Volete sentire uno che canta con il raffreddore? Gia’. – DI FABRIZIO DE ANDRE’, “IL TESTAMENTO DI TITO” (con videoselfie e video di De Andre’)

Ciao. Questa mattina, poco prima di mezzogiorno, mi è venuta una idea: cantare registrando un video, una canzone di Fabrizio De Andre’. Con il raffreddore. Beh, sara’ una attenuante… 🙂

  • Qualche parola di presentazione su questa canzone. “Il testamento di Tito” è una canzone che fa parte del “concept album”, cioè da un disco con incisa una serie di canzoni legate da un tema comune. Il tema riguarda i Vangeli apocrifi. L’album, “La Buona Novella”, venne pubblicata nel 1970. Ci lavorarono per molto tempo il produttore discografico Roberto Danè che passò il “testimone” a tale Antonio Casetta, che di fatto continuò il lavoro con De Andre’. De Andre’ voleva dare una impronta il più possibile umana e meno religiosa, dei personaggi evangelici, mettendo in risalto proprio i personaggi minori. I due ladroni, negli Apocrifi, hanno un nome, “Dimaco” e “Tito Al Ciglio”, che De Andre’ nomina in un’altra canzone dell’album (dove la Madonna chiede ad un falegname cosa stia facendo) -“vedran lacrime di Dimaco, e di Tito Al Ciglio (o Alciglio), la più grande (sottinteso “croce”)  che tu guardi, abbraccerà tuo figlio”. Veniamo a Tito, che sulla croce “contesta” aspramente  i dieci comandamenti, uno per uno, evidenziando la difficoltà umana di osservarli. “Onora il padre e la madre? Eh, sì, mio padre mi picchiava se solo gli chiedevo da mangiare…”;  “che santifico le feste a fare, che’ se entro in un tempio, mi acchiappano e mi ammazzano, mica facile per un ladrone”; “non invidiare le cose, o la donna  degli altri, eh, sì, ditelo a chi ha qualcosa e a chi ha una moglie..” e considerazioni del genere. Ma, essendo il “buon…ladrone”, alla fine fa pace con Dio. “Ora-pensa-, vedendo quest’uomo che muore (qui non capisco se Tito alluda a se’ stesso morente, o a Gesù), madre, lascio ogni rancore, ogni rabbia, perché’ ho finalmente compreso l’amore”.

IL TESTAMENTO DI TITO

In versione …raffreddore-

FABRIZIO DE ANDRE’

Strepitosa esecuzione- Fabrizio, ma anche i “suonatori”, fantastici.

Tutta un’altra cosa eh? Va beh, si fa quel che si puo’…però,  non e’ da solo 🙂

DAL SUO ULTIMO CONCERTO TENUTO AL TEATRO BRANCACCIO A ROMA

IL 13 o il 14 febbraio 1998

Prestate attenzione alla “numerazione” di due dei comandamenti. E ‘sbagliata. “il quinto dice, non devi rubare…”- .”il  settimo dice, non ammazzare…”. . -Io ho invertito. *Certamente, non ha importanza, la grandezza di e Andre’, poi, figuriamoci…Sono quelle curiose piccole particolarità che io osservo, nell’ascoltare musica. A proposito, ascoltate bene la chitarra di Cristiano. Come musicista, migliore del padre, lo disse lo stesso Fabrizio: “suona di tutto lui, non so come fa…”. Fa gli stessi accordi che faccio io, pur non avendoli visti fare da lui, me li sono ricavati, ad orecchio.  Sono gli stessi accordi, pur se con un’altra ritmica- e un’altra grinta. Va beh, ma non doveva pensare a cantare. O a ricordarsi le parole. /Carine, le macchine e gli scooter che passavano davanti casa mia: La quarta prova era (quasi) senza rumori esterni.

CIAO

(Altro blog)

Marghian

 

 

 

Advertisements

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI QUASI 64 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in Miei video, musica, RIFLESSIONI. Bookmark the permalink.

17 Responses to Volete sentire uno che canta con il raffreddore? Gia’. – DI FABRIZIO DE ANDRE’, “IL TESTAMENTO DI TITO” (con videoselfie e video di De Andre’)

  1. Laura says:

    La versione raffreddore mi piace molto, bravissimo, 🙂

    • MARGHIAN says:

      Siete molto buoni, tu e Laura. Grazie.
      Alla sera ho 37, 8 , mentre cantavo (misurazione fatta 10 minuti dopo, era 37 e 3. Aspettando la eventuale visita fiscale, giocherellavo con la chitarra, accennando.a “testamento di tito”, mi e’ venuta l’idea del post..oops, il raffreddore, ma ho pensato “comenti bessi be’ssidi”, “come viene viene”.
      Ho dovuto fare quattro video registrazioni, per rumori esterni (macchine, motociclette, ocio di passanti), lasciando alla fine la meno peggio, questa. Ciao 🙂

    • MARGHIAN says:

      Gia’, autoproduzione, come si dice di chi “se la canta e se la suona”. Autoproduzione con rumori esterni che mi fanno ricominciare daccapo. Una volta, di sera tardi (“adesso c’e silensio..”), mentre regisravo, tutto attento, mi sentivo “fra..fra..fra.” era la gatta che sfregava le sue unghiette sotto il divano. Ci avevo anche pensato, ma non avevo chiuso bene una porta, e lei, partecipo’ al concerto, a modo suo 🙂 Ciao 🙂
      Buon weekend

  2. silvia says:

    Sempre bella in entrambe le versioni, buona giornata! 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao Silvia, grazie. Stando a casa ad aspettare eventuale controllo medico (come anche adesso…), si ha tempo di cincischiare. Mi diletto. Come dice un poeta sardo, “mi jogo (non e’ giapponese 🙂 ) e mi recreo”, “gioco e mi diverto”. Se noti, “recreo” richiama a questo, “ricreare”, divertirsi. E ce ne’ bisogno, non e’ per il valore di quel che fai, ma perche’ la cosa ti diletta, ti ricrea. Dovendo poi stare in casa, ben si capisce…
      Mi sono ricordato di questa canzone ieri mattina, giocherellando con la chitarra mi e’ venuto di fare distrattamente il giro introduttivo, “ah, questa…non la suono da quando avevo trent’anni..’, adesso me la ripasso…”- per la verita’ mi sono messo direttamente a registrare. I professionisti hanno le stanze insonorizzate, e hanno ragione caspita; , ho dovuto fare quattro tentativi. Sto nel soggiorno che da’ proprio sulla strada, si sente tutto. Allestissi lo studietto ( scrivania computer e strumenti musicali) nell’altra ala della casa, non ci sarebbe scampo. La casa fa angolo, due strade… 🙂 )
      Bella canzone davvero, poi De Andre’ con un gruppo di strumentisti cosi’..- il figlio, come musicista e’ fenomenale.
      La febbre ora è a 36,7. La sera mi sale a 37,5/37,7. Ma non mi abbatte molto. Certo, non e’ come essere sani. Brutto è quando viene nausea, manca la voglia di mangiare…Ciao Silvia, buon weekend 🙂

      Marghian

    • MARGHIAN says:

      Grazie Silvia. L’altro ammalato (anzi, io non lo sono…) sta bene, soprattutto nel morale. L’ho sentito proprio poco fa. “a desso che sei a casa, hai piu’ tempo di scrivere, suonare, di fare le tue cose…”- “si, si’,sto a casa ma con meno voglia…”-” ma fra poco starai a casa anche con la voglia–” si’, questo è vero, ma quel poco e’ ancora molto….”- “ma ssai cosa dice un filosofo, tutto esiste in quanto percepito, il tempo esiste se gli dai importanza, prova a non pensarci…”- “ma a non pensare non si vive. e poi una cosa la pensi se la senti,…”-” eccetera. A battute, insieme siamo una forza. Ancor di piu’ lo è lui, data sua situazione.
      Il torero e’ un sio quadro. Ciao 🙂

    • MARGHIAN says:

      Infatti, lui e’ molto positivo, di un “ottimismo illogico”, conme gli dico. “Tu speri anche nell’impossibile” (non c’entrano le malattie, tempo fa..”), e lui che mi cita Einstein:”meglio essere ottimisti e magari aver torto che essere pessimisti e avere ragione…”. E’ forte. Buon pomeriggio 🙂

      • silvia says:

        Ha una consapelovezza molto grande invece, ha accettato il suo problema e cerca di continuare nel miglior modo possibile….un gran insegnamento 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao Silvia. Che abbia grande consapevolezza, e che sia di insegnamento e’ fuor di dubbio, te lo dice suo fratello. E’ stato (a prescindere dal frangente di adesso), da fratello maggiore, 11 anni in piu’, un riferimento per me. Un rapporto che molti fratelli purtroppo, non hanno. Gli dissi “ottimismo illogico” nel senso de “ma come fai!”.perché’ sì, lui è molto saggio, ma molto dipende dal temperamento. Per esempio sua moglie e’ ansiosa, e lei glielo dice (ripeto, escludiamo il momento attuale) “io ho un carattere ansioso Ignazio, se tu ti senti un leone, buon per te….”. Ed è vero. Anche raffrontato a me, lui niente timidezze, nemmeno da ragazzo. Anzi. Qui, nel soggiorno da dove ti sto scrivendo lui organizzava i festini. Io avevo allora 6,7 anni e nelle serate che organizzava in casa, io facevo lo slalom fra le gambe dei partecipanti che ballavano i lenti. E lo ricordo, già da allora, un “leader”. e per il suo fare piaceva alle ragazze 🙂 – La sua vita lavorativa, molto attiva, ha svolto attività politica e sindacale, eccetera. E secondi lavori, montava antenne, riparava televisori, faceva di tutto. Nel quartiere fuori Torino dove ha vissuto, era un riferimento. Ha fondasto e coordinato ben tre comitati, uno per la lotta contro gli sfratti, uno a carattere ecologico, e un altro per la gestione di attivita’ ricreative. Parchi giochi, aiuole, nati per iniziativa sua. Andava a rompere le balle a sindaci, imprenditori, uffici, persino deputati, ando’ anche dal presidente della regione. Da pittore, ha fatto parte di un gruppo (il leader li’ era un altro), “gli impressionisti settimesi”- settimesi, di Settimo Torinese-“.
      Io da giovane- a differenza sua…- ho sofferto la timidezza; ho si’,combattuto bene la cosa, e mio fratello stesso me ne riconosce il merito; ma è-secondo me- una vittoria parziale, dato che pago ancora un piccolo scotto, il vivere da solo, e talvolta la cosa mi pesa un po’… .
      La timidezza è un problema che Ignazio- fortuna sua, sono contento per lui…- non ha mai avuto. Parole sue testuali, che, ricordo benissimo, le disse a 25 anni circa, io ne avevo 14: “ah, io non sono timido, grazie a Dio”, e avere un temperamento forte aiuta molto.
      I riferimenti a “temperamento”, “carattere”, “timidezza” eccetera, non devono essere certo delle scusanti; ma essere felici, gioviali, anche positivi, per alcuni può essere più difficile che per altri. Sua moglie, per esempio, ha delle ansie e lei stessa dice “Ignazio è sempre contento, io invece ho delle tensioni, dei momenti bui, è più forte di me…”-.

      – Ho anche un altro fratello, anche lui molto ottimista, e una sorella. Tornando al carattere, mia cognata mi dice sempre ” invidio tua sorella”; anche lei è dotata di un carattere molto forte – ella e Ignazio sono praticamente uguali, “vincenti”-. L’altro fratello, è più pacato, ma sa anche lui il fatto suo, si difende bene. Famiglia bellissima, due ragazze, e sua moglie è una donna stupenda. Oops, scusa, ti ho fatto un bel romanzo…. 🙂
      ///////
      Purtroppo non posso ancora andare all’hospice” non ho ancora smaltito influenza, o quello che e’, 37,4. Devo aspettare di guarire bene.
      Ciao Silvia, buona serata 🙂

  3. lucetta says:

    Certo c’è differenza per tanti motivi, però la tua esibizione si lascia ascoltare. Io, tutti i “difetti” che ci vedi tu, non riesco a percepirli. Ciao.

Leave a Reply to silvia Cancel reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s