LA MUSICA ALTOATESINA E QUELLA SARDA INSIEME: UN PONTE FRA DUE CULTURE POPOLARI E MUSICALI. MUSEGA DE POZA con PAOLO FRESU: NON POTHO REPOSARE

Ciao. Questa esecuzione della musica di Non potho riposare da parte della banda musicale altoatesina Musega de Poza ((nome che sta per “Musica della Val di Pozza di Fassa”, nell’idiona “Ladino” parlato nel Trentino Alto Adige, nel Sud Tirolo e nel Friuli ) insieme al trombettista sardo Paolo Fresu è un bellissimo omaggio alla “fase tre” di ripartenza, ma lo è soprattutto alla musica che unisce.

MUSEGA DE POZA – PAOLO FRESU


NON POTHO REPOSARE

Il brano, conosciuto da tutti  come “Non potho reposare” dalle prime parole- un po’ come succede per le encicliche papali  – 🙂 “, si intitola in realta’ “A Diosa”,  “alla mia bella-“. Anzi, come componimento poetico da cui la canzone, reca anche un altro titolo simile, “A Diosu”, “Al mio amato”. “A Diosa” e “A Diosu” sono due poesie d’amore dello stesso autore, Salvatore “Badore” Sini, di Sarule, un paese vicino a Nuoro :”lettera di lui a lei” e “lettera di risposta di lei a lui” di cui la canzone e’ un “estratto”, e nella cultura popolare sarda, è rimasta come “lettera d’amore a lei”; il testo è la fusione fusione dei due componimenti, e che non viene mai cantata per intero.

ASCOLTATE  QUESTA BELLISSIMA VERSIONE

“Non potho reposare”, Andrea Parodi e Noa

BUONA SERATA

 CIAO

Marghian

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI 67 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in FOLKLORE, musica. Bookmark the permalink.

7 Responses to LA MUSICA ALTOATESINA E QUELLA SARDA INSIEME: UN PONTE FRA DUE CULTURE POPOLARI E MUSICALI. MUSEGA DE POZA con PAOLO FRESU: NON POTHO REPOSARE

  1. silvia says:

    Notte a domani 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao Silvia. Mi metto al blog or ora, ero con due amici a farmi una bella camminata in pineta: 10 chilometri. Normalmente, da solo faccio sette, otto. Mi si sono normalizzati tutti i valori di glicemia e di colesterolo, con buona pace di chi, nel secondo mese da pensionato mi ha detto “ah, stai mettendo su chili da quando sei in pensione eh?”. Ne avevo già’ perso due, e fino ad ora altri sei, sono quasi peso forma. Ma a parte salute e fitness, è piacevole in se’, camminare. Fra poco, ci aggiungo il nuoto, chapa li’, come dicono a Tornino 🙂

      Venendo al post, conoscevi Paolo Fresu, il nostro bravo trombettista, si’? E’ apprezzato a livello internazionale. Abbiamo parecchi talenti in Sardegna, non li conosco tutti. Ciao,, buona serata 🙂

  2. Laura says:

    Sono belle entrambe le versioni, adoro Noa, buonanotte caro amico, 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao Laura. Piace anche a me Noa, è brava. Comandava i marinai nell’Arca di Noa (scherzo 🙂 ). E pronuncia bene anche il sardo. Se si conoscono un po’ di spagnolo (e un po’ di latino) il sardo non è difficile da leggere e capire. Joan Baez cantò bene l’Ave Maria sarda, proprio grazie al fatto che conosce bene lo spagnolo, canta in spagnolo infatti molti brani, come “gracias a la vida” (in sardo e’ “grazias a sa vida”, e siamo li’ ). La cantò in un concerto a Nuoro nell’agosto del 1995 che andai a sentire con amici dopo una giornata al mare ; pensa, la resistenza di allora, tutto il giorno al mare con tanto di bagni, e poi la sera a Nuoro, cento chilometri in macchina e rientrati in paese alle tre del mattino. Joan Baez cantò l’Ave Maria leggendo da un fogliettino di carta che le avevano dato qualche ora prima. “Deus ti salvet Maria, ca ses de gratia plena..( praticamente è latino), de grazia ses sa vena, et sa currente…”- Venne applaudita molto, proprio per la pronuncia in sardo, specialmente dagli anziani che tengono molto al dialetto… ( i giovani conoscono l’inglese…). Dopo le strofe finali: “…e sa gratia nos donet, in vida e in sa morte, et sa diciosa (gioiosa) sorte in paradisu.” e la gente “brava!!!!” Bella!!!”. “Bella” che vuol dire anche *“brava”.
      *Ah, una volta venne a suonare in paese un chitarrista che di viso era un po’ bruttino. E tutti, applaudendo: “bellu! Meda ( molto) Bellu!”. Si senti’ uno: “bello? E’ bravo ma non bello…” al che chi gli era a fianco gli disse : “e non sai che qui “bello” significa bravo?”- e quello: “Ah, ho capito…”. Ciao 🙂

  3. Renza says:

    Grazie per i bei video musicali.
    Saluti.
    Renza

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s