111 anni fa, nel 1908, addi’ 11 ottobre, nasceva colei che e’ stata mia madre (Grazie, mamma…)

OGGI RICORRE IL 111 mo ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DI MIA MADRE

ASSUNTA

/In QUESTO POST, una foto di mia madre fatta quando ella  aveva circa la mia eta’. Si’, avrà avuto allora  sui 67 – 68 anni, una foto fatta al mare. La muratura in pietra, è di una antica torre spagnola di cui sono disseeminate le nostre coste. Torri del ‘400-‘500 riutilizzate poi nella seconda guerra mondiale ,assieme a strutture piu’ recenti in cemento armato dette “fortini”, per lo stesso scopo- fermare gli attacchi dal mare…- . Un attimo prima di scattarle la foto, le si avvicino’ un ragazzino curioso e lei: “scatta la foto, va meglio così, con il ragazzino…”/

G. Ungaretti: La Madre
“E il cuore quando d’un ultimo battito
Avrà fatto cadere il muro d’ombra
Per condurmi, Madre sino al Signore
Come una volta mi darai la mano
In ginocchio decisa
Sarai una statua davanti all’eterno
Come già ti vedeva quando eri ancora in vita
Alzerai tremante le vecchie braccia
Come quando spirasti dicendo:
Mio Dio, eccomi.
E solo quando m’avrà perdonato
ti verrà desiderio di guardarmi
Ricorderai d’avermi atteso tanto
E avrai negli occhi un rapido sospiro

Ungaretti è considerato un poeta “pessimista”. Eppure sperava in una altra vita, per sua madre e per sè.  questa e’ invece la piu’ bella forma di ottimismo in assoluto. E credo di non sbagliare. Tutte le altre speranze vertono su cose che finiscono: questa e’ una speranza di Infinito.
E anche io lo spero, per la persona che è stata mia madre, e per me. E per ogni essere senziente il cui viaggio non sia – come canta baglioni: “la bugia di una meta, ma la verita’ della strada, che è lunga e segreta e che il viaggio di un uomo non sia solo un frutto di inverno, ma un seme di Eterno…”.

********

Sulla immagine sotto ho registrato la canzoncina “Grazie Mamma”.
-su cui ho sovraregistrato con la chitarra, improvvisando ad orecchio arpeggio e singole note. Una canzonncina per bambini. Ma con la madre si deve sempre.. essere bambini. Con l’Universo si deve essere bambini. Forse cosi’, possiamo capirci qualcosa.  Non con la presunzione di un falso crescere.

GRAZIE, MAMMA

Grazie davvero, a te che portavi il nome degli Angeli: Assunta *Angius: per l’appunto, “angeli”.

**Scusate come sempre il **fruscio, dovuto a difetto del sisetema di registrazioine col microfonino. In questo caso poi, registrazione su registrazione: youtube, programma musicale, programma cattura immagine, opzione “crea video”..
Ma non e’ che non abbia dormito di notte  🙂 Ho fatto tutto in un quarto d’ora, ieri sera.

CIAO, BUON FINE SETTIMANA

Marghian

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI 67 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in Imamgini, Miei video, MOMENTI, RICORDI, saluti. Bookmark the permalink.

7 Responses to 111 anni fa, nel 1908, addi’ 11 ottobre, nasceva colei che e’ stata mia madre (Grazie, mamma…)

  1. silvia says:

    Bello questo tuo pensiero, buon fine settimana 🙂

    • MARGHIAN says:

      Grazie, Silvia. Mia madre era una donna eccezionale. Un figlio tende chiaramente ad essere “di parte”, ma che fosse una donna stupenda lo diceva e lo dice chiunque l’abbia conosciuta. conosciuta. Visse esattamente 87 anni e 6 mesi, mori’ infatti l’11 ottobre del 1996, a Torino. Trascorse serenamente – e in gamba fino agli ultimi tre giorni di coma – gli ultimi tre anni dalla morte di papa’, dpo un anno trascorso con me, fra Oristano da un fratello e Torino- dal figlio ora mancato e da mia sorella, che ancora sta su a Torino.

      Ieri sera sulle prime ho pensato di postare il video con la canzone “grazie mamma”, degli anni ’60 che non sentivo mi sembra da allora. Si’, nel ’69 la cantarono dei ragazzi al campeggio marino, di 23 giorni ricordo che era dal 2 al 25 luglio 1969, dei ragazzi di un gruppo di un altro paese che si era accampato vicino al nostro gruppo- capannoni- camerata da starci 15 ragazzi, letti a castello. la cantavano insieme ad altri canti g”en”, cioe’ canzoni “di stampo cattolico” dei fari vari gruppi misicali “Gen Rosso, Gen Verte ecc…”, questa canzone è di “gen rosso”.

      Quindi, volevo postare il video, ma poi ho pensato “no, faccio qualcosa di diverso…”. Ne ho quindi catturato l’audio, l’ho fatto girare con l’immagine sullo schermo, suonandoci sopra ad orecchio e regisrdando.
      Buon fine settimana anche a te Silvia, ciao 🙂

  2. Laura says:

    Ma che bello Marghian, bravissimo, e’ un pensiero dolcissimo, 🙂

  3. lucetta says:

    Pensa che sia la poesia che la canzone, spesso, i miei alunni l’hanno recitata e cantata in classe per la festa della mamma. Entrambe bellissime e commoventi.

    • MARGHIAN says:

      Ciao Lucia, grazie. La poesia “la madre” di Giuseppe Ungaretti era nell antologia di Italiano in dotazione a scuola, che studiai a memoria. Ungaretti e’ un poeta considerato si’, un pessimista, sue sono frasi come “er anni ho cercato la liberta’ e ho incontrato una porta che mi conduce ad essa, ed e’ la morte..”. Terribile, oppure sempre sulla stessa lunghezza d’onda. “la morte si sconta vivendo…”. Decisamente non ottimista, ma vedo comunque nella speranza dell’aldila’ espressa in questa poesia, e ache piu’ in generale, a parte Ungaretti, la piu’ bella e forte forma di ottimismo.

      Molto piu’ di chi vede solo il “carpe diem”!, “me la godo, apprezzo la vita in ogni suo momento, che’ tanto dopo non c’e piu’ storia…” come ha detto anche un mio amico…/ ecco il vero grande pessimismo, “tanto dopo non c’è nulla. Apparte che l’aprezzare la vita “momento per momento” non e’ solo per i nichilisti che quasi ne vogliono l’esclusiva (“Carpe Diem” e’ infatti un motto attribuito ad Orazio, notoriamente materialista), mentre proprio la religione cristiana, la prinicpale fautrice di una altra vita, dice di impegnarci, di vivere, Di vivere con intensita’ questa vita (chi dice che il cristianesimo sia l’oppio dei poveri non ha capito nulla del cristianesimo, che e’ si’ la prospettiva di eternita’, ma qui significa impegno, essere presenti, serviere gli altri, ed anche gioire- nella giusta misura- anche delle cose materiali).
      Mio fratello (non Ignazio, Antonio) imparo’ “grazie mamma” e altre di queste canzoncine alla colonia. Io la sentii quella volta da quei ragazzi del campeggio, e mio fretello mentre la ascoltavamo “grazie mamma, non la conosci? E’ bellissima…”. Infatti… Ciao 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s