SAN VALENTINO, SAN FAUSTINO (uno per gli innamorati, l’altro per i single. Ma …non bisticciano?), SANTI PROTETTORI, AMULETI E CREDENZE VARIE…..

“..e credenze varie…”. Credenze … comodini, guardaroba e mobili vari..-Sapete perché il mobile si chiama “la credenza”? Un re, una regina, od altra persona importante erano, come la Storia ci mostra con mille esempi, a richio di avvelenamento (si dice che anche Napoleone, in esilio a Sant’Elena, fosse stato avvelenato lentamente con l’arsenico). Quindi il Re (o l’imperatore, la regina ecc…), usava un mobile “di fiducia”: “qui… non ci sono veleni”. Ecco perche’ “la credenza”, la fiducia riposta in quel mobile con bevande “sicure”. Poi, magari, la cosa non sempre funzionava. Ma, al fine della origine del nome del mobile, la cosa non incide. Okay, vado…

SAN VALENTINO, SAN FAUSTINO …

Ciao. Sono ancora in tempo, si’? Scherzo. Cmunque, è questo il mio “buona serata” con un pizzico di San Valentino rimanente..

Il giorno sotto la giuristizione di San Valentino è quasi finito domani e’’San Faustino, “protettore dei single” (uno per gli innamorati, l’altro per i single. Ma non bisticciano? Faustino: “a Valenti’, se tu aiuti a trovare l’amore, perdo clienti io, mica giusto, se tutti si sposano, chi rimane a venerarmi? Già essere sotto la tua protezione e ritenuto migliore che sotto la mia, )…”san Faustino il contentino” come lo chiamo io 🙂

San Faustino per gli scapoli. Una cosa tirata fuori.. nel 2001 mi sembra, comunque anno preciso a parte, è una cosa recentissima, rispetto a santi protettori tipo S. Valentino o San Crispino (specializzazione: aiutare i calzolai), Santa Lucia per i malati di vista. Una “ottava”, presa dal poemetto “Sa Mundana Cummedia” di Salvatore Poddighe dice: “Santu Crispinu este  pro su sabateri, e pro cussos chi sun guastos a sa vista, santa Luxia porta sa impresa in manu…”(“san crispino è per il calzolaio, mentre per coloro che hanno problemi alla vista, Santa Lucia ha in mano la faccenda..”). “Protettore degli innamorati”, “dei contadini”, ora anche dei Single.
Ma raga’, crediamo ancora nei numi tutelari. Li chiamiamo diversamente, “santi protettori”, ma sempre credenza popolare e’..Ah,, a proposito di credenza popolare, sapete da dove deriva la parola “pagano”?. Dal “pagus”, in latino “il villaggio”, e l’abitante del villaggio era il “pagensis” da cui la parola “paese”. Quindi, il “paganus” altro non era che quello con la mentalita’ “povera” dell’abitante di un villaggio (corrisponderebbe al sardo “biddaiu” o “bidduncu” insomma), da qui “la cultura del villaggio”, indi “credenze pagane”; come oggi si parla di “cultura contadina”, di “magia contadina”: la credulità popolare.

Infatti, credere al santo degli innamorati, a quello dei calzolai, al protettore dei falegnami, è cultura pagana, nel senso di un modo sempliciotto di credere. La trascendenza è altra cosa, che a mio avviso non ci azzecca con queste cose che anzi la ridicolizzano. La cultura popolare è interessante, però..solo antropologicamente parlando, sotto il profilo dello studio e della conoscenza del patrimonio culturale, di tradizioni, e coso.

E, di certo, non è da mettere sullo stesso piano (appioppando indiscriminatamente il marchio di “credulo” o peggio, di “credulone” ), chi crede, o semplicemente ritiene- dal punto di vista magari solo filosofico…- ,e spera nella possibilità’ di una trascendenza, con chi va dal mago, con chi si sottopone a cure per il malocchio, con chi recita quelle tetre formule che noi in Sardegna chiamiamo “is brèbus” (dal latino “verba”, “parole”,ossia formule magiche, formule di evocazione e di preghiera) per evocare il proprio angelo, addirittura per evocare forze malefiche al fine di danneggiare chi si odia (in un documentario in tv su persone che sono “clienti” di maghi e di improvvisati guaritori- pensate ai paesini del sud…-, una donna dice al mago che le ha chiesto se per la persona odiata voglia una fattura a morte o che cosa. “a morte, a morte ”-in accento tipo calabrese o pugliese-  “Sì, le faccia una fattura a morte, ^a quella…”); o ancora, con chi dorme con un amuleto sotto il cuscino, o con chi gioca i numeri sognati- non me ne voglia qualcuno, per questo esempio, ne’ per il fatto che io odio lotto enalotto lotterie gratta e vinci e cosi vari. Anche quando ero disoccupato, e manovale a giornate alterne, non ci ho mai tenuto….- ; o ancora, con chi crede nella protezione di un santo nelle cose della vita immanente come il lavoro, la salute o il matrimonio, addirittura la fortuna al gioco. Questi, ecco, sono esempi di vera credulità. l’altro, invece, è ricerca di senso. Ciao…

A domani

-tocca a me..èi, deu ca’ ci creu meda…-

(eh si’, io che ci credo molto…)

Buona notte

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI 67 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in Auguri, MOMENTI, opinioni, RICORRENZE, RIFLESSIONI, saluti, saluti augurali. Bookmark the permalink.

7 Responses to SAN VALENTINO, SAN FAUSTINO (uno per gli innamorati, l’altro per i single. Ma …non bisticciano?), SANTI PROTETTORI, AMULETI E CREDENZE VARIE…..

  1. Laura says:

    Buonanotte caro Marghian, 🙂

  2. silvia says:

    Sono giorni come gli altri caro Marghian, usati solo a scopo commerciale 😉
    Buon fine settimana!

    • MARGHIAN says:

      Vero che è così Silvia. Noi sardi per una cosa così chiara diciamo “mancu nau si ‘oidi”, “non va neppure detto”, “non c’è bisogno di dirlo.”. Ma io ho pensato a quanta gente, più in generale rispetto ad un” San vslntuno” o “San faustino” ma anche comprendendo come esempi queste tradizioni, ci crede. Gente con la laurea, ti assicuro per esperienza diretta (conoscenza diretta di persone credule). Per via di questo ho pensato che forse, “oi nau”, va detto. Sulla commercialita'” di queste” feste” non ci piove. Nello scrivere (sempre in modo spontaneo) ho pensato di striscio a qualcuno (amico non virtuale. ) che mi ha dato del credulone, e a cui o ho risposto “e tu metti sullo stesso piano chi..” (il resto è nel post).
      Comunque sto trascorrendo in buon s.an faustino, ossia un buon sabato come gli altri, e oggi è una bellisdima giornata di sole. .
      Buon pomeriggio Silvia, ciao 😊

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s