UN REVIVAL CHE FA PIACERE SEMPRE ASCOLTARE (ovviamente non solo da me…): GREAT PRETENDER, Platters

Ciao. Qualche giorno fa mi sono divertito a canticchiare questa vecchia canzone dei Platters, del 1955. E’ una canzone molto bella, e famosa. Ho registrato il video con l’audio di una parte di “piano” che mi sono registrato prma, al computer. Si sentirà qualche rumorino, per via di questo (l’audio da cellulare invece, e’ pulitissimo). Non vene tanto bene senza le cuffie (le ho, ma con filo cortissimo), tanto che, per andare a tempo, mi aiutavo guarando l’andamento delle tracce nel programma- infatti mi vedete come se stessi “leggendo”. Riconosco a occhio, dalla forma delle tracce “a che punto” è la registrazione.

GREAT PRETENDER -cover

Youtube ci fa certe anteprime che ci abbruttiscono…

Il testo mio piace moltissimo. ha lo stesso significato de “il faut savoir” o “ed io tra di voi” di Charles aznavour: “il cuore mi scoppia, ma riesco a non darlo a vedere”. Mi ricorda anche Charlie Chaplin:”sorridi, anche se il tuo cuore e’ infranto…”.
“Oh, si’, io sono il grande simulatore, fingo che tutto stia andando bene. Il mio bisogno di far credere alla gente è tale che fingo troppo. Sono solo, ma nessuno puo’ dirlo. Si’, sono il grande fingitore, sallottato in un mondo tutto mio. Ho recitato (lett.: ho giocato il mio gioco) ma con una mia grande vergogna. Tu mi hai lasciato, a piangere da solo. Troppo reale, troppo forte è ciò che sento nel far credere; troppo vero è il mio sentimento che il mio cuore non puo’ celare. Si’, sono il grande simulatore; rido allegramente (gay= allegro, e’ il significato originale) come un clown. Mi sembra di essere quello che non sono, tu vedi. Rivesto il mio cuore come di una corona (parola di moda oggi, piu’ di quando c’era la monarchia… )Fingendo che tu sei ancora vicina a me…” (Platters)

THE ORIGINAL: GREAT PRETENDER – PLATTERS
Attenzione alll’audio, rispetto a quello del mio video, questo spacca…)

Belissima. Un’era musicale che non so se tornera’.
BUONA SERATA, CIAO
Marghian

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI 67 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in Miei video, musica. Bookmark the permalink.

21 Responses to UN REVIVAL CHE FA PIACERE SEMPRE ASCOLTARE (ovviamente non solo da me…): GREAT PRETENDER, Platters

  1. silvia says:

    buona serata Marghian 🙂

  2. ili6 says:

    Bravissimo, Marghian!
    Non ero ancora nata quando uscì questa canzone ma nella mia vita è capitato tante volte di ascoltarla e anche ballarla.
    Un evergreen.

    • MARGHIAN says:

      Grazie Mariro’. Già, un evergreen.
      Io avevo due anni. Mio fratello, quando io ne avevo 10 e lui 21, organizzava dei festini in casa. Ballavano, e fu già allora che e io sentivo questaa canzone., dal giradischi. Ciao.

  3. Laura says:

    Troppo bravo Marghian, buona domenica, 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao Laura. Ti ringrazio. Robetta semplice. Piuttosto, senza le giuste attrezzature (linsonorizzazione e’ un sogno, dovrei tapezzare il soggiorno o un’altra stanza di materiale che isoli dai rumori esterni); poi per sentire benele altre parti (in questo caso la tastiera regolata sul suono del piano ci vorrebbero le cuffie adatte. Ho messo la registrazione – fatta prima- a basso volume perche’ il microfonino e’ molto sensibile e sentivo poco la tastiera, e mi sono aiutato – avrai notato che stavo quasi fisso sulllo schermo- guardando l’andamento della traccia di registrazione. Si ingrossa e si assottiglia, man mano che gira; poi ha dei “dentini” in alto e in basso (la traccia o le tracce hanno la forma di come quando fanno un elettrocardiogramma o un ecoscandaglio che usano nei rilevamenti in maer, o un sismografo- ne posso scegliere di vari tipi, anche con sequenze numerate); e da li’ , avendo osservato prima l’andamento della traccia, e preso dei riferimenti, capivo meglio a che punto era la musica. Chiaramente ascoltavo anche, ma il solo ascolto, coperto poi dalla chitarra, non è sufficiente. Nel video, il piano si sente, ma io lo sentivo pochissimo. Aumenteare il volume avrebbe significato fruscii e distorsioni. Poi, io canto anche a voce bassa, anche perche’ ho abbassato la chitarra per farle avere lo stesso tono della tastiera. .Si puo’ anche alzare o abbassare il tono della tastiera, ma avendo poca estensione vocale, ho preferito abbasare la chitarra. E’ un lavoro piu’ lungo, corda per corda, ma cosi’ ce l’ho pronta, anche per le prossime volte 🙂
      Ciao, buona domenica.

    • MARGHIAN says:

      Grazie Laura, buon inizio settimana anche a te 🙂
      Ieri notte diluviava, con tuoni e fulmini (non esagero). Questa mattina, sole, e sembra che tenga. La pioggia mi ha lavato la macchina, che non usavo quasi da due mesi. Ieri l’ho usata per della spesa (quando compri tre buste di roba, due confezioni di acqua minerale, la macchina serve). Se la buona settimana si vede dal mattino (del lunedi’), si puo’ ben sperare. Ciao 🙂

      • Laura says:

        Anche qua pioggia a gogo, ciao Marghian, 🙂

      • MARGHIAN says:

        Il gogol di pioggia qui non ha continuato. Gia’ da ieri mattina c’era nuovamente il sole, oggi ha fatto persino caldo estivo. Come dite voi (della penisola), la Sardegna eì un paraidiso…climatico, oltre che di mare, di spiagge, di pittorechi villaggi e di ragazze…anche. Sara’ forse vero come dice una leggenda? La leggenda dice che quando un diluvio scese sul continente tirrenide, Dio si impietosi’ pensando- non voglio che tutto il continente sia distrutto, ne salvo una parte. Mise l’impronta del suo piede, e la terra con la forma della sua impronta, si salvo’. La Sardegna era chiamata dai greci Ikhnòs”, “impronta” o “sandalo” non ricordo esattamente. La marca della birra Ichnusa deriva da li’. Ciao 🙂

      • Laura says:

        Che bella leggenda, ciao Marghian, 🙂

  4. Pingback: GREAT PRETENDER. UN VIDEO SPETTACOLARE. Una bellissima cover del grandissimo Farrouk Balsàra. Meglio noto come FREDDIE MERCURY | Marghian – Music blog

  5. Bella canzone… e bella cover!
    Buon pomeriggio

    • MARGHIAN says:

      Oh, grazie!!!!!!! Ho pero’ poca estensione vocale, la miseria.. infatti devo quasi sempre ripiegare su un tono piu’ basso e cose del genere, e devo rinuncaire a cantare molti brani che pure so accompagnare con la chitarra e suonare alla tastiera (trovo io, a orecchio, accordi e parti, da sempre; leggevo la musica solo quando suonavo in chiesa, decenni fa….), ci rinuncio perche’…”non ci arrivo con la voce”. Prendi per esempio “roma capoccia” di Venditti. La suono, ma nella parte alta “ogggi me sembra che’, suono soltanto, o con la voce “mmmhhh”. Mi riferisco ovviamente, in questo caso, al suonare da solo o con degli amici- dove si canta in gruppo la canzone-, e scarto tali brani dalle mie pubblicazioni, chiaramente. Mi va bene un De Andre’, un de Gregori, un Gucccini o un Dylan, ecco; artisti che non salgono molto con la voce. A cantare “la canzone di marinella” riesco, “avrai” di Baglioni no. Ciao 🙂

    • MARGHIAN says:

      Grazie. Come diciamo noi in Sardegna, *fademus su chi podemus ..- sembra latino, vero? Infatti,, c’e molto ma molto piu’ latino nel sardo che nell’italiano, parola di linguisti-. Ah, significa “si fa quel che si puo'”-io ho usato il plurale maiestatis, *”facciamo quello che possiamo”. Ciao 🙂

    • MARGHIAN says:

      Grazie di ❤
      Ti ho risposto su "kolosimo". Un commento lunghetto eh? Ciao, grazie ancora, buona serata 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s