GIORNO DELLA MEMORIA – Anche cantare, per ricordare

“Il sonno della ragione genera mostri”

(Goya)

AUSCHWITZ

Auschwitz

Ho cantato Auschwitz di Guccini. Pubblico questo mio video per il giorno della memoria Titolo e testo del brano parlano di questo, dell’olocausto nazista perpetrato contro gli ebrei e altri, considerati dai nazisti, e a torto, gente inferiore. Idea questa che, come qualsiasi altra folle ed insensata concezione di tipo razziale, ha aperto un capitolo terribile della storia dell’uomo. Un fatto disumano, contro esseri umani. Da ricordare, sempre.

not_to_ forget

Anche una canzone, una poesia, sono veicoli di trasmissione di ssentimenti, e di idee.

GUCCINI E NOMADI IN CONCERTO

La canzone del bambino, nel vento

CIAO

Marghian

Advertisements

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI QUASI 64 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in Miei video, MOMENTI, musica, RICORRENZE. Bookmark the permalink.

23 Responses to GIORNO DELLA MEMORIA – Anche cantare, per ricordare

  1. Rebecca Antolini says:

    … rimango in silenzio

    • MARGHIAN says:

      Grazie, ciao. Anche Sacco, una grande voce.

    • MARGHIAN says:

      Si’ Rebecca, aveva una grande voce. ha una grande voce. L’anno scorso, in un paese vicino al mio- solo quattro chilometri, quando vado a correre ci vado spesso, correndo-.
      Aveva cantato, accompagnato da musicisti del posto, cioe’ sardi, molti brani di guccini, anche Auscwitz. Il tecnico del suono era – e’ ancora- un mio collega di lavoro. E’ stato lui ard organizzare tutto, conosce di pesona Sacco, lo aveva presentato anche a me, dopo la serata. Gli ho detto “io suono e canto spesso le cansoni di Guccini..”. “Ah bravo..” ha detto lui. Molto simpatico. Ciao bussy 🙂

  2. renza says:

    Buon sabato e domenica
    Saluti.

    Renza

    • MARGHIAN says:

      Ciao Renza! Stavo cambiando il mio video ( l’avevo registrata ieri ) con un altro rifatto poco fa, perche’ nell’altro di ieri ad un certo punto no rallentato con gli accordi. Cioa, buon weekemnd anche a te 🙂

  3. lucetta says:

    Hai ragione. Pensa che la canzone di Guccini l’ho ascoltata e fatta ascoltare dai miei alunni quando è uscita non so quante volte. Ricordo che un giorno non riuscivo a smettere ed appena finiva inserivo di nuovo il disco nel mangianastri e piangevo. Buon fine settimana.

    • MARGHIAN says:

      Si’ lucia, e’ una canzone storica, molto bella. Io faccio un parallelismo, fra questa e’ una canzone di Bob Dylandi quegli stessi anni, “Blowin’ in the wind”, che ero tentato anche a postare.
      Non preoccuparti per l’inglese, ti cito in italiano alcune parole, per farti vedere il parallelismo. Gia’ nel titolo, “Soffia nel vento” “Quante strade deve percorrere un uomo, prima cue uomo lo si possa chiamare? E quanti mari dovra’ attraversare una colomba, prima che possa dormire sulla sabbia? Per quanti anno dovranno volare i proettili di cannone, prima che siano banditi per sempre? Quante orecchie deve un uomo avere, perche’ riesca a sentire la gente piangere? La risposta, amico mio, vola ( o siffia, “blowin’) nel vento. E quante volte un uomo voltera’ il capo, fingendo di non vedere? E i morti ci vorranno ancora, prima che l’uomo si accorga che troppi sono morti? La risposta, amico mio, vola nel vento”.

      Probbilmente l’hai sentita cantare in chiesa in italiano, “risposta” (non e’ letterale, ma ne conserva il senso).. “…e quante persone dovrano soffrir, perche’ siamo in troppi a morir? Risposta non c’e, o forse chi lo sa? Caduta nel vento sara'”. Quando suonavo per il coro a messa, la catnavamo sempre. Ciao.

      Livio.

  4. MARGHIAN says:

    A domani ciao, stasera ho un impegno (pizzeria-karaoke) ciao.

  5. Laura says:

    Il ricordo, sempre e tu bravissimo, buona pizza, 🙂

  6. Tristissima storia…
    Tu, sempre molto bravo. Ti saluto anche qui. Buon inizio settimana Marghian!

    • MARGHIAN says:

      E’ la storia dell’ uomo purtroppo, e da sempre. La “scoperta delle Americhe avrebbe causato lo sterminio di quattro milioni di indigeni, prima ancora le persecuzioni dei romani sui cristiani. Pulizie etniche e anche campi di concentramento nella guerra i Bosnia, cose terribili nella guerra Tutsi _Hutu, e altro ancora.
      Ciao Giorgiana, e grazie anche del ” bravo”, ciao 🙂

  7. Paola says:

    Ciao Marghian ho letto che sei tu quello con la chitarra. Bravo. Per il resto bruttissima storia

    • MARGHIAN says:

      Si’, sono io. Ogni tanto faccio un videoselfie, come lo chiamo io 🙂

      La storia, si’ e’terribile. Non fa certo onore al genere “homo”. Ma proprio per questo la si deve ricordare, proprio perche’ si impara anche dagli errori. O almeno, si spera. La storia non e’ di per se’ cattiva maestra. E’ l’esere umano, piuttosto, ad essere un cattivo alunno. E forse, per questo, la storia ripete da secoli gli errori. Errori nostri, dato che la storia e’ al storia dell’uomo. Ciao Paola, grazie.

  8. homepage says:

    Só assim você saberá avaliar sua eficácia.

  9. Pingback: AUSCHWITZ, di Francesco Guccini. | Marghian – Music blog

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s