LA VITA E’ COME UNO SPECCHIO

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI 67 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
Image | This entry was posted in Pensieri. Bookmark the permalink.

22 Responses to LA VITA E’ COME UNO SPECCHIO

  1. Laura says:

    Ciao Marghian, buonanotte, 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao Laura. Sai, quella canzone di Guccini: “…se son di umore nero, allora scrivo, frugando dentro alle nostre miserie…”. Momenti, che definiamo negativi, ma questo non mi trova del tutto d’accordo, anche perche’ sempre Guccini dice “..le stagioni di sorrisi son denari che van spesi, con dovuta proprieta’…”. Noi isamo una mistura di questo. Momenti, stati, chenon possono essere marchiati ne’ come del tutto positivi, ne’ come del tutto negativi. Momenti, che ispirano pensieri. Momenti, che regolano la forza dentro di noi.
      Il raffreddore e’ passato, ho ripeeso a camminare. Ciao 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao Laura. Grazie. Posso dire di stare bene, non meglio. Bene nel senso che ogni traccia di raffreddore e’ scomparsa (dicendo “megliio”, invece, e’ come dire che qualcosa c’e ancora… 🙂 ).
      Guarigione meritata, dato che due settimane sono stato raffreddato per quasi due settimane belle belle. Le camminate vanno alla grande, c’ero anche questa mattina, alla marina vicino al paese. Da solo vado sempre li’, è vicino (12 chilometri); ieri pomeriggio, con amici, ero alla marina di Oristano, sono 30 chilometri. Non a piedi, si intende, eravamo in due macchine. A piedi camminiamo li’, per circa 6 chilometri. Il mare era come olio, quasi bianco, illuminato dal sole del pomeriggio. “Peccato, non poter entrare a nuotare”, ho detto ad un amico, quello che stava piu’ vicino a me. Dietro, una amica che ha risposto “peccato davvero, accontentiamoci di camminare, e di vederlo…”(il mare). E l’altra, di fianco a lei: “gia’…”. Ci piace l’estate, decisasmente. Ciao Laura , buon fine settimana 🙂

  2. Renza says:

    Che belle parole,veramente poetiche.
    Saluti.

    Renza

    • MARGHIAN says:

      Versetti improvvisati, Renza, ciao. Dettati dall’animus del momento, E, credo corrispondenti al vero. È vero che bisogna sorridere alla vita a che essa sia più buona con noi. Ma sta anche alla vita, sorriderci a sua volta. Non è sempre del tuto colpa nostra insomma. Bisogna poi vedere se chi si dichiara sempre dorridente, sia davvero contento. Occorre capire anche ciò che sta “dietro le quinte” , di un sorriso. Che può essere anche un sorriso di buon viso a cattivo gioco, credo il più frequente. Ciao 😊

  3. Rebecca Antolini says:

    Ciao Marghian… spero che tu stai bene ♥

    • MARGHIAN says:

      Ciao, Rebecca. Si’ che sto bene, nonosante questa mia “pillola” di realismo sulla vita, sto bene. Su Facebook sono poco presente. Ma vedi, io ho PIU’ TEMPO, da PENSIONATO. Ma proprio per questo, sto curando- nel possibile- la socialita’ diretta. Capita l’occasione di andare insieme a fare una camminata, in città (che per noi e’ il paesotto di Oristano) per vedere dei negozi, trattenermi di piu’ a chiacchierare in piazza o in un bar -ora che hho tempo-, ed ecco che la commentistica, la messaggistica, passano giocoforza in secondo piano. Cioe’, l’importanza resta la stessa, anche del “virtuale”, ma avendo un tot di tempo, capitando le occasioni, preferisco stare meno davanti ad uno schermo e piu’ davanti alle persone. Socializzare sta divenando sempre piu’ difficile, ti trovi con gente che non fa il miimo discorso oltre l’aver arato la vigna o quanto ha peso il cagliari o a lamentarsi per Salvini o Di Maio. Non che io non ami chiacchierare di cosette di poco conto, anzi mi adeguo molto. Ma quando constati che gli argomenti sono solo e solo quelli, vuoto assoluto, allora ave maria avanzai! . “Ave Maria, avanzate”, si diceva nelle processioni per dire a coloro che portavano il simulacro della Madonna di rimettersi in cammino, per incontrare nel momento giusto quello del “cristo”, per eempio a Pasqua- “ave maria…avanzate…”- ma lo diciamo tipo “oddio”, “per carita'”, “oh mamma mia..”-.. Ciao, bussy 🙂

      • Rebecca Antolini says:

        Sono felice che stai bene, sta mattina volevo già propugnare la tua scomparsa da “chi la visto”… per ora ho scritto solo un post in FB e mi hanno detto che ci sei ancora in wordpress … fai bene di stare in compagnia con persone reale, per il virtuale c’è sempre un po di tempo… bussi e stammi bene ♥

    • MARGHIAN says:

      Rebe’, ioti ringrazio, ma prima di “chi l’ha visto” ci sono: computer che si guastano (non e’ il mio caso, ma e’ la prima cosa da pensare), cellulari che si gustaano (stesso discorso); ma prima di tutto, la voglia di fare altro e la mancanza di tempo per internet. Poi, scartate queste cose (che sono le prime da pensare), si contatta la Federica Sciarellli 🙂 Ciao, se non stasera domani, lascio qualcosa 🙂 Ciao, grazie ancora e Bussy

      • Rebecca Antolini says:

        Importante che tu stai bene ♥

      • MARGHIAN says:

        Si’,sto abbastanza bene. Pensa poi anche alla mia eta’, camminare per sei o sette chilometri ogni pomeriggio quasi, poi in estate il nuoto, e le energie ci sono…spero che durino…Piuttosto, stammi bene tu, ciao 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao, Rebecca. Adesso dovrei fare un “contro – chi l’ha visto” per te, dopo il tuo “chi l’ha visto” per me (grazie… 🙂 ).su facebook ho commentato, postato (anche un video dove canto una canzone),e altri commenti dove ti rispondo “tutto ok”, parola piu’ parola meno. Sul “contro chi l’ha visto” scherzo, ma comunque tranquilla, e grazie ancora. Ho messo un video per salutarvi, “Cielo”, con mia musica; ora lo metto anche qui.
      Ciao, bussy 🙂

    • MARGHIAN says:

      Mai pensato che la casalinga di Verna non mi pensi. Sai che stavo dalla casalinga di Torino, mia sorella. E io sono il casaalingo di Oristano 🙂 Terralba, veramente, a 22 km, il paesotto piu’ grosso dopo Oristano, bussy 🙂

      • Rebecca Antolini says:

        ah eri a Torino, potevi fermati anche a Verona almeno per un buon caffè 😀

      • MARGHIAN says:

        Vero!! Anzi, Vero – na 🙂 – Sarebbe stata una bella idea, ma cosi’, alla cieca..magari la prossima volta, ti faccio sapere in anticipo e tu mi consigli o mi prenoti una locanda (non ti voglio disturbare…), okay? Io ci passai, a Verona, in treno. “Porta Nuova”, vero? La stazione. Ci sono passato nel 1973, ero militare in Friuli, a Casarsa in provincia di Pordenone, e andai in permesso di un giorno- dalle sette alla mezzanotte, ora in cui dovevo rientrare al corpo…- a Venezia. Ricordo bene il nome della stazione perche’, leggendo “porta nuova” associai subito alla stazione principale di Torino , che ha lo stesso nome, Porta Nuova. Ma dal treno non vidi nulla di Verona. Ciao 🙂

  4. lucetta says:

    Sono d’accordo con te nel dire che sorrido alla vita se lei mi sorride altrimenti è un poco difficile il contrario. Ciao Livio. Buon fine settimana e godi ogni giorno la libertà che hai. Non rimpiangere il lavoro mi raccomando.

    • MARGHIAN says:

      Grazie Lucia. In quanto al rimpiangere il lavoro, non c’e pericolo. Ho un po’ di rammarico per qualcosa che “non è andata nella vita” (una famiglia). Ma questo esula completamente dallo stato di lavoratore o di pensionato. nel quale secondo caso, vedo solo vantaggi. Ciao 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s