Pensierino di un giovedi’ di settimana santa

PENSIERINO DEL GIORNO
(ormai ben avviato…)

“se l’anima è il principio della vita, non può accettare la morte. Contraddirebbe la sua stessa natura di essenza di vita”

(una idea di Socrate, espressa a parole mie)

LASSU’ QUALCUNO CI AMA

Si. credo di sì. E credo che anche noi tutti, eravamo “lassù” . Perché penso che il “paradiso” della genesi non fosse.. “terrestre”, nessun posto sulla Terra è stato forse mai “paradisiaco. Ma così rappresentato per esigenze antropomorfiche e per semplicità’, non potevi allora parlare di” paradiso celeste”, men che mai Spirituale, ad una umanità bambina. Ecco “Adamo”, ecco “Eva”, versioni semplificate di un archetipo a simboleggiare, nel mito, la nostra originaria natura di esseri di Luce. Siamo esseri di Luce, si, ma non ce ne ricordiamo, o ne abbiamo forse un vago sentore. Diceva così anche il filosofo Platone, che immaginava un mondo di bellezza eterna e perfetta di cui abbiamo nostalgia: ecco forse, il perché del nostro senso religioso.

Esistevamo in Dio, e torneremo ad esistere in Lui “dopo” (ammettendo che gli avverbi di “tempo” qui abbiano senso); anzi, in Esso (perché “Dio” non è il vecchio con la barba della Sistina, ma un infinito mondo di piena Coscienza e Consapevolezza, trascendente la natura fisica eppur in essa intimamente presente).

Chi è tornato lassù, ponendo che “lassù” sia un fonema appropriato in quanto per “cielo”, in ambiti spirituale” non si intende di certo il cielo stellato, da lassù ci ama. Mio padre mi ama, mio fratello e mio zio Emilio mi ama, i miei sei fratellini morti a pochi mesi dalla nascita mi amano; mia madre mi ama. Anzi, non amano soltanto me e chi hanno conosciuto”, essi amano tutti. Siamo piuttosto noi qui, che nella vita umana misuriamo l’amore sulla base della parentela, e su quanto “lì abbiamo conosciuti” o “ci abbiano conosciuti” , sul fatto che abbiano vissuto ed operato nella nostra terra, nel nostro quartiere o meno, e via con altri criteri umani. L’amore infinito è altra cosa, è trascendente (sta aldilà, immensità infinita e nel contempo infinita e sostanziale, intima presenza), per questo è senza limiti. Ed è presente in ogni cosa che l’Amore genera e vivifica, da un fiore a una stella. E’ quell’ “Amor che move il sole e l’altre stelle”, che è anche la viva essenza di noi. Che, in sostanza, siamo noi.

(////////****)))))))

Buoon proseguimento  dell'”avvento” di questa Pasqua un po’ offuscata dagli eventi. La serenità. Questa si’, possiamo augurarci, anche perche’ la serenita e’ un’arma. E’ un’arma non violenta che, insieme alla speranza, da’ maggior forza al nostro “ce la faremo”. Ogni “ce la faremo”, si regge sulla maggior serenità possibile, e sulla  speranza.

Ciao

Marghian

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI 68 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- ; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. SONO IMPIEGATO STATALE IN PENSIONE. MI OCCUPO DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in FILOSOFIA, Pensieri, RIFLESSIONI, saluti. Bookmark the permalink.

12 Responses to Pensierino di un giovedi’ di settimana santa

  1. Caro Livio abbi sereni giorni di pasqua, io quest’anno non ho messo nessuna decorazione pasquale.. mi godo questo tempo sereno insolito.. sai qui a Verona non era mai l’aria cosi limpida e chiara sembra di essere in montagna si sente soltanto il canto degli uccellini, qualche volta abbaiare i cani… bussi ♥

    • MARGHIAN says:

      Da me e’ sempre cosi’, il mio paese in Sardegna e’ grande- come paese-, conta 10500 abitanti. Persino il centro storico e’ tranquillo (da sempre). Da noi non c’e l’inquinamento del Nord, e il mio vicinato, il mio quartiere, è nella parte periferica- non periferia -, del centro storico. Vedo da una finestra, o dal cortile attraverso il cancello (che non e’ massiccio ma “a stecche cilindriche”), le stesse cose di sempre. La vecchietta con le buste della spesa in mano (quando si carica troppo e la vedo tribolare, la aiuto…), la ragazza della casa di fronte alla mia dalla parte della facciata principale della casa che mi saluta di fretta perche’ deve badare alla mamma allettata; due vicine che se la raccontano (mai cose belle, involontariamente colgo a volte qualche stralcio:”ei gommai mia, mabi stai pobiddu miu, e deu puru gei seu acconcia…””si’, comare mia, sta male mio marito, e anche io, sono malmessa….”– “a chini ‘ddoi nai..” “a chi lo dici…”- ); e poi un cane, un gatto e basta. Bussy ♥

      • beato te caro Livio, .. qui in questo periodo nessuno saluta, ne anche prima del virus la gente qui non comunica tanto… per dialogare devi andare al bar, e per dare la mano in chiesa (scambio di pace :D) insomma ora nessun scambio di pace, ill bar e chiuso … per parlare mi rimane solo Gianni e Tatanka … bussi ♥

    • MARGHIAN says:

      Ciao Rebecca. Io ho gli amici, non molti, con cui mi sento per telefono o ci parlo o scrivo su whats app. La vicina, e’ molto gentile, e’ la piu’ giovane del vicinato, ha piu’ di 50 anni, e ha una vita piuttosto scrificata. Lavoro, e assistere la mamma ammalata. La aiuta un’altra viacina, che lavora “a ore” . A me manca la sera verso le 18 andare in piazza e al bar, perche’ li’ “socializzo” . La socialita’ e’ ora relegata all’uso di telefoni, smartphones e computer. Ma meglio di niente. Tu sei con Gianni e Tatanka. Almeno pensa che a Gianni puoi dire”cosa pensi di questo programma televisivo?” “Ti piace questa cosa?”. alla gatta, io non lo posso dire se una cosa le piace- a meno che non si tratti di roba da mangiare… Scherzo dai 🙂
      Bussy 🙂

  2. lucetta says:

    La tua riflessione MI PIACE. Sei un’anima bella che ha pensieri profondi che rispetto ed in parte condivido. Serena Pasqua Livio.

    • MARGHIAN says:

      Ciao Lucia. Grazie. Serena Pasqua anche a te, con l’augirio che la prossima, dopo questa, e altre che verranno, siano pascque piu’ serene e felici. Ciao 🙂

  3. Laura says:

    Bellissime parole, un abbraccio caro Marghian, Buona Pasqua, tanta serenita’, ❤

    • MARGHIAN says:

      Ah, Laura, grazie. Pensierini spontanei. Non che non dorma la notte a pensarli eh? Sai quegli scrittori, o poeti, nel buio di una soffitta, ad arrovellarsi alla luce di una candela, “ma scrivo dolce amore o amore dolce…no, tenero amore…”. No, non sono di quelli, magari raggiungono alti llivelli, grandi poeti, ma non mi interessa esserlo.
      Buon venerdi’ santo..ah, conosci la canzone di Guccini, sul venerdi’ santo? Fra poco la sentirai, e mi sentirai 🙂

      • Laura says:

        Marghian sto scrivendo il post per Pasqua, vengo poi a sentire la tua canzone, ti abbraccio tanto, oggi ho preso il sole in giardino dopo aver lavorato un po’ ma ho dovuto venire in casa perche’ ho incominciato a starnutire, l’allergia ai pollini e’ in arrivo, in modo leggero, un abbraccio grande, a stasera, 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ah, Laura, mi dispiace per la tua allergia. Io in casa cammino, anche, per le stanze. Poi, la corsetta in cortile; diagonalmente, da un angolo della apertura a cancello ad una verandina dove ho lo scaldabagnio, sono 15 metri. Diagonalmente, quindi andando e tornando diventa una corsetta di un chilometro, in pratica un quarto d’ora avendo tempo fa stabilito che in un’ora faccio circa cinque chilometri, in un’ora e mezza sette, otto, che sono i miei chilometri “standard”. Un quarto d’ora, o venti minuti,e nelle stanze cammino. Poi c’e la cyclette, la uso mentre guardo qualcosa nel televisore collegato a internet, ed esercizietti da fermo. Questo per la attivita’ fisica, poi c’è il resto.
      Vado a vedere il tuo post di Pasqua, ci saranno sicuramente delle tue squisitezze. Sai chi era Tantalo? Nella mitologia greca venne punito dagli dei, venne legato ad un albero “vivente” con frutti bellissimi, i rami si piegavano da passargli i frutti a contatto con la bocca e il naso, ne sentiva l’odore. Appena cercava di addentare il frutto, il ramo si scostava.. Cosi’ è per le immmagini tue immagini di dolci, torte e e bei piatti: solo da vedere 🙂
      Scherzo, ovviamente, anche l’occhio vuole la sua parte..scherzo ancora, ciao..

      • Laura says:

        Io corro sul tapis roulant di mio papa’, non e’ la stessa cosa ma in mancanza d’altro, anche Willy corre con me, se riesco faccio una foto, 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s