LA CATTEDRALE DI DIO

LA CATTEDRALE DI DIO

cattedrale_di_dio

QUELLA VERA

La cattedrale di Dio, se Dio e’ veramente Dio, non deve  e non puo’ essere piena di lussi ed ori. Anzi essa, per rispecchiare Dio, ed essere davvero a sua immagine, deve essere solo spirito e verita’, semplicita’ ed amore, silenzio ed umilta’. Se Dio esiste, e’ questo. Altrimenti, e’ soltanto falsita’ ed umana vanita’.

Marghian

L’autore del dipinto e’ Ignazio Vargiu,  mio fratello.

FRANCO BATTIATO – E TI VENGO A CERCARE

*Naturalmente, per ascoltare Battiato  bloccate la mia musica (che ho composto “tipo chiesa”, appunto per questo genere di post), c’e un “pulsantino virtuale nella mia foto, in alto sulla sinistra nella mia foto.

BUON “TUTTI I SANTI”, CIAO.

Marghian

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI QUASI 64 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in Art in blog, MOMENTI, musica, RICORRENZE. Bookmark the permalink.

34 Responses to LA CATTEDRALE DI DIO

  1. Silvia says:

    Bravo tuo fratellio, è un bel quadro, serena notte 🙂

    • Silvia says:

      fratellio….ahahahah lo vedi che sbaglio anch’io! 😛

      • MARGHIAN says:

        Ah, si’, ma se facciamo un rapporto, per ogni sbaglio tuo, quanti i miei? 🙂 Ciao.

      • Silvia says:

        sì ma considera anche che tu parli molto, io invece dico sempre molto poco 😉

      • MARGHIAN says:

        Ah, Silvia, a proposito avendo io dichiarato ai quattro venti -con post e commenti- di essere timido, posso essere immaginato come uno che parla poco, tipico del timido. Invece parlo, parlo eccome. Ho un amico- quello che mi ha aiutato per le registrazioni video con il telefonino – che, da timido, parla pochissimo. Ci soffre, e mi dice “tu parli, caspita, fossi io come te…”. Io gli dico, “e sforzati, dai,..”. Un po’ come si dice in sardo, “su ghirìllu bètta nèxi a sa pattèdda” , “il grillo da’ colpa alla blatta” – sott’inteso “di essere nera”-, tipo “il bue dice cornuto all’asino” insomma-. Lui e’ taciturno davvero con chi non conosce. Ma poi, alla fine sblocca …. Lui non registrerebbe mai un video, eppure sarebbe in grado, canta e suona bene. Ciao 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao Silvia. E’ bravissimo, non lo dico solo io- che da familiare sarei “di parte” – e lui e’ di arte 🙂 Non farci caso Silvia, ormai sai che mi piace giocare sulle parole. Coordina un gruppo di pittrici – si’, al corso di pittura in seno alla asssociazione anziani sono tutte signore. Lui e’ coordinatore del gruppo di pittura, ed istruttore in quella attivita’. Io seguo un corso di computer il lunedi’ sera, questo posso fare fino a che sto al lavoro (sono tutti in pensione, i soci, tranne me 😆 ).. In pensione, appunto, forse insegnero inglese 🙂 Davvero. Me lo hanno chiesto, e mi hanno chiesto di impegnarmi in qualche altra attivita’, ma ora non posso proprio. Mio fratello e’ portato alla pittura. Meno alla musica, pero’ si applicca. Si mette li’, per almeno un’ora prima di pranzo e prima di cena- ma cucina la moglie..- , a studiare lo spartito. In alcuni mesi si e’ imparato “per elisa”, adesso e’ li’ che si studia l’adagio veneto, sempre al piano. Io invece sono negato, negatissimo in disegno. Ve ne faro’ vedere altri, di quadri suoi , in tema con i post- come in questo caso.
      Questo un bel quadro, e molto significativo- come vi ho descritto io nella mia breve riflessione. ‘Notte Silvia 🙂

      Marghian

  2. Paroledipaola says:

    Dipinto stupendo.

  3. lucetta says:

    Un dipinto che mi è piaciuto moltissimo. Complimenti a tuo fratello. Buona festa di Ognissanti.

    • MARGHIAN says:

      Ciao Lucia. Sapevo ceh averesti gradito, anche per la tua dichiarata sensibilita’ religiosa. Il suo genere sono i paesaggi, ed i volti. E’ da poco che sperimenta il “rittrattismo”, e gli viene molto bene. Io avevo sempre 3, 4 in disegno. Menomale che non era materia di studio- nel senso che, agli esami, il disegno non era tenuto da conto, per fortuna per me-.
      Ti racconto questa, di una supplente di disegno in teza media che non mi conosceva e, vedendo un mio compito di disegno mi disse “Vargiu, ti chiami Vargiu vero?”. “Si’, Vargiu Livio Signora…”. “Vargiu, ma queste sono bambinate! Se se sei cosi’ anche nelle altre materie,non so, io…”. “Signora, chie..chieda agli altri professori come sono nelle altre materie..”. Ed i compagni, in coro: “no, nelle altre materie e’ bravo!”. Mi venne spontaneo un “grazie ragazzi…” 🙂 Ciao Lucia, buon “ognissanti” anche a te.

      • lucetta says:

        Mi piace chi sa disegnare, dipingere, suonare uno strumento perché io non lo so fare ed ammiro chi ha il dono di saperlo fare. Da studentessa delle magistrali avevo la lavagnetta dove disegnavamo ogni settimana……dietro la lavagna perché l’insegnante di disegno-storia dell’arte riteneva che il mio disegno fosse inguardabile. Per il resto ero un’alunna diligente, studiosa e capace nel resto delle discipline. Come vedi qualcosa ci accomuna. Ahahahah!!!!

    • MARGHIAN says:

      Ah, si’, Lucia, qualcosa ci accomina 🙂
      La parabola dei talenti non vale solo in ambito religioso. Un mio compagno di scuola delle elementari veniva tutte le sere a casa mia per fare i compiti. Lo aiutavo anche in classe, soprattutto in matematica. Pero’, un disegno suo, od una scultira con la creta veniva messa in bella mostra in aula. Una volta etro’ in classe una maestra a trovare la sua collega, la mia maestra. Appena entrata, lei: “Lalla, e quel “vittorio Emanuele secondo, chi l’ha fatto?”. “Renato, quel ragazzo la’ in fondo. E devi vedere i suoi disegni!”. Infatti, il suo busto di Vttorio Emanuele II di creta era messo in mostra su un armadio, di fianco alla cattedra, a sinistra. A destra stava la lavagna, mi ricordo benissimo. Eppure per una moltiplicazione, un problemino chiedeva aiuto a me, che avevo quattro in disegno 🙂 Ciao.

  4. Laura says:

    Che bello, complimenti a tuo fratello, e’ molto bello, buonanotte a te, 🙂

  5. Enri1968 says:

    Non sono religioso ma come sempre scrivi post di interesse per me. Bel quadro, siete una famiglia forte.

    Il brano di Battiato è sempre stato ricco di suggestione per me. Una nota aggiuntiva: esiste una versione che Battiato ritiene superiore alla sua, prova ad ascoltarla dei C. S. I.

    • MARGHIAN says:

      Ciao Enri. Nemmeno io sono religioso, ne’ ho tamta fede. Infatti hai letto “Se Dio esiste”. Ma su “aldila'” eccetera sono possibilista, senza credere sotto nessuna “direttiva dogmatica”. possibilista, perche’ le equazioni di un matematico o di un fisico (cito questa categoria di gente, che si dichiare in genere atea vantando una certa loro logica…), non danno la certezza della non esistenza di certe cose. E poi, se esiste una “intelligenza cosmica”, che magari facesse di ciascuno di noi un “backup” spirituale, non vedo perche’ ad essa si debbano associare per forza credi e precetti religiosi. O, al contrario, pensare altrettanto fideiscicamente che tale intelligenza cosmica non esista, in nome di una ideologia, come per esempio, i “comunisti”. “Devo per forza essere ateo e matirialista per essere comunista?”. “Devo per forza essere religioso per credere nella trascendenza?”, erano e sono il mio tipico modo di ragionare. Ragionavo cosi’ anche da praticante, e da simpatizzante pc- e lo ero contemporaneamente…. 🙂
      Ascoltero’ la canzone dai C. S. I. che peraltro non conosco, ciao.

      • MARGHIAN says:

        Si’, ti faro’ sapere. Questo teto mi ricorda quello della canzone “la sua figura”, di Giuni Russo, Anche lei come Alice, “pupilla” di Battiato. Il testo e’ di San Giovanni Della Croce. Ciao.

  6. Rebecca Antolini says:

    Nessuna religione mi poi obbligare di essere uno di loro…la vera casa di Dio deve essere radicato nel proprio cuore… solo la mia fede stessa mi riporta a lui… bussi caro Marghian e buon mese di novembre ♥

    • MARGHIAN says:

      Allora Rebe’, servono anche una chiesa, ed una istituzione che gestisca le chiese locali. Ma per stare insieme, pregare insieme, fare attivita’ umanitarie insieme. Ma ami deve esesrci l’obbligo, d il “vieni con noi, se non vieni con noi sbagli…”. Ecco, io non sono contro la chiesa e nemmeno contro sacerdoti e suore; anzi ne ho ammirazione. Ma, sia a questi, sia di altri esponenti di religioni penso la stessa cosa, ecioe’ nessun obbligo, tanto meno con le “minacce”, velate o meno, di castighi divini. Perche’ qeusto succede. Se ssiste un essere supremo che crea l’universo- ne sta creando forse anche adesso, tanti universi…-, e’ molto al di sopra di schemi e regole, regole che poi sono spesso non essenziali. Le uniche regole sono quelle morali, che sono poi regole eterne: ama, fai del bene, migliora te stesso, cresci, non offendere,,, Sono regole stampate nel cuore, e se si sbaglia su queste regole dell’amore, non e’ un dio a castigarci, ma le naturale ed eterne leggi di causa ed effetto.”Chi di spada colpisce di spada perisce” non e’ una minaccia di Dio- anche se la frase e’ detta da uno che si proclaamva Dio e parlava a nome Suo-, come ci fa credere la religione; e’ una minaccia che viene dalla legge di natura. Chiaro che, se io passo col rosso, ho l’incidente. Ma non e’ Dio a mandarmi addosso l’altra macchina. Gli orientali, questo lo hanno capito gia’ prima di noi, “Il mamdala”, “la legge di causa ed effetto”, i “samsara”, il karma. Ma anche loro, se mi dicono “allora vieni con noi”, li lascio dire. Pur se in certe cose hanno ragione. Cioa Rebecca, bussy 🙂

      Marghian

      • Rebecca Antolini says:

        io personalmente non mi sentivo ma a casa nella chiesa cattolica e non voglio approfondire l’argomento … io ho un bisogno di un Dio che mi ascolta e mi accetta come sono… un Dio che e fuori di ogni gruppo religioso.. un Dio che mi ama come sono.. un Dio non geloso e non vendicativo … un Dio che posso amare senza sentirmi obbligata… bussi ♥ 🌻

    • MARGHIAN says:

      Ciao Rebecca. “un Dio che mi ama come sono.. un Dio non …”. Quante volte ti ho scritto io queseto Mi trovi d’accordo. E per me Dio e’ presente ove c’e amore, si tratti di cattolici o di altra confessione. Ho praticato cattolici e mormoni, ed ho trovato delle persone buone in tutti e due i movimenti religiosi. E allora? C’e’ Dio anche in chi dice di essere ateo se in queta persona c’e’ amore. Ma nememnio io voglio approfondire l’argomento. Poi su questo ci troviamo d’accordo. Ciao, bussy 🙂

      • Rebecca Antolini says:

        In ogni religione c’è qualcosa di buono.. ma nessuna religione dovrebbe negarmi la mia felicità … e pure mi piacono tantissimo i tdg.. mahhh bussi e buon giovedì caro Marghian 💋🌻

    • MARGHIAN says:

      Una buona religione non deve negarti la Felicita’. Una buona religione, ogni buona religione te la prospetta, ma ti dice (ti dovrebbe anzi dire) che la Felicita’ non e’ qui. Non la felicita ‘ perfetta almeno. Come penso Io. Ciao bussy. Ho scritto col telefonino, che ti sembra? Ha un programma per scrivere le parole giuste e corrette 🙂

      • Rebecca Antolini says:

        forse non è solo la religione il problema, ma la fede in Dio, forse non è ancora abbastanza forte … mah 😉

  7. ili6 says:

    Complimenti a Ignazio Vargiu. Un dipinto lineare, pulito, comunicativo, valido nella prospettiva e nella scelta dei colori. Spicca, senza disturbare , il poderoso volume del manto.
    Perfetto l’abbinamento con la canzone di Battiato.

    • MARGHIAN says:

      Ciao Masriro’. Dipinge bene, non lo dico solo io- e non lo devo dire io, frana in disegno-; lo dicono persone che ne sannno di arte e pittura. Vi faro’ vedere altri quadri. Se stai attenta, per esempio nei miei video- uno postato qualche giorno fa- c’e qualche suo quadro. Ora li conto: Ne ho otto, appesi ai muri qui a casa mia, compreso il “torero” che si vede di spalle a me. Gli vengono molto bene le nature morte, i paesaggi ed i ritratti. Fa anche impressionismo, ha cominciato a farne circa 12 anni fa quando conobbe un gruppo di pittori di settimo torinese- adesso mio fratelo e’ in paese, in pensione..-, di cui alcuni affermati come un certo “Martinico”, lo ricordo ancora. Questo Martinico era un po’ il “capo” del gruppo- ma per l’impressionismo, per altre forme come ad esempio l’arte figurativa era meglio Ignazio.
      Ah, non e’ lui il fratello “famoso”- “l’invidia”, ricordi? (invidio anche lui pero’, non e’ timido per niente, l’opposto di me 😆 )Ho due fratelli, ignazio ha 76 anni, l’altro 67. Poi ho una sorella, 71. Infine ci sono io, su pitticcheddu de’òmmu (traduzione, “il piccoletto di casa”), ormai prossimo ai 65 anni. E sono l’unico rimasto scapolo (ggrrmmggrrrr, 😆 ed ancora 😆 ). Ciao Mariro’, ciao 🙂

  8. Laura says:

    L’avevo visto, e’ tanto bravo tuo fratello!!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s