratture, niente di niente; dalla ecografia invece è saltato fuori qualcosa, comunque nulla di grave, solo di fastidioso. L’’esito della ecografia parla infatti di infiammazione di tendini (come pensavo). Ne parlerò’ domani col mio medico per telefono; le consulenze ora sono tutte telefoniche o via mail o sms per per via del covid. Il covo ,come lo chiama una mia vicina-questa è da *raccontare- 🙂 e lei(, il mio medico di base è una dottoressa), mi indirizzerà sicuramente verso un ortopedico e/o un fisioterapista.

“il covo”

,Come promesso: durante il lock down facevo le mie camminate nelle strade e nei viottoli del vicinato, come era allora consentito, provvisto ovviamente di mascherina. Percorrendo un viottolo, mi vede una vicina che curava il giardino di casa. Mi chiama, “ciao, anche oggi ti fai la camminata eh? Cosa mi racconti. ..Ella stava dalla parte interna del cancelletto a sbarre (potevamo vederci) chiuso. Io mi avvicinai tenendo la distanza di sicurezza. Lei: “eh, tu mi piaci, come hai tenuto la distanza. sai, dobbiamo tenere de distanze non si sa mai, adesso qui in giardino non ho la mascherina”-. A che io le dissi”:  infatti, sono a distanza di sicurezza  e porto io la mascherina, dobbiamo stare attenti sì, ma anche cercare di stare un po’ sereni..”. Lei: “si’, lo so, ma sai, con questo covo….”. “Il covo?” — feci io- . Si dice covid”. E la vicina: “eh, sei preciso te!”- Al che le dissi “non si tratta di essere precisi. Pensa che potrei averti salvato da una gaffe. Dio non voglia ma se tu hai un po’ di febbre, telefoni al medico e dici “dottore, ho febbre, penso di avere il covo..” che figura ci fai?”  🙂

LA VICINA è una donna intelligente, vive sola ma si tiene benissimo. E’ anche una bella donna, forse un “issima” ci starebbe per descriverla. E’ amica di infanzia e coetanea di mia sorella. Ha la quinta elementare, forse per questo si era confusa un po’ sulla fonetica fra le due parole. Come mi disse lei stessa “eh, dai, lo sai che io ho poca scuola…”. -“.

Tornando alla mia situazione di salute, tutto sembra volgere al meglio, resta da risolvere la questione della spalla, il resto sembra ok.

Ciao  🙂

Marghian

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI 67 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in MOMENTI, RICORDI. Bookmark the permalink.

14 Responses to LA MIA ATTUALE SITUAZIONE “CLINICA” E UN DIVERTENTE RICORDO DEL LOCK DOWN. Bisogna cogliere le cose, i piccoli episodi divertenti, per sdrammatizzare.

  1. silvia says:

    Bene, ottime notizie, per la tendinite serve soprattutto riposo e bisogna sfiammarlo, ci penserà il tuo medico 😉

    • MARGHIAN says:

      Si’, infatti Silvia. Questa mattina il telefono della doc. segnalava “occupato “. Posso chiamarla , strano a dirsi, solo nelle ore di visita – al suo cellulare- per consulenze come nel mio caso, ed appuntamenti. “Strano a dirsi” faccio per dire, il medico è un essere umano e non può’ stare a ad ascoltare i pazienti h 24. Insomma, ha ragione. Domai mattina riproverò. Ciao 🙂

  2. ili6 says:

    Bene, la situazione è in netto miglioramento, mi fa piacere. Coi tendini ci combattiamo in tanti con gli anni che passano.

    La tua vicina lo chiama “ covo”, una tizia palermitana lo ha chiamato coviddi…a ognuno il suo termine regionale 😆
    Leggo comunque che in Sardegna al momento non c è tranquillità, nemmeno in Sicilia. Covo o coviddi è sempre in agguato. Eravamo più sereni ma con L arrivò dei turisti italiani e non -di cui abbiamo bisogno- siamo tornati nella preoccupazione.

    • MARGHIAN says:

      “coviddi”; comunissimo in Sardegna chiamarlo cosi’, con l’accento sulla O, da parte di chi non ha molta scuola e non ha dimestichezza. Come per le parole straniere, “festival ” è per gli anziani. “fèstivi” come diceva anche la mia mamma, o “festivàlli”. Persone che, come la vicina, non ha familiarità con i termini tecnici o certi vocaboli. Mi era piaciuta la vicina, nel dirmi “eh, sei preciso te!”, al che ho scherzato ipotizzando lei che, con la febbre telefona “penso di avere il covo..”- “dai, lo sai che ho poca scuola, ho la quinta elementare come Maria (mia sorella- ah, “ce n’e’ ” anche per lei: “ah, hai preso una macchina disle! Il disle , conviene…” -“diesel”- 🙂 , quando presi una station wagon nel 2002).
      Io dissi alla vicina, “lo so, ma è per sdrammatizzare un po’ dai…”.
      Nel raccontarlo qualche settimana dopo ad un amico, gli dissi : “comunque un nesso c’era, anche i rapinatori , quando entrano in una banca, portano la mascherina, e sempre mascherati ne tornano nel…covo” 🙂
      Lo so, il problema è grave, anzi non lamentiamoci rispetto a Brasile ecc. Non ce ne siamo liberati, questo è il fatto. Ciao, buona serata 🙂

      • ili6 says:

        Avresti mai pensato che ci saremmo ridotti a entrare in banca come perfetti rapinatori? Mascherina, guanti, fare sospetto 🤪😷😂

    • MARGHIAN says:

      e la gente avere (non sollo in una banca) pensare sospetto su di noi? Ora, in paese (e per logica psicosociologica del comportamento umano), in regime di non lock down, all’aperto gente che ti fermava, che ti parlava, con cui parlavi per diversi minuti, “stammi lontano”, “dobbiamo stare distanti”, “scusa ma ho fretta..”. Una che, camminando sul lungo mare faceva con me lunghi tragitti (anzi, un messaggio ,”vai a camminare oggi?” Vengo anche io, ci vediamo li…”) . Chi l’ha più’ vista? Anzi si’, dal’altra arte della strada, in paese (non mi avvicino che’ sono senza mascherina”, e non si avvicinava nemmeno al mio “io ce l’ho, guarda…”. Ora, questo è un episodio successo a me. Chissà altri quanto altro hanno da raccontare. Capisco, ma a un metro e 20 centimetri, all’aperto, ci si può’ parlare. Sta succedendo qualcosa di più’ della semplice prudenza. “Sai, con questo covo…” ed io con la mascherina, lei dietro al cancello, eravamo ad almeno due metri. Un po’ giustifico lei, era il lock down, ma oggi, all’aperto, stando pur distanti… Ciao.

  3. lucetta says:

    Meno male che non è nulla di grave e mi fa piacere il modo come prendi la situazione. Certo un’estate senza mare per te deve essere stata dura ma ti rifarai. Ciao e buona serata.

    • MARGHIAN says:

      Si’ Lucia, infatti non è nulla di grave. Piuttosto, non so sui tempi di una terapia, per qualche settimana ancora dovrò’ sicuramente aiutarmi ancora con antidolorifici, una pastiglia prima di andare a letto. A letto, addormentato, assumo come tutti posizioni involontarie, e per via di posizioni “non adatte” provo dolori più’ forti, che il farmaco lenisce.
      Anche adesso (soprattutto perché’ sto scrivendo (con ambo le mani), la spalla “incriminata” mi duole leggermente di piu’ di quel dolorino di fondo solito. Adesso, a cena. Buona notte, ciao .

  4. fausta68 says:

    Bene Livio! Di sicuro un buon fisioterapista ti rimette a nuovo e magari fai a tempo a farti qualche bella nuotata!

    • MARGHIAN says:

      Ciao Fausta. Per le nuotate ormai ho preso atto che sara’ per la prossima state. Non ci sto soffrendo molto, forse “merito” dei dolorini ancora presenti che mi aiutano a “farmene una ragione” per quest’anno. Un buon fisioterapista; spero basti quell’operazioncina detta “infiltrazione”, una specie di puntura non so esattamente. Solo che fisioterapista od ortopedico, in questo periodo non ti curano dall’oggi al domani. O forse, se sono magari dei dei privati si’. Le visite e le cure “ASL” richiedono tempi biblici. “Vogliamo rivederla fra tre mesi” (l’urologo, ll 20 luglio); prenoto tre giorni dopo, dicembre, il 28. E cosi’ siamo. Ciao 🙂

  5. Laura says:

    Sono contenta che stai meglio Marghian, con le cure adatte e fisioterapia la situazione migliorera’, ti abbraccio tanto, buonanotte, 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s