AMAZON, di John Denver.

(Blog “principale”)

Ciao. Poco fa stavo canticchiando, con la chitarra, la canone Amazon di John Denver. Vedendo poi un post che parla dell’Amazzonia,  proprio pochi minìnuti fa, mi sono ricordato di aver postato, anni fa, questa canzone, qui, nell’altro blog (quando, allora,  postavo aanche i brani musicali). Misi quella volta il video nei commenti, perche’ c’erano non ricordo quali problemi. Ve la ripropongo.

JOHN DENVER

Ascoltate i flauti, sembra roba sarda (ddavvero). Ma, a parte cio’, veramente bravi.

AMAZON

“C’e un fiume che scende dalle montagne. Quel fiume e’tutti i fiumi. E tutti  i fiumi del mondo sono in quel fiume. C’è un albero che sta li’ nella foresta. In quell’albero sono tutte le foreste del mondo, e tutti gli alberi sono in quel singolo albero. C’e’ un fiore che germoglia nel deserto, ed in quel germoglio ci sono tutti i fiori del mondo, e tutti i fiori sono in quel fiore. C’eì un uccello che canta nella giungla, e  nel canto di quell’uccello e’ tutta la musica,  e tutte le canzoni sono in questa canzone. E’ la canzone della vita, e’ il fiore della fede, e’ l’albero della tentazione, e’ il fiume del non pentimento e del non rifiuto. //C’e un bambino che piange nel ghetto, e quel bambino e’ tutti i nostri figli.  Ogni nostro figlio e’ in quel bambino. //Ua visione risplende nel buio, e in quella visione stanno tutti i nostri sogni. Tutti i nostri sogni sono in quella visione.  E’  la visione del Paradiso, e’ il bambino della promessa, e’ l’albero della tentazione, e’ il fiume del non rifiuto. /// Facciamo che tutto questo sia una voce per le montagne, facciamo che tutto questo sia una voce per i fiumi, e che sia una voce per le foreste, e che sia una voce per i fiori, e che sia anche una voce per i deserti, e per gli oceani, ed  una voce per i bambini. Facciamo che tutto questo sia una voce per tutti coloro che sognano, che sia una voce per non aver nessun rifiuto” (John Denver, traduzione Marghian).

Come  si nota chiaramente, “Amazon” e’ una canzone a carattere “ecologico”, sull’ambiente. La poesia del testo, poi,  unita alla voce di Denver, ne fanno qualche cosa di piu’: un messaggio, direi quasi una preghiera. Ooserei dire un accorato appello, pur nella allegrezza della canzone, contro la deturpazione e la rovina portata dallo sfruttamento indiscriminato delle risorse della natura, come ad esempio, la foresta amazzonica. Una grande risorsa, “Il Polmone del pianeta Terra.  Oggi, ma da molti decenni, la nostra Terra e’ minacciata. *Le guerre, gli odi, l’inquinamento, il disboscamento selvaggio, cose  per ccombattere le quali l’indio Chico Mendez, ricordiamolo anche  con questa canzone, si fece torturare ed uccidere. Sotto tortura, con le dita mozzate, tentava di continuare a suonare il suo strumento, cantando i suo versi.  Contro l’uso sbagliato delle forze tremende della natura, l’arma nucleare ed altre forme di distruzione e sfruttamento che arricchiscono pochi potenti, a danno dell’umanita’, e del pianeta  in cui noi tutti viviamo.L’unico nel quale noi oggi possiamo vivere. E’ la nostra culla. E,  se viene distrutta la culla, il bambino non puo’ certo da questa alzarsi e camminare, crescendo, verso l’esplorazione dell’universo che lo attende. Universo che , nonostante tutto,  nell’uomo ha ancora fiducia. Non deludiamolo.

CIAO

Marghian

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI 67 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in musica, RIFLESSIONI. Bookmark the permalink.

22 Responses to AMAZON, di John Denver.

  1. Rebecca Antolini says:

    A me piace la musica sua… buona notte bussi ♥

    • MARGHIAN says:

      Ciao Rebecca. Eh, mi sa che la terra paradisiaca la dobbiamo costruire noi. Lo dice anche un testo religioso. “All’uomo, alle sue mani operose hai affidato il creato”. Quindi…Ma se continuiamo cosi’… Ciao, bussy 🙂

      • Rebecca Antolini says:

        Il paradiso e questa terra, come hai detto dipenda da noi tutti, di metterlo ancora a posto 😉

    • MARGHIAN says:

      Forse il paradiso, come forse anche Dio stesso, e’ un irraggiungibile ideale cui ci dobbiamo ispirare, anche senza mai “arrivarci”. Come l’orizzonte del mare. Non lo puoi mai raggiungere, appare sempre lontano; ma intanto navighi. Cosi’ l’uomo, pensando alla perfezione, se si impegna cresce, cresce, tendendo al “divino”. Certo, senza mai riuscirci, ma intanto…cammina.
      Immagino a cosa pensi:” ma l’uomo e’ tutt’altro che divino…”. Certo, ma il principio e’ questo, ed infatti molti esseri umani (quelli buoni) si avvicinano al divino, quelli cattivi se ne allontanano. Ma possono anche cambiare vita, e ci si riavvicinano. Bussy 🙂

      Marghian

      • Rebecca Antolini says:

        Ciao Marghian, se Dio è un irraggiungibile ideale.. allora non serve più parlare e sperare in lui.. e lo stesso vale per le religioni e tutti i suoi santi.. allora siamo qui per caso un breve periodo di tempo.. se siamo buoni o cattivi non importa alla fine ognuno muore e viene assorbito dalla terra… e pure l’anima e solo una invenzione …

        se la vita e quello allora ho nulla da sperare e questo mi rendi triste..

        una vita senza Dio e come vivere senza speranza…

        bussi 😉

    • MARGHIAN says:

      Rebe’, proprio io invece penso l’opposto. Proprio io che ti ho scritto tante volte che la vita, senza un “dopo” non avrebbe senso se non solo finche’ dura. La penso tutto all’opposto. Dio e paradiso come ideali irraggiungibili (a cui si tende) e’ da me riferito, attenta qui, a questa vita immanente, fisica, terrena. Ossia che tutto il resto, il Paradiso o Dio stesso appartengono ad una sfera “superiore”, trascendente. Quindi qui…sono cose irraggiungibili, ossia ceh possiamo imitare ma non alla perfezione come sara’, se Dio esiste, “lassu'”, come si usa dire. “Lassu’ ” e’ un modo di dire derivante da quando, come tu sai, si credeva che la Terra fosse “Giu'” e i cieli “Su”, e Dio stesso fosse su’, “dscese dal cielo”, “sali’ al cielo” eccetera.

      “allora siamo qui per caso un breve periodo di tempo.. se siamo buoni o cattivi non importa alla fine ognuno muore e viene assorbito dalla terra… e pure l’anima e solo una invenzione … “. Io do molta importanza, ci penso sempre, alla trascendenza. Proprio io, pur con i miei dubi, e sono solo dubbi, penso che l’esistenza, se finisce con l’espierienza materiale e..temporale, e’ qualcosa di vuoto, di finito che non serve a nulla. Purtroppo e’ che non lo sappiamo, ecco. O almeno io dico di non saperlo, non avendo fede religiosa, ma solo ragionamento di possibilita’, e speranza. Ma ci penso molto. Spero che Dio esista, spero che esistere per l’uomo non sia solo “corpo”, e “qui”, nel tempo e spazio finiti. Ciao, bussy e saluti a Gianni, Tatanka e Persia 🙂

      Marghian

      • Rebecca Antolini says:

        e un tema di cui possiamo filosofare nel infinito..

        ma quando si apre la Bibbia ( presumiamo che sia veramente la parola di Dio ) allora in questo libro troviamo le risposte alle nostre domanda..

        ma funziona solo quando crediamo che Dio e la Bibbia sono cose reale

        abbi una buona giornata caro Marghian ♥

      • Rebecca Antolini says:

        dimenticavo, nella lettera agli Ebrei 11:6 e scritto:

        Senza fede è impossibile piacere a Dio, perché chi si avvicina a Dio deve credere che egli esiste e che ricompensa quelli che lo cercano assiduamente.

      • MARGHIAN says:

        Rebecca, ci puo’ essere scritto quello che vogliamo, ma io penso che se Dio esiste, ama anche chi non ha fede. La Bibbia dice anche che il suo amore e’ infinito. Io non posso non piacere a Dio solo perche’ ho qualche dubbio. Il mio papa’ aveva detto una volta a mia madre: “moglie, se io paradiso c’e, c’e anche per me, perche’ se dico ignorantemente che non c’e, non e’ colpa mia. NOn e’ colpa mia se il cervello non ci arriva..”. Bussy 🙂

      • Rebecca Antolini says:

        Non ha niente d’affare con il cervello, e il semplice fatto di fede… indipendentemente dalla religione la fede personale… questo bisogno di un Dio… se si sente bene, se no va bene lo stesso.. bussi ♥

    • MARGHIAN says:

      Oh, ma io ho la fede personale. L’ ho scritto tante volte. Sperare che esista Dio, e rimanere tranquillo nel dubbio pensando che Dio, se esiste e mi vede, mi accetta cosi’ come sono, anche con i dubbi. Pensare che, anche se avro’ sbagliato qualcosa, anche se non sono religioso, lui mi capira’, proprio come un buon papa’, una mamma, un fratello maggiore. Senza le paure “mi punira'”. E’ fede anche questa. Tu scrivi spesso che cerchi di capire, di trovare Dio. Ecco, io non ho questa ansia, sono sereno. “Se Dio c’e’, non mi respingera'”. E’ fede anche questa. Fede vuol dire fiducia. Forse ha meno fede un amico cattolico che mi ha detto “attento, non sai cosa rischi..”. Poi dopo un minuto di discussione mi spiego’ che si riferiva al fatto che io, da anni, non pratico e ho pensieri critici, e di dubbio, anche sula stessa questione della fede, e sulle religioni in particolare, Chiesa compresa. .Forse ha meno fede lui che ha paura (me lo ha detto), di non essere a posto con Dio quando muore…/ Io sono sereno, e anche qeusta e’ fede. Fiducia, appunto, e speranza. Ciao, bussy 🙂

      Marghian

      • Rebecca Antolini says:

        Vedremo cosa succede quando moriamo … se va avanti la nostra vita o si ferma tutto..

        Dio e Bibbia sono due cose entrambe .. se lo accetti lo devi fare con il cuore completo..

        e come andare con l’auto o il cavallo non poi andare entrambe con tutti due 😉

  2. Bella bella! Ciao carissimo Marghian!

  3. Laura says:

    Che bella Marghian, buonanotte, 🙂

  4. MARGHIAN says:

    Si’, Laura, non salto mai la cena 🙂
    O, alle 9,18 p.m, ora del tuo commento 🙂 ), non avevo ancora cenato. Buona giornata, ciao 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s