NOTTE

NOTTE

Notte, dolce notte. Compagna della mia solitudine. Sei tu riposo per il corpo, e per i desideri del mio cuore tu sei un cesto di tesori nascosti nella oscurità. E dal cuore dunque, tutta la pena togli. E quando anche ce la dai, questa pena, o quando la lasci entrare dalla porta, o magari anche con il vento dalle finestre, con le stelle nascoste dalle nubi, e’ pena leggera, e dolce fardello, tanto che portarlo fa piacere. Cosi’ come dolce sei tu, o nott. Tu, che per il cuore sei ristoro, e consolazione per il mondo intero”.

noon night

NOTTE, DULCHE NOTTE

CUMPANZA DE SA SOLEDADE MEA

 REPOSU SES TUE PRO SA CARENA

E PRO SOS DISIZZOS IN SU CORO MEU

TUE SES CADINU DE PRENDAS CUADAS IN S’ANNEU

 DE SU CORO TANDO NOTTE SERENA

TOTTU SA PENA TUE LEAS

E CANDU A NOIS  PURU ‘DDA ONAS CUSSA PENA

 CANDO ‘DDA LASSAS PURU DE SA JANNA INTRARE

E FINZAS  CUN SU ‘ENTU DAE SAS VENTANAS

CUN SOS ISTEDDOS DE NUES AMMANTADAS

ESTE PENA LIZZERA E DURCHE  BERTULA

C’ESTE UNU PIAGHERE A LA PORTARE

GASI COMENTE DURCHE SES TUE O NOTTE

TUE CA PRO SU CORO SES RECREU

E SES CONSOLU PRO SU MUNDU INTREU

(Marghian)

Mi e’ venuta, cosi. Appunto, prendetela come e’ venuta.. 🙂 A parte gli scherzi, per salutarvi volevo inizialmente solo mettere l’imamgine, con la musica e “buona notte”. L’ho volutamente pensata e scritta in dialetto Nuorese. Con lediverse  parlate che abbiamo, il Nuorese e’ considerato il “sardo ufficiale”.Ilmio dialetto cambia. Per esempio, “notte, durche notte”, nel mio dialetto (Oristano) e’ “notti, drucci notti”. Mi piace di piu’ il nuroese, mi uniformo anche io.

C’e’ qualcosina (di nuovo) anche qui

SERENA NOTTE

Ciao.

 

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI QUASI 64 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in MOMENTI, my music, saluti. Bookmark the permalink.

15 Responses to NOTTE

  1. Laura says:

    Notte Marghian, vado a vedere la novita’, 🙂

  2. Emozioni says:

    Notte serena💫

  3. lucetta says:

    Bello. Parole semplici che mi piacciono molto. Ciao Livio. Buon pomeriggio .

  4. Molto bella. Mi piace il dialetto sardo 🙂 Vado a leggere l’altro post. 😉

    • MARGHIAN says:

      Ciao Lorenza. Grazie. Il sardo e’ diciamo per meta’ spagnolo e per meta’ latino (c’e molto, ma molto piu’ latino nel sardo che nell’italiano). Poi un’altra cosa. Abbiamo diverse parlate, talora molto diverse. Il Nuorese, e non il mio dialetto, e’ usato nelle canzoni e poesie. Hai presenti i Tazenda? Ecco, cosi’. Il Nuorese e’ considerato “la lingua sarda”, per questo gli altri dialetti nelle canzoni sono poco usati. C’e’ qualche canzone inel mio dialetto (Oristano-Cagliari), Franco Madau per esempio è un bravo cantautore, ma il 90 per cento delle canzoni sono in nuorese. Ciao 🙂

  5. Anche in Puglia, dove sono nata, ci sono diversi dialetti. Certo, il sardo è una lingua affascinante.
    Ciao Marghian, buon weekend! 🙂

  6. renza says:

    Complimenti.
    Se non l’hai gia’ fatto scrivi qualche libro di poesie.
    Saluti.

    Renza

    • MARGHIAN says:

      Ciao Renza, grazie. “scrivi qualche libro di poesie”. Ma no, non sono a quei livelli. Pero’ da ragazzo in quarta e quinta elementare riempii un quaderno con delle riflession(io sono piu’ per la “prosa poetica”), ed un altro coni dei brevi racconti di due, tre pagine di quaderno Alcuni erano racconti di fantascienza; altri aevano come personaggi degli eroi dei fumetti, Superman, Batman, eccetera. .MI ricordo il titolo di uno per cui scelsi come protagonista Batman. “La ragazza rapita”. Ma sono un pessimo conservatore (politicametne non voglio proprio esserlo.. 🙂 ) a parte le battute, non mi sono mai conservato le coe. Poi, poesiole, di poche strofe talora tre, quattro, su foglietti volanti di carta, che sistematicamente andavano persi.
      Se scrivessi, io sarei pero’ piu’ per i racconti, o al limite, brevi saggi (tipo nell’altro blog). Certo, non ho gli studi di uno scrittore – ho solo la terza media-. Un’altra cosa, il tempo, non se ne ha. In pensione, forse, chissaà… Ciao ciao 🙂

      Marghian

  7. skayrose59 says:

    Davvero bella bravo anche a scrivere il tuo dialetto.

    • MARGHIAN says:

      Oh ciao Silvia. Il dialetto della canzone, l’ ho anche scritto, non è proprio il mio dialetto. Noi sardi, fieri della nostra identità culturale, abbiamo a cuore “la lingua sarda “, che fra tante parlate e stato stabilito essere il Nuoreee (Nuoro e nell’ entroterra, io costa occidentale ), che chiamiamo La Lingua per eccellenza, “Sa Limba”. E’ la parlata usata in poesie e canzoni, le altre parlate pochissimo. E’ “la lingua ditta” insomma, il nuorese logudorese. Il mio dialetto, Oristano-Cagliari, è differente. Ad esempio, “guarda quella ragazza” in oristanese è “castia cussa picciocca”. In Nuorese “abbaida cussa pitzinna”. In po’ diverso eh? Quasi la stessa differenza che c’è fra italiano e spagnolo. Molti della mia zona infatti non capiscono il nuorese, è viceversa, molti di loro non capiscono noi. Poi a Sassari parlano un dialetto “italianizzante”, sembra quasi siciliano. “Antuneddu de Lu me cori, tuttu lu mundu si lagna. Ti ulia mellu morttu che bandidu a la csmpagna”. Vedi? “Antonino del mio cuore, tutto il imondo si lamenta, ti vorrei meglio morto che bandito nella campagna”. Ho preso da un antico canto che oarla di una madre che piange per il figlio latitante alla macchia.
      Questo è il sassarese, nel nord Sardegna regione Gallura, e nel sud della Corsica . Ciao Silvia 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s