SONO ANCORA IO. UNA VECCHIA FOTO CHE MI RICORDA QUALCOSA…

Ciao. Questa parolina di origine veneta che usiamo per salutarci (da Carlo Goldoni credo, dalla parola “sciào”, “schiavo”; da “sono al tuo servizio” a “sono tuo ammico”, “sciao”->”ciao”) è anche il titolo di una canzone dei primi anni ’60. Me ne sono ricordato, trovando una foto che, data la mia poca propensione a conseraare certe cose in ordine sparso, credevo di avere smarrito o che fosse difficile da trovare come il famoso ago in un Pagliaio. Non posseggo molte foto, ma posseggo il pagliaio – casa, con cassetti di armadi e ripostigli con roba varia. La foto è questa.

XII° Festival della canzone Arborense, maggio  1976

Era il maggio (oops, la data precisa sicuramente c’e’, in memoria, ma chissà in che parte di questa e’ archiviata) del 1976. In quegli anni si svolgevano, nel mio paese ed in alcuni paesi vicini, “il festival della canzone” del paese di turno. Si svolgeva in tre serata nel fine settimana, ad imitazione del festival di Sanremo di allora, il sabato sera era la serata finale. La gioria votava con le palette da 1 a 10; un gruppo musicale locale accompagnava i cantanti, era “l’orchestra”. Presentai una canzone di Gian Pieretti, appunto “Ciao”. In Sardegna, la canzone era famosa nella versione del gruppo sardo dei Barrittas, che si fecero chiamare cosi’ in onore del tipico copricapo dei costumi sardi maschili “sa barritta”, appunto il berretto. Quel tipo di berretto, di stoffa nera e senza tese, la cui parte alta spesso ricade all’indietro. In un qualunque video di balli in costume sardo, si vedono le “barrittas”. Ah, il gruppo fu fondato ad Oristano, nel 1962. Fondatore e leader de “I Barittas”, il comico Benito Urgu, che fra l’altro cantava e canta molto bene.

 BARRITTAS – CIAO

Link Gian Pieretti

Accadde questa piccola cosa curiosa. C’era stato da poco il terremoto in Friuli, e nella prima serata il presentatore ci disse: “gli incassi dellle serate quest’anno saranno devoluti ai terremotati nel Friuli. Esplodemmo in un bell’applauso. Il terremoto.. Nella serata finale, il presentatore annuncio’, come da copione i vincitori del festival. Arrivato a me, “al quarto posto, Livio Vargiu con la canzone “ciao!”. Venga per cortesia a ritirare il premio, gli consegnamo la coppa Mercalli!”. Io mi voltai verso gli amici seduti vicino a me : “la coppa mercalli….ragà, devo indagare su questa cosa, mi sa che i misteri esistono..”.

  • A proposito di misteri. Pare che comunque, il complottismo esista. Un ometto che era il “patron” del festival”, disse “la coppa deve restare qui!”. Vinse infatti un ragazzo del paese. Se esistono tali manfrine per piccole cose cosi’, figurarsi i giochi di potere….
  • Mi dispiacque tantissimo, ma non per me (quarto posto mi andava benissimo! Dato che ambivo solo ad essere in finale), ma per un amico che cantando “Pablo” di De Gregori”, arrivo’ secondo. Non riusciva a mandarlo giu’. Sapendo del…complotto.
    Okay. Ho registrato questo video, “in tema”. Così, per far “parlare la foto”, senza nessun impegno. Tenetene conto 🙂

 Al “festival”, come si vede dalla foto, non suonavo. nella foto non compaiono il tastierista ed il batterista dell’orchestrina. Vinsi anche una delle quattro coppe in palio, i la quarta. Non era male, rimasi molto contento; quarto fra 22 partecipanti, fra ragazzi e ragazze; ero piu’ che felice. Lo sarei stato anche senza nessun premio, data la finalia’ puramente hobbistica della cosa. Immaginate un festival cosi’, oggi. Ognuno, da casa sua… Meglio allora. Oggi la distanza sociale, anzi il diradamento sociale, c’è ormai da moltissimo tempo, prima del virus.

CIAO

Marghian

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI 67 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in Miei video, musica, Racconti di vita, RICORDI. Bookmark the permalink.

11 Responses to SONO ANCORA IO. UNA VECCHIA FOTO CHE MI RICORDA QUALCOSA…

  1. lucetta says:

    Un bel ricordo veramente!!!! Guardando la foto avrai sicuramente esclamato: ” Com’ero giovane !!!!”
    Sai è un periodo che anch’io vedendomi invecchiata vado a riguardare le foto della gioventù…..e vedere il cambiamento mi mette un poco di tristezza ed insieme al marito commentiamo. Lui cerca sempre di incoraggiarmi e mi dice che sono una “vecchietta carina” ma io so bene come sono diventata. Non rimpiango nulla solo che ho trascorso la gioventù a preoccuparmi ed a soffrire per cose inutili…mentre adesso che non sono più giovane… sono diventata saggia e so apprezzare “TUTTO” sia il positivo che il negativo della vita. Ciao buon pomeriggio.
    Ah dimenticavo la canzone che hai cantato mi è piaciuta molto. E’ venuta bene. BRAVO.

    • MARGHIAN says:

      Ciao Lucia. Grazie. Considera, lo rimarco sempre, che io uso sistemi di registrazione quasi di fortuna. Poi, mi ripeto ancora, è per me solo divertimento, la musica. Ho un amico di paese, lui suona la chitarra da spavento, prepara per se’ stesso delle basi su cui poi, suona le parti di chitarra. Ma a un certo prezzo, esce pochissimo. “Guardas Livio, a me quattro ore di esercizio al giorno, non me le leva nessuno….”, mi dice. Io suono si’ e no 10 minuti alla settimana e mi butto su cose che so gia’ fare, lui – parole sue- mi dice che “fino a che non lo imparo, non passo ad altro..”. A quei livelli viene da se’ la necessita’ di avere atrezzature costosissime, e programmi di computer professionali.
      Altro che se l’ho esclamato! La giovinezza, intendo. In genere quando si pensa a quando si era giovani, ne sono convinto, si pensa si’, alle amicizie di allora, ma le nostalgie sono er lo piu’ di tipo “salutistico”. In genrale. Io ora,per la mia età sto di un bene che ringrazio Dio, e gli chiedo la cortesia “di continuare cosi'”, si intende con il mio impegno e prudenza.Si rimpiangono comunque, certe altre cose, come le amcizie di allora e, appunto, le occasioni di svago e socialità, ormai ridotte al lumicino, un po’ per tutti- non penso, adesso, al covid…..-.
      Da ragazzo, a quella eta’, io avevo anche il cipiglio del ginnasta. Non ero professionista, certo (come non lo ero e non lo sono per la musica); ma facevo gia’ diverse cosete, come la verticale, la capriola in avanti con rincorsa con e senza appoggio delle mani. Sul selciato eh? (dopo, da quarant’enne,mi era rimasta la capriola in avanti con appoggio delle mani, e mi fidavo solo in spiaggia o su un prato). E le capriole all’indietro, sai la classica serie che vedi nei circhi, rincorsa, la ruota, ti giri per cadere a pie’ parie poi continui,, alcune volte, all’indietro. A proposito, quelle capriole, chi me le rida’ indietro?. Gia’, il tempo da’ il tempo prende. Ma è la socialita’ di allora, il vero rimpianto.
      Ciao Lucia, e grazie ancora

  2. Laura says:

    Ricordi bellissimi Marghian, sei bravissimo, 🙂

    • MARGHIAN says:

      Grazie carissima.. Un bel ricordo.. Ho partecipato a molte di queste manifestazioni, ma non so dove ho altre foto al riguardo. Ho trovato questa, della prima volta. 44 anni fa, ci pensi? Ciao, buona notte 😊

    • MARGHIAN says:

      Ciao ti ringrazio. E’ da mesi sono mesi che non trovo le mie foto, ho due scatole con foto di famiglia, dove compaio pochissime volte, ho anche delle foto con amici, ma (le ho guardate ireri) sono sfocate. Non trovo le mie foto delle serate. Una dove ho preso il primo premio- la terza partecipazione mia-, due anni dopo-, non so dove sia il piccolo album. Poi, man mano che le trovero’… ciao, buona notte 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao. Si’, ne ho trovate. Nelle stanze di sopra ci sono due ripostigli apposta per le cose vecchie. C’e un como’ con dei cassetti, disegni di mio fratello quando era ragazzo, ai lati ci sono dei dipinti lasciati a meta’. In un cassetto ho trovato delle foto. Ma solo due sono altre due dei festival di paese. Le altre sono foto di famiglia, qualcuna con degli gli amici. Faro’ magari una presentazione con musica, ma devo prima guardare meglio, a che ne salti fuori qualcun’altra. Ho dato molte foto a mio nipote, perché’ studiando fotografia (fa il fotoreporter) gli servivano per dei confronti e modifiche. Mi faro’ mandare qualche foto via mail. Ho anche amici che hanno partecipativo a quei festival, vedo se me ne possono prestare. :Ci va tempo, fare le foto..delle foto, con il cellulare o con la fotocamera (a meno di decidere di prendere uno scanner, cioè’ la stampante scanner. Vediamo.. ciao 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ma stato piu’ tranquillo, ti ho solo voluto a che punto sono con la ricerca delle foto. Sai, non sono mai stato un buon “conservatore” (intendo, di cose 🙂 ). :Un mio collega, parlando di cd e dvd, un’altro si vantava di averne “200”, e lui. “non so se ci siamo capiti, io ne ho tremila!”. Ecco, io non sono cosi’, per natura, Se fossi bravo a conservare avrei messe in ordine decine e decine di cassette, vecchi fumetti, riviste, ^foto ed altro. Pensa, raccontini, poesie, riflessioni che scrivevo su quaderno (non si parlava alora di post e cose del genere), se avessi conservato bene tutto, avrei della roba scritta quando ero a scuola.
      E’ proprio perche’ sono tranquillo, che ci mettero’ del tempo. Ho trovato foto con degli amici, ma sai, per pubblicare, ci va un consenso, infatti a ququalcuno chiedero’. ; con i familiari sara’ di certo piu’ facile. Ciao 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s