TWO SINGERS FOR ONE SONG – ALWAYS SOMETHING THERE TO REMIND ME

Ciao. E’ la mia solita rubrica di “confronti musicali”,  a cui ho voluto dare un titolo “ad effetto” 🙂 . Questa volta ho scelto questa canzone, e le due voci a confronto sono di due personaggi musicali molto diversi fra loro: la cantante italiana Karima e Jose’ Feliciano.  La canzone e’ “Always something there to remind me” (“qualcosa sempre li’, a ricordarmi”), composta nella musica dal celebre  direi celeberrimo musicista oggi quasi novamt’enne, nato infatti nel maggio del 1928 e tutt’ora in attività  Burt Freeman Bacharach. Bacharach compose la canzone, su testo di tale Hal Dave nel 1960. Venne interpretata da varia artisti, fra cui Sandy Show,  Dionne Warwick e Jose’ Feliciano. Ho scelto l’interpretazione di quest’ultimo perche’ l’ho imparata da lui, a furia di ascoltarla su cassetta. Neppure la scelta di Karima, italiana di papa’ algerino, e’ casuale: ha cantato ieri,  in paese. Anzi, il suo spettacolo ieri me l’ha fatta ricordare. Appena ha attaccato le prime battute, “ah, la conosco..” e ascoltando la canticchiavo, come ogni spettatore che si rispetti, e che conosca la canzone di turno 🙂 Karima e’ una ragazza molto alla mano. Ieri notte, appena terminato un brano, “scusate, devo salutare una persona…..” e si e’chinata sul palco a salutare una signora, che poi ho saputo essere una che era mia vicina di casa da nubile. Ripreso il microfono, “scusate, vi devo raccontare una storia, la signora Lella che ho salutato adesso abitava a Livorno vicino a me quando ero piccola, mi portava delle caramelle. Ed e’ di questo paese della Sardegna, come e’ piccolo il mondo! Non potevo non salutarla. E adesso, il prossimo brano….”. Simpatica Karima, ed e’anche…karina.  Si’, e’ figge 🙂  Ecco la sua versione jazz.

KARIMA

ALWAYS SOMETHING THERE TO REMIND ME

-qualcosa li’, a ricordarmi che…-

E’ proprio uno di quei brani d’ascolto.

“Cammino sola/solo lungo le strade della città che eravamo soliti trascorrere insieme, ed ogni passo mi ricorda quanto eravamo innamorati allora. Oh, come posso dimenticarti, quando c’e qualcosa li’ che mi ricorda che ero nato per amarti. Ed io  non saro’ mai libero/libera, tu sarai sempre una parte di me. C’e qualcosa, li’, che me lo ricorda. / Quando le ombre calano, io passo in un piccolo caffe’ dove noi vorremmo ballare la notte, e non riesco a fare a meno di ricordare cosa si provava a baciarti e tenerti stretta. Come posso dimenticarti, quando c’e qualcosa li’ a ricordarmelo? Sempre qualcosa li’, a ricordarmi..che io ero nato/nata per amarti, e non saro’ mai libero/libera, tu sarai sempre una parte di me./ Io ero nato per amarti, e non saro’ mai libero, tu sarai sempre una parte di me…”

-Hal David, traduz. Marghian-

VERSIONE “SAMBA” DI JOSE’ FELICIANO

Per me e’ questa, la versione “storica” del brano. Con lo stereo, in macchina…

CIAO  

 A stasera, dopo il mare 🙂

Marghian

Advertisements

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI QUASI 64 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in MOMENTI, musica. Bookmark the permalink.

4 Responses to TWO SINGERS FOR ONE SONG – ALWAYS SOMETHING THERE TO REMIND ME

  1. Silvia says:

    Feliciano lo conosciamo, ma Karima è davvero molto brava! Buon bagno Marghian 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao Silvia. Al mare era bellissimo, mi aspettavo il tuo augurio di buon bagno 🙂
      Sono arrivato li’ sul tardi (l’amico che era con me ha dimenticato una pastiglia da prendere “a una certa ora” e, a meta’ strada mi ha chiesto “la cortesia” di tornare indietro a prenderla da casa sua…). Ma si e’ fatto a tempo benissimo.
      La “protagonista” in questo caso e’ Karima. Ma da Feliciano avevo imparato la canzone (siamo al lontano 1989, vivevo a Cagliari, quando ascoltavo una cassetta che conteneva anche questa canzone. Sapevo che era di questo Burt Bacharach, ma non sapevo facesse parte del repertorio di Karima. Quando ha detto “faro’ brani di Bacharach” ho immaginato che la cantasse. E infatti, a dieci minuti di spettacolo l’ha eseguita. Davvero un concerto di livello, non solo lei ma i musicisti jazz, molto bravi. Fra le altre cose Karioma ha addirittura collaborato con Bacharach.
      Okay, ciao e buona notte, ora doccia e cena 🙂

  2. Affy says:

    Beh, che dire? Hai citato due cantanti che si ascoltano sempre volentieri.
    Karima piace molto anche a me, è una persona semplice e disponibile. Mi fa sorridere l’idea che per cantare bene senta l’esigenza di togliersi le scarpe 🙂
    Josè Feliciano è un grande musicista, cantante, interprete. Mi sembra di ricordare che proprio tu, in un tuo post, raccontavi di quanto fosse poliedrico, quanti strumenti musicali sapesse suonare …
    Un abbraccio da Affy

    • MARGHIAN says:

      Ciao Affy 🙂 Si’, Si’, ho fatto diversi posts su Feliciano, che suona almeno trenta strumenti, ed era chiamato (non so se ancora oggi il soprannome sopravvive 🙂 ), era chiamato “l’uomo orchestra”. Lo seppi nel 1972 dalla trasmissione a quiz “Il gambero” di Franco Nebbia, alla radio: “signora, mi sa chi e’ l’artista che per i suoi trenta strumenti e’ chiamato “l’uomo orchestra”?”- “vediamo un po’..jose’ feliciano?” – “Esatto!”.
      NOn ho notato questa cosa di Karima scalza. Allora, magari canta scalza perche’ lei vede un contatto “karmico” fra i piedi e la gola e prima di cantare pensera’ “libero piede, libera voce”? Scherzo 🙂 Se mai il motivo e’ che..Vedi,i cantanti sono molto scaramantici, e lei vede il togliersi le scarpe per cantare come una sorta di rituale, non so. Pavarotti non si separava mai dal suo foulard, sono delle fisime strane degli artisti. Della cantante Sandy Show sapevo,e lo aevo visto in tv. Era chiamata “la cantante scalza” .Fra l’altro Sandy Show canta anche lei questa canzone, ora che mi ricordo l’ho scritto qui nel post.. Ciao Affy, un abbraccio da Marghian 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s