DEDICATO ALLA AMAZZONIA – E alla Sardegna, sua compagna di sventura di una terribile piaga umana.

Sì, piaga umana. E le piaghe che noi definiamo “naturali” sono spesso, da parte della natura, atti di ribellione per le ferite ad essa inferte.

Ciao. Chi è sardo conosce la piaga degli incendi. La conosce molto bene. Pur non coinvolto direttamente in danni provocati dal fuoco, il suo cuore sensibile soffre. Per questo motivo, ed è un motivo forte, un sardo non può non essere solidale con la gente della Amazzonia.

CIELO NERO

CHELU NIEDDU

“Quando l’aquila nera, svelta prende il volo, la paura è salita, spaventando (perfino) le rocce. Nella casa del falco l’aria adesso è calda, e sente un forte forte tremore: la primavera se ne sta andando (e si ha terrore della imminente estate).

Questo cielo nero e brutto, misterioso e minaccioso… la chiave la custodisce Dio? Squarciamo queste fiamme e gridiamo forte, affinché la Giustizia cali come una lama di acciaio. Senza fare male, ma rischiarando questo cielo nero.
Quattro mamme in lutto non sentono il caldo di una estate bistrattata dall’irruenza del fuoco.

Ora pioviggina, e sembrano piangere i pini; e l’autunno è indeciso su dove mettere (al riparo) le castagne.

Di questo cielo nero e brutto, misterioso e minaccioso, la chiave, la custodisce Dio? Squarciamo queste fiamme e gridiamo forte, affinché’ la Giustizia cali come una lama di acciaio. Senza far male, ma rischiarando questo cielo nero”

(Tazenda-Traduz. Marghian)

CIAO

Advertisements

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI QUASI 64 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in MOMENTI, musica, Pensieri. Bookmark the permalink.

19 Responses to DEDICATO ALLA AMAZZONIA – E alla Sardegna, sua compagna di sventura di una terribile piaga umana.

  1. silvia says:

    E’ un vero disastro quello dell’Amazzonia, soprattutto per le dimensioni dell’evento e per la noncuranza del presidente del Brasile che se ne frega!

    • MARGHIAN says:

      Grazie Silvia, caio. Come sempre stavo mettendo appunto le ultime cose. Hai ragione, e non e’ e’ purtroppo (pur se comunque grave) il fumatore distratto che getta sull’erba di un sottobosco una cicca ancora accesa, ne’ incendi causati da altri fattori fortuiti. E’ l’interesse, oltre al menefreghismo suprattutto l’interesse, del Potere, che vuole distruggere il mondo pur- anzi per- dominarlo, e i guadagni (anghe illeciti) destinati a poche persone. Sacrificare VOLUTAENTE la natura ad un FALSO progresso. Gli incendi o le trivellazioni selvagge o il controllo specifico del clima (pare che non sia proprio fantascienza: con le onde elettromagnetiche e altro, vedi Progetto Haarp e non solo “cambiamenti causati da deforestazione o altro..), lo scopo e’ lo stesso.Potere e dominio. La foresta tolta in maniera csi’ violenta agli indios i, i veri padroni (buoni) della foresta amazzonica. In Sardegna i pastori non sanno dove pasacolare, ne’ i contadini possono vivere con le enormi perdite, perche’ siacostruito quel centro industriale, quella strada (per far passare i tir col petrolio e altre merci ), o sia ampliata questa o quella base militare.
      A Canneto di Caronia (localita’ balneare di Caronia, Messina), da anni (dal 2004 ) si sentono esplosioni, “tuoni sotterranei” si vedono di notte strane luci sottomarine- e non solo marine-, e da anni salta la corrente nelle case, bruciano fili persino scollegati, per terra, persino pezzi di carta sul pavimento. Esperimenti, non si sa di che.

      In Sardegna (scusa Silvia se mi dilungo un po’), e’ stato energicamente ostacolato dalla gente, con proteste, il cosiddetto “Progetto Eleonora” (cosi’ chiamato da Eleonora d’Arborea, per noi sardi una gran donna, che nel medioevo resse il regno, o giudicato, di arborea con sede a Oristano capitale del giudicato); ancora oggi vedo striscioni consunti che sono li’ da anni, con su’ scritto: “no al progetto Eleonora!”.
      Sai che cos e’, o cos’era ‘sto progetto Eleonora? ? Trivellazioni, per cercare il petrolio in Sardegna, pensa un po’…
      Avrei molto da raccontarvi, mi fermo qui…. Ciao Silvia,buon pomeriggio.. 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao Silvia. Innanzitutto un grazie, da questo tuo consiglio si vede ancor di piu’ che apprezzi. Pur se non ho mai avuto dubbio alcuno al riguardo, e ti riferisci alla “puibblica uatilità “di raccontare certe cose, di trattare certi argomenti.
      Non è escluso, anzi, è probabile che sia relativamente a breve,anche se ora non saprei quando. a settembre, ottobre, forse. Mi sto mettendo appunto in questi giorni una sorta di “piano di lavoro”, sia per nuovi post sia per alcuni post intitolati “parte prima”, “parte seconda” (esempio su Marte sulle nuove e talora strane teorie sulla natura della realta’, della mente umana – ho un post dove manca ancora la seconda parte eccetera).
      I miei post ultimi post sull’altro blog, le “notizie in breve” sono un po’,, lo ammetto, un un “temporeggiare” asèettando la voglia di qualcosa di piu’ impegnativo, dato anche il fatto che siamo in estate (periodo non adatto per lunghi articoli, sia per chi li scrive che per chi legge, lo capisco 🙂 ). . Avevo gia’ accennato, forse in un commento in risposta a te (non ricordo con certezza ma non importa) che avrei trattato proprio dei cambiamenti climatici – e di cio’ che ci sta dietro, anche dietro pero’ al fenomeno Greta- -.. Trattero’ la cosa in un post specifico, oppure in un post a piu’ ampio respiro; ad esempio, sui poteri forti, sul “vero grande fratello”-che non si limita solo a spiare -, la Massoneria -che ha le mani in pasta ovunque-, scelte (?) politiche che noi imputiamo ad un renzi o ad una fornero e che sono invece volute da organizzazioni come il “gruppo bilderberg”, la “commissione trilaterale”, alcune potenti famiglie eccetera, organizzazioni religiose e quelle che io chiamo parareligiose (non sembra ma sono potentissime). Vedro’ di non far passare molto tempo, anche perche’ adesso ne ho di piu’.
      Ciao, buona serata 🙂

    • MARGHIAN says:

      Buon pomeriggio.. 🙂

  2. Laura says:

    Scrivi il post Marghian come ti ha scritto Silvia, lo condivido su fb, per l’Amazzonia che disastro, come e’ possibile che l’uomo e’ cosi’ crudele, per tutto quello che fa, 😦

    • MARGHIAN says:

      Ciao Laura. Per il post, leggi come ho risposto a Silvia. Su Facebook questo post C’E GIA’. Su Facebook non faro’ certi post, come ad esempio sui goveni ombra, sui complotti dei potenti o sulla potenza rappresentata da certe tecnologie che (in mano a certe organizzazioni, comparti militari, sul controllo mentale o altro. Vedo Facebook come un ambiente per cose piu’ leggere, anzi, talvolta mi sbilancio . Li’ voglio tenermi piu’ sullo spicciolo e, soprattutto, citare il meno possibile la politica. Prendi un argomento come le servitu’ militari, o su una organizzazione come la Gladio in Sardegna, dove non puoi non nominare qualche generale di allora, o qualche ministro di allora, o presidente o movimento, o sbilaciarti sulle tue idee politiche e li, oddio ovunque ma soprattutto li’, su facebook, apriti cielo. Sara’ nell’altro blog

      E’ possibile. Anzi e’, da sempre stato cosi’, l’uomo e’ crudelle da sempre. Adesso, per stress demografico (siamo sette miliardi e passa contro i 170 milioni del tempo di Cristo), per la potenza e il numero delle armi, l’uomo provoca danni maggiori, ma l’indole e’ la stessa. Succedevano cose terribili anche in tempi antichi, non come dicevano i miei “immo’ es peus” (adesso e’ peggio), nella loro bonaria ignoranza di cio’ che sappiamo dalla storia, dall’incendio di Roma ai crociati, e prove documentate di omicidi di massa anche nella preistoria. 1000 anni fa i Maya (i “bravi indios”, e molto prima di Colombo), sacrificavano al “dio Sole” anche fino a diecimila persone dicono in alcuni giorni, nei loro “festival”, dedicati al Sole o al serpente piumato quezacohatl per placarlo, e guerre tribali per cui intere civilta’, anche per disboscamenti e incendi (vedi isola di Pasqua o gli stessi Maya) si sono annientate. In peru’, in Messico, nei deserti sono sate trovate mummie di ragazzine sacrificate, una battezzata “clarita” dagli archeologi. Per dirti.

      Pero’,l’ho espresso tante volte,io sono per l’uomo: non tutti gli esseri umani son “cattivi”, anzi credo che almeno la meta’ stiano dalla “parte buona”. La questione e’ un altra: un gruppetto di cattivi nella stanza dei bottoni causa danni terribili, con vitteme in vari modi anche milioni di “gente buona”. Certo, un gruppo di gatti non trama per sterminare milioni di simili, ma l’essere umano e’ l’unico- almeno sulla Terra- che PUO’ SCEGLIERE, lo ripetero’ sempre (a chi mi dice che gli animali sono migliori di noi). L’uomo e’ l’unico che si confronta con il Bene, il Male, la Moralita’, che e’ consapevole di odiare, ma anche di amare. Come dice una canzone di Lucio dalla, “anche sotto un cielo di gesso e di ferro, .l’uomo riesce ad amare lo stesso, e (quando ama), ama davvero, senza nessuna certezza, che commozione, che tenerezza…”- .
      L’essere umano e’ , nei suoi estremi, Hitler o Nerone, ma è anche Gandhi, o Madre Teresa. E, nella media, tanta gente di indole buona, che ama, e si indigna per l’odio e cio’ che produce.
      Laura, immagina un commento cosi’ su Facebook. Li’,”ciao raga’, oggi e’ una bella giornata”, “oggi mi sono svegliato con un sorriso”, la foto del cagnolino di casa, gia’ e’ tanto. Lo faccio anche io, per i piu’. Per qualcuno che c’e che mi legge con interesse, talvolta, mi sbilancio un po’. Ciao buon weekend 🙂

      Marghian

      • Laura says:

        Fai bene Marghian a tenere leggero FB, non ti sbilanci, scrivi bene e cose interessanti, buon weekend anche a te, domenica giriamo qua e la’ in motoretta, 😀 🙂

    • MARGHIAN says:

      Infatti Laura, anzi mi sbilancio anche troppo, per il generale livello (basso) di interesse e di attenzione. Infatti ho riportato dal blog dei post, e ne ho scritto direttamente li’. Uno che presenta la foto di una donna con i seni sproporzionati, con scritto “vi piace la mia latteria?”, o quell’altro che scrive “affanculo Salvini” ottiene molti piu’ like. Ma non e’ che io conti i “mi piace”, seppur mi fanno piacere, anche perche’ i post su u blg sono per tutti- vedo delle visualizzazioni anche in America o in Corea, credo sia cosi’ anche per voi se guardate le “statistiche”. Non sono i like, ma la mancanza di totale di soddisfazione, ancor peggio, di stimolo.
      Devi vedermi in piazza, io li ascolto blaterare di calcio, inserisco qualche parola anche io e come gli altri dico cazzatine. Perche’ so che altro non devo dire, non recepiscono altro che “avete visto il gol del cagliari ieri?”. Questo è anche il livello generale di Facebook, come la piazza. Poi, non che in piazza o al bar io voglia per forza parlare di cose impegnate, anzi chi mi conosce di persona, dice a tutti che “non lo do a vedere…” (“livio e’ un tipo semplice, non si da’ arie, parla quando e’ necessario”), o un ragazzo da militare che mi disse :”tu mi piaci, parli poco, ma se ti chiediamo qualcosa, parti in quarta.. .”); mi piace anche stare sul frivolo; ma quanto ti senti soltanto (da anni), “ammazza uanto e’ bona quella”, “ma cosa capisci tu di calcio”, “ma che Salvini, io gli farei…”- non escono da li’, eh?-, mi cadono le braccia.
      Questo e’ l’ambiente di paese, e i discorsi colti che sento alla sera. Ciao… 🙂

      • Laura says:

        L’ambiente che descrivi e’ un po’ dappertutto, trovo che i tuoi post sono molto interessanti, continua a scrivere Marghian, 🙂

    • MARGHIAN says:

      Si’, ma cio’ che descrivo io li batte tutti. Non ne hai idea, a parte qualcuno/qualcuna cne mi tengo caro, il livello di intelligenza e’ zero, anzi c’e da usare i numeri relativi- in particolare i “compagni maschietti”, le mie amiche (poche, ma buone) non rientrano in questa nullita’. Davvero, non scherzo. ciao 🙂

    • MARGHIAN says:

      “Livello zero” è dir poco (a parte qualcuno che mi tengo caro). Pensa che se io mi trovo a chiacchierare in piazza e ad un certo punto dico “venite? Al teatro comunale c’e una conferenza di una potessa di cagliari/ o sull’ambiente “, o un film documentario sulla storia del paese o altro”, credimi, non si smuove nessuno. “Oh, ‘ddu sciu, ma no m’impottada, bai tui….” “( oh, lo so, ma non mi interessa, vai tu…”), e cio’ che mi sento rispondere. Oppure vado direttamente alla manifestazione, all’evento, in teatro o nell’ex cinema parrocchiale, mi giro attorno apposta. Nemmeno uno di quelli che incontro in piazza. O uno dei pochi, di quei due o tre, che come me un po’ si interessano. Non so se sai delle commedie dialettali sarde, quelle a carattere comico e con battutine sul sesso o che, con scenette su mariti ubriachi eccetera. Ecco, allora magari li vedi, perche’ e’ robatta diverrtente che non comporta impegno. Ciao 🙂

    • MARGHIAN says:

      Infatti Laura, i politici italiani fanno leva proprio sulla ignoranza diffusa della gente, che sa ragionare solo in termini di “mi hanno tolto dieci euro dalla pensione”, cose che dal punto di vista pesonale sono anche importanti, ma non sanno fare valutazioni di altro tipo, come per esempio, la scelta economica che avra’ ripercussioni sul futuro, sull’ambiente o che causera’ atrriti con l’America, favorira’ la Cina ecc.,. Eh, mi piacerebbe, avrei piu’ da parlare…. “Sono tutti una massa di..”, il che sara’ anche vero, ma sanno dire (quindi pensare) solo quello… 😆
      A parlare di calcio, ah, li’ sono un po’ piu’ profondi, vanno a qualche centimetro in piu’ dalla superficie, “meglio che ci mettesse quel giocatore, che tira bene di sinistro…”, e basta. Poi, la colpa e’ sempre dell’alleatore, non ho capito come è, sta cosa
      Stendiamoci un velo pietoso vah.. Ciao Laura 🙂

  3. ili6 says:

    Ciao Marghian. Mi unisco al tuo grido di dolore per l’ Amazzonia e per la Sardegna. Sai bene che anche la Sicilia soffre di questa enorme piaga e sai come me che dietro a ogni incendio c è soprattutto la mano dell’uomo scellerato che dal fuoco cerca un profitto. Come a Caronia, provincia di Messina non di Catania, dopo un fenomeno elettromagnetico, cosa naturale che può succedere, sbalzi di tensione elettrica, che mandarono in tilt gli elettrodomestici, iniziarono a scoppiare incendi. Nacque il caso mediatico, il mistero, l’idea di invivibilita’ e la conseguente richiesta di contributi per risarcire e delocalizzare. La cosa sembrava riuscire finché i carabinieri non costituirono un segreto sistema di videosorveglianza e scoprirono che un padre e un figlio, ora in carcere, si divertivano a appiccare incendi al fine del risarcimento, dello stato di calamità per eventi misteriosi e soprannaturali, ecc…
    Come vedi c è tanta gente che di cervello ha poco e nulla. Come le grandi aziende della soia che stanno distruggendo l Amazzonia per creare piantagioni visto il boom del vegano.

    Ciao
    Mariro’

    • MARGHIAN says:

      Ciao Mariro’. Scusa, su Canneto mi sono confuso un po’, ricordando male ho scritto “catania”, come dal tuo commento ho letto “messina non catania” ho esclamato, “vero”- , ricordando altri fatti della vicenda di cui lessi alcuni anni fa, come il fatto che il procuratore di Mistretta -appupnto, in quel di Messina.- nel 2008 avesse archiviato il caso come “feomeni naturali”- . Ho corretto infatti 🙂
      So dell’incendiario arrestato, e del padre suo complice, Giuseppe e Nino Pezzino, accusati dei roghi a fine di..come hai scritto tu. Nino, il papa’, era addirittura presidente di un comitato per l’aiuto ai residenti per i danni subiti. Ora, non sostengo che c’entrino gli extraterrestri o che si tratti di fenomeni soprannaturali (tanto meno), sulla cui idea, gia’ appena cominciarono a verificarsi i fatti, fu chiamato un esorcista. Ma l’incendiario, o gli incendiari, non spiegano tutto. Un pezzo di filo per terra, sul pavimento, che prende fuoco, salvatita che scattano, elettrodomestici che predono fuoco, non credo si possano attribuire ai Pezino che, si’, hanno appiccato roghi, ma credo per aggravare una cosa che avveniva gia’. Il loro comportamento non era corretto, certo. Ma non spiega tutto.Immginando che un fenomeno smile si stia verificando in questo periodo, qui nel mio paese, e ci sia un incendiario in giro. Sto cenando, mi scoppia il televisore, o suonando, sento odore di brucuato dalla tastiera, sento uno scatto e si spegne tutto, non posso dire “oddio, l’incendiario!”. Se poi, il giorno dopo, nel fare la spesa sento una signora che dice “a me e’ partito un tubo al neon, cambiata la sera prima, ne ho messo un’altro e si e’ subito fulminato..”- poi un’altra che dice “a me la lavatrice, l’altra sera, dietro, tutta bruciata, sto aspettando un tecnico. ” (non e’ l’incediario che salta di casa in casa, in questi casi).
      Ora, non sara’ roba soprannaturale, ne’ Ufo, cosa categoricamente negata dal Cicap che indago’; non sono in grado di capire quale sia la causa, si puo’ ipotizzare un fenomeno elettromagnetico naturale. proveniente dal mare e si ipotizzo’ anche che c’entarsse la linea ferroviaria, fu costituito un gruppo di collaborazione fra stato e prootez. civile per supposti fenomeni elettromagnetici di natura artificiale. Non so, ma i Pezzino senior e junior mi sembra non spieghino tutto. Pensa al televisore che scoppia mentre stai cenando.
      Tolto tutto questo, a parte questa storia di Canneto, gli incendiari esistono, e causano danni terribili – nella cronaca sarda sugli incendi non manca quasi mai la parola “doloso”; , come scrivi tu, c’e gente senza giudizio, senza morale e accecata dagli interessi. Ciao 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s