MARIA CARTA. LE MEMORIE DELLA MUSICA – con i Tazenda

Questa canzone non fu ammessa a partecipare al festival di Sanremo dalla commissione di “esperti” incaricati di selezionare le canzoni. 
Strano che una canzone cosi’, una voce cosi’, non abbiano toccato loro il cuore. Ma..quando lei cantava, nella selezioine, la stavano ascoltando? Se la stavano ascoltando, la cosa e’ parecchio grave, perché nemmeno la voce di Maria Carta poteva toccare qualcosa che non c’era.

MARIA CARTA – TAZENDA

LE MEMORIE DELLA MUSICA
(Deus Meu)
Serena notte, ciao.

Marghian

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI 67 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in FOLKLORE, MOMENTI, musica. Bookmark the permalink.

14 Responses to MARIA CARTA. LE MEMORIE DELLA MUSICA – con i Tazenda

  1. Laura says:

    Bravissima, ciao Marghian, 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao Laura. Maria Carta, bravissima? Era molto brava. Era sarda, fosse stata della Penisola avrebbe avuto la stessa fama (internazionale) di una Gabriella Ferri. Che dico, fosse ad esempio romana o milanese avrebbe avuto la fama di una Amalia Rodriquez, “regina” del genere “fado portoghese”. A proposito del “fado”, molti canti sardi “seri”, come ad esempio “sa disisperada ” “(la disperata”, ma non nel senso di “donna” o “madre disperata” in specifico, ma un genere di canto “triste”, ecco perche’ “sa disisperada” ), molti di questi canti che Maria Carta rendeva benissimo, somigliano al fado. “sa disisperadsa”, come “fado” significa “destino”, quindi un canto melanconico. Per esempio la “disisperada” “Adiu a mama”, dove cantando dice “no kerzo chi piangas mama mia, sa beneizione giami e bia…”- “non volgio che pianga, mamma mia, la benedizionie ti chiedo solamente..”.
      Ah, devi sapere una cosetta ancora, che Maria carta nel 1957 vinse il concorso di Miss Sardegna e poi al concorso di prima figge (Miss Italia… 🙂 🙂 ) . Non so pero’ come si piazzo’ a Missi Italia, comunque, esserci arrivata, significa che anche in bellezza non scherzava.
      Hai presente la scena del Gesu’ di Nazareth dove la sorella di Lazzaro Marta va icontro a Gesu’ e gli dice che Lazzaro è morto? Marta erea Maria Carta. La si vede anche ai piedi della croce
      Ciao 🙂

    • MARGHIAN says:

      Senti il canto a “sa disisperada”. “Adiu a mama”.

      Guarda poi ome era bella. 1971.
      Cn tutto il rispetto per Gabriella Ferri “maruzzella maruzzè'”, “a ‘n do’ sta zazzà—“, ma preferisco questo.
      E triste, ma fa viaggiare il cuore.
      Osserva i passaggi con la chitarra (e la fisarmonica). I chitarristi che suonano questo genere ti creano dei paesaggi con la chitarra.

    • MARGHIAN says:

      Ciao Laura. Bellezza e livello artistico fantastici. Si’, non era certo una sconosciuta, ma secondo me, avrebbe meritato piu’ fama. Non lo penso in quanto “sardo” e in quanto “sarda” lei. Proprio sulla musica, si deve essere aperti ad ogni genere di ogni luogo, e io amo anche la musica cinese 🙂 . Ma questa mia idea sulla “penalizzazione ” a volte dovuta al luogo di origine di un artista, ad una nazionalita’ piuttsto che ad un’altra, e’ piu’ generale. Gilbert Montagne’, che di certo sardo non e’, comunque se fosse *americano anziche’ *francese, sarebbe molto ma molto piu’ conosciuto nel mondo. E’ un grosso virtuosista del piano e un vocalist di tali capacita’ che da’ filo da torcere anche a Stevie Wonder. Ma e’ francese… – hai mai pensato al perche’ non sentiamo mai cantanti tedeschi? E non perche’ non ce ne siano, li’ ce ne sono, di bravi eccome. .Cosi’, la stessa cosa per Maria Carta, molto meno famosa che se fosse romana, genovese o milanese. Questo a livello italiano. Immagina una come lei se fosse stata irlandese, o scozzese. Sarebbe stata di fama mondiale. “Mary Card, nata a Dublino, grande esponente della musica celtica..”. Fa piu’ effetto, di “Maria Carta”, esponente del canto sardo a chitarra, muttos e canto in re….” . Non e’ la setssa cosa, non e’ la stessa cosa… 🙂
      Ciao, buon pranzo 🙂

  2. sherazade says:

    Magnifica cantante che probabilmente ai più giovani non conoscono affatto.
    SHERA

    • MARGHIAN says:

      Hello!!!!! Vero, serve fare un po’ di memoria storica di artisti che erano Artisti. Ho aggiunto un altro video, con un po’ la storia di Maria Carta- pochi accenni alla carriera,, non alla biografia.
      Grazisheraciaoabbracci 🙂
      Marghy

      • sherazade says:

        Ho letto anche il secondo post ma non ho commentato.
        Il brutto tempo al nord mi ha fatto pensare a tutti voi amici di lassù Spero che tutto vada bene per te.

        😚

    • MARGHIAN says:

      Ciao Shera. Non preoccuparti dei commenti o non commenti, ti ringrazio,e sporattutto di pensare a noi “lassu'” . Ti ringrazio. E’ arrivato un po’ di “maltempo” ma – almeno da noi in pianura oristanese, non mi risulta nulla di preoccupante. C’e stto un grosso incendio, nella Marina di Arborea come noi la chiamiamo, dal’agro di un villaggio da dove partono le strade numerate che portano al mare, danneggiando un hotel. Ma non ha a che vedere col meteo. In certo senso si’, il vento. Ho letto di molti ettari di bosco danneggiati anche a Bosa (sta piu’ su’ di Oristano, Arborea e il mio paese stanno invece piu’ “giu'” Credo nesun ferito, solo danni infra strutturali all’hotel di Arborea- marina di___ e agli alberi di pino della pineta. Ciao 🙂

  3. lucetta says:

    Brava e bella. Voce che ti scalda ed emoziona. Anche il contenuto delle canzoni è profondo e significativo. Ho ascoltato anche il video del secondo post.

    • MARGHIAN says:

      Grazie Lucia. Se trovi il tempo, ascolta nel post “sa disisperada” un video che ho messo nel commento al Laura, e’ un “ballo cantato”, dove ella lo canta nel video con la musica ma si canta anche a cappella, da sigolo/singola cantante o anche in gruppo di cantori. Nel ballo cantato si dicono frasi brevi ripetute, “sconnesse” fra loro, infatti nel “ballu cantauu” le parole non sono molto importanti, servono solo per fare suono, e rima. Ciao, grazie ancora 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s