EPIFANIA – 2020

EPIFANIA

“….che tutte le feste si porta via”; o Befana, che tutte le feste ci allontana…
Le voglio dare un altro attributo, un altro carisma: “che il faffreddore si porti via”, e’ un dono che non gradisco. Non ho neppure messo la calza, ma la Epifania- Befana mi ha fatto il dono. Ma anche io,  a non capire che in questo caso l’organismo ha fatto da calza, per i virus….  😆

Ciao. Volevo fare il post sul giorno della Epifania, anche e soprattutto per salutarvi, al mio rientro dal soggiorno di 17 giorni a Torino.Lo faccio adesso, nel pomeriggio, dato che ne’ ieri sera ne’ sta mattina avevo tanta voglia. Ho preso l’influenza. Sabato, nel viaggio,  fra pullman, aereo e treno, e ancora pullman- in paese non c’e la stazione ferroviaria… – quindi passando da un ambiente all’altro e cambiando clima in un’ora (in Sardegna fa meno freddo ma c’e molta piu’ umidità, pensate poi alla zona di Cagliari, zona marina, rispetto al Piemonte distante dalle coste e vicina alle Alpi).

E mi sono cosi’ caricato di un bel raffreddore, con febbre. Sabato notte l’avevo a 40, e ieri notte a 38. Quindi capirete, la voglia. Però, prima di cenare, ho preparato “tu sendi dalle stelle, della serie “cosi’, domani mattina….”, e sono arrivato alle 13 passate (oltre all’essermi alzato tardi, ho referito uscire). . Adesso di febbre ho 37,4, alla sera comunque salirà un po’. Comunque non mi faccio vincere dalla febbre, grazie a Dio ho un fiscico ancora forte – non mi devo lamentare, da prossimo 67 enne al 24 del mese-. Ogni sera bevo un bicchiere di latte e miele caldo, e prendo la mia bella takis piròs (è per questo che la chiamano Tachipirina, dal greco,  “fuoco rapido”, ossia “che brucia la febbre in fretta”, o dovrebbe…). Poco fa ho cercato alcune imagini e fatto il videoslide.

Tornando all’influenza, sono contento di averla beccata al rientro e non all’arrivo li’. Non sarebbe stato un bel soggiorno.

BUONA EPIFANIA

“Non è Natale, senza Tu scendi dalle stelle” (Giuseppe verdi)

Un “tu scendi dalle stelle” suonato ieri sera con la febbre a 38… 🙂

A stasera, ciao
Marghian

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI 67 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in Miei video, my music, RICORRENZE, saluti. Bookmark the permalink.

14 Responses to EPIFANIA – 2020

  1. lucetta says:

    Buon rientro e meno male che hai preso l’influenza appena tornato a casa. Era prevedibile con gli spostamenti e con questo tempo matto!!!!! Un saluto e sempre bravo.

    • MARGHIAN says:

      Ciao Lucia. Già, a pensarci, mi è andata molto bene, in questo senso.. L’ho presa bella, adesso (quasi le 20,, la febbre è salita a 38,5). Sto a letto, scrivo con il telefonino. Mi alzerò verso le 21 per mangiare qualcosa, una minestrina e un po’ di petto di pollo con contorno insalata lattuga. Tutto secondo la dieta prescrittami (diabetologo, dietologo ).
      Meno male che ora non devo rendere conto a nessuno, domani sarebbe dal medico, comunicare entro le 9, poi comunicare i giorni concessi e il n. protocollo del certificato di malattia. Almeno tutto questo non c’è più, Deo gratias.
      Ti confesso che in questi anni di età lavorativa aumentata rispetto ai 60, 62 anni massimo che mi aspettavo, mi dicevo “ma per chi? Altri cinque, addirittura sette anni in più, viaggiare, disagi, niente tempo per me, per vivere da solo…”.
      Il problema ahimè non si risolve, ma adesso almeno se mi sale la febbre, o i viene un colpo della strega mentre faccio cena,,la cosa non mi “terrorizza” più come prima, del tipo: “e domani?.. Proprio per domani mi hanno raccomandato di non mancare…” e, guarda lì, succedeva. Altri erano in permesso. Con i certificati mancavo, certo, ma al rientro mi vedevo musi lunghi venti metri. Non ti racconto dei nove anni fatti da turnista, quasi tutti i festivi precettati. “Mi servirebbero per domani due ore..”- “non vedi che è sguarnito?”- . Non ero “mobbizzato”, anzi ero ben voluto. Il disagio era per tutti, turni da fare e poco personale, da essere chiamati anche a casa e saltare il riposo.
      Meglio adesso, e non esiste noia e cose varie,. Ciao Lucia, bona (rimanente) Epifania e serena notte .

    • MARGHIAN says:

      Altra cosa, su questi periodi di influenza. Non posso riguardarmi appieno, nemmeno se lo voglio (altra “bellezza” del vivere soli), tra far spesa ed altre cose, far da mangiare, i piatti e per portare di sera la nettezza fuori dal. cancello, e per la gatta (il suo angolino cibo-bisogni è sotto una delle due tettoie che ho, attraversato il cortile. Devo quindi per forza attraversare il cortile (dentro la veranda, si creano odori…) . Indosso qualcosa per il cortile, ma lo sbalzo c’è. Non posso portare i rifiuti fuori di giorno, ma solo a buio la sera. I ragazzi di una cooperativa ogni mattina, raccolgono con il camioncino apposito i rifiuti porta a porta, secondo in certo calendario….

  2. silvia says:

    Ormai è passata, buona ripresa Marghian ti auguro di guarire presto, buona serata 😉

    • MARGHIAN says:

      Ciao Silvia. Sono ancora a letto ma non ho dormito, è per stare al caldo. Sto commentando ovviamente col cellulare, dal letto. Luce spenta, ma la retroilluminazione mi fa vedere. Di stare al PC in soggiorno non ho la minima voglia. Vado in cucina, fra poco. Mangio, tachipirina (sono a 38 kaiser…) e di nuovo a Leto. Mi “conosco”, almeno una o due settimane a influenza mi dura.
      Okay, buona serata.. conclusiva del periodo natalizio, mettiamola così..
      Hai visto, sentito, sul meteorite caduto in Emilia? Se stessi bene farei un post ma poi, a parte il caso specifico, il ritrovamento di quasi tutto il meteorite (quasi…), il tipo è l’importanza del ritrovamento tempestivo (un meteorite se caduto in vecchia data e contaminato…), a parte questo è il fiuto del cane per i meteoriti, nulla di più di quello che vi ho scritto un molti post..
      Ascolta (youtube), se mai, un certo Romano Serra, sardo, espertissimo e persona stupenda, dove parla proprio di questo meteorite, come se lo avesse “adottato “.
      Ciao, di nuovo ‘serata 🙂

  3. Laura says:

    Ciao Marghian, riguardati, 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao Laura. Eh, come posso, oggi ho fatto un po’ di commissioni, di sera devo per forza uscire in cortile per lasciare fuori dal cancello i rifiuti per la raccolta differenziata. Come ho scritto a Lucia, non posso riguardarmi del tutto. Quando lavoravo dovevo (giocoforza) andare dal medico, alle 7,30 per essere fra i primi (a domicilio non visitava e non visita prima dell’una del pomeriggio) e poter comunicare entro le nove “la malattia”. Vedevo gente non malata, una signora che diceva “no, sono qui per mio marito che ha la febbre, per un certificato….”, e il marito al calduccio. O viceversa,”sono qui per mia moglie”. Chariamente a me, vivendo da solo, e pensa alle solite cose come fare la spesa, andare a prelevare soldi, far pranzo e cena, i piatti, portare fuori il mangiare per la gatta (dentro, ciotola e lettiera odorano, quindi ha tutto in una delle due tettoie, attraverato il cortile) , portar fuori la nettezza (un’ordinanza vieta di farlo di giorno!), e chiaro che messe csi’ le cose, a me una influenza durava e dura di piu’. Provavo a volte con mia cognata, e mio fratello prendeva la chiamata e mi diceva “prima di mezzogiorno non puo’…. non e’ la stessa cosa. Ho familiari ma non ho famiglia, non e’ la stessa cosa.
      Comunque, sto un po’ meglio, un tantino, la febbre e’ adesso a 37,7. Ciao, adesso vi lacio alcune mie foto di me a Torino, con musichetta che ho fatto tipo musica da chiesa (suono tipo organo alternato a suono tipo archi…) , dato che siamo ancora in odore di Natale… ciao 🙂

      • Laura says:

        Posso capire Marghian, spero ti passi presto l’influenza, intanto vengo a curiosare nel tuo blog, un abbraccione, 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ah, Laura, ho finito. Con le immagini in rettangoli verticali non mi vien molto facile inqudrare, impostare. Adesso cena (leggera) e a nanna. L’influenza..”passera’, pasera’, anche se farai soltanto ta ta ta….passera’…” di Aleandro Baldi, ciao 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s