COME E’ PROFONDO IL MARE..IL MARE MAGNUM DI UNA RETE CHE CI IMPRIGIONA

UNA RETE CHE SOPRATTUTTO, CI IMPRIGIONA IN CELLE MASCHERATE DA LIBERTA’ E DI ILLUSORIA MULTIPOTENZA

Ciao. Ricordate la canzone di Lucio Dalla, “Come è profondo il mare”?. E’ questa:

Dice ad un certo punto: “..innalzo’ per un attimo il povero ad un ruolo difficile da mantenere, poi lo lascio’ cadere, a piangere e a urlare: “sono in mezzo al mare. Come e’ profondo il mare.”.- strofe che a mio avviso ben si collegano a queste altre: “….frattanto un *Mistico, forse un *Aviatore (bella questa, ma….che anche Dalla nel comporre queste strofe abbia pensato alla teoria secondo cui Gesù era un extraterrestre? Fine della chiosa…) inventò la commozione che rimise d’accordo tutti, i belli con i brutti. Con qualche danno per i brutti, che si videro consegnare un pezzo di specchio così da potersi guardare….”.
Dalla: un profeta. Permettetemi, a proposito di profeti questa mia piccola esegesi (parola infatti usata per lo più in questo specifico contesto), una esegesi a posteriori.
– Il “pezzo di specchio”, è lo smartphone, con danno forse peggiore di quanto dicono i “versetti”- li chiamo così sulla falsariga delle profezie- peggio, in quanto dato anche ai belli, anzi prima di tutto ai belli (“belli” in quanto se lo potevano permettere, “belli” secondo la società”) così da venire abbruttiti. I brutti, ossia quelli che sono su un piano inferiore- sotto l’ottica esclusivamente umana e classista..-, sono cosi’ descritti negli altri “versetti”:” innalzò per un attimo il povero a un ruolo difficile da mantenere, poi lo lasciò cadere, a piangere, a urlare: sono in mezzo al mar…”- non avendo la forza di reggere alla competizione imposta dagli schemi dei falsi valori-.  Tutti ci guardiamo e guardiamo gli altri attraverso questi nostri pezzi di specchio, con la quasi morte clinica degli sguardi diretti, e dei sorrisi. Ma spiega tutto questo, decisamente molto meglio di me, Enrico Ruggeri, con questa canzone. Termina -sempre rimanendo sull’onda metaforica ma non troppo della profezia, con una piccola “apocalisse”: la fine della rete, la conseguente disperazione e rovina di qualcuno, diciamo “qualcuno”, e la liberazione di molti.  Comunque, a Ruggeri la parola- e la musica, si intende-.

A DOMANI, CIAO

Marghian

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI 67 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in musica, RIFLESSIONI, società. Bookmark the permalink.

2 Responses to COME E’ PROFONDO IL MARE..IL MARE MAGNUM DI UNA RETE CHE CI IMPRIGIONA

  1. Laura says:

    Ciao Marghian, buonanotte, 🙂

    • MARGHIAN says:

      E’l’una, ti scrivo guardando in TV.. quello che scrivo. Ora mi guardo un #vizi che ieri notte ho guardato per metà, su un cado di ufo deli snni’50, da YouTube. Ho visto anche questi video a tuto schermo, dal post. E ho visto il tuo commento. Buona notte, ciao 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s