SANREMO 1968 – UNA AVVENTURA

UNA AVVENTURA

LUCIO BATTISTI

Ciao. Sappiamo che Lucio e’ stato grande, vive nei nostri cuori, nei nostri gusti musicali. Ma l’interpretazione di Wilson Picket in coppia con Lucio a Sanreno fu qualcosa da far vibrare il cuore. A me fece quell’effetto, pur non capendo allora ad un certo punto cosa dicesse (“…this is not a quick adventure, that begins with love and even sorrow..For today…”). Eccola.

Che roba, raga’…

 Mi viene da pensare che allora  “Sanremo era Sanremo”, come dice il motto del festival, con il verbo essere al presente (?!). Ed e’ vero, ci si rende conto ascoltando interpretazioni cosi’.

Con concorrenti e performances cosi’, Sanremo era davvero Sanremo; anche se i voti, sin da allora lascivano  a desiderare-con due interpretazioni cosi’ che non andarono in finale…- .Lucio e Wilson Picket infatti arrivarono soltanto al nono posto.

Ma tanto e’ la qualita’, a dare il coso. E su quella, non si discute.

Okay, adesso finisco di cenare 🙂

CIAO CIAO, BUON WEEKEND

Marghian

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI QUASI 64 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in musica. Bookmark the permalink.

44 Responses to SANREMO 1968 – UNA AVVENTURA

  1. Laura says:

    Buonanotte Marghian e buon weekend, 🙂

  2. Rebecca Antolini says:

    Buon sabato carissimo Marghian… bussi 💋

    • MARGHIAN says:

      Bussettoni Rebecca. Bussettini dai, bussettoni mi pare troppo “veemente” 🙂
      Baisus e impressus mannus cara amiga, passa unu sàbudu e una dominiga togus,recreu de is trabballus de sa cida, e chi sa vida ti arrìada anànti, sempri, e chi su coru tu sìada sempri prexiàu” (quando vedi la X nel sardo leggila “G” dolce, alla francese, tipo “visage”). Ho scritto. “baci a abbracci grandi cara amica, trascorri un sabato e una domenica belli, ristoro dagli affani della settimana, e che la vita ti sorrida in faccia, sempre, e che il cuore tuo sia sempre contento” (fueddus a crubba po rebecca- parole improvvisate per rebecca-), ciao 🙂

      Marghian.

      • Rebecca Antolini says:

        Anche a te un buon weekend… caro Marghian… oggi sono stra cotta … potrei andare a dormire… bussi 🌻

    • MARGHIAN says:

      Buon sonno Rebecca. Io no, non sono “stracotto” 🙂 anzi credo che al pomeriggio andro’ al mare a fare il primo bagno. Non lo so ancora, buon sonno ciao 🙂

      • Rebecca Antolini says:

        Sai la domenica sorso mi sono fatto male al piede destro mi sono rotta il quarto metatarso, ieri ero oltre 4 ore in piedi a camminare, la gamba stra gonfia e io quasi morta.. mi auguro che guarisco presto… e passato soltanto una settimana e mi fa ancora un male fastidioso… bussi 💋

    • MARGHIAN says:

      Ah, Rebe’, io pensavo che “stracotta” volesse dire solo stanca, non hai precisato… Mi dispiace, rimettiti a posto quanto prima- te lo auguro- , bussy 🙂

      • Rebecca Antolini says:

        Grazie caro Marghian
        Oggi e passato una settimana e devo dire il dolore si ha trasformato da un dolore doloroso, in un dolore fastidioso.. e questo è un buon segno.. comunque ieri ero anche stanchissima forse anche la colpa del tempo cambia in continuazione bussi 🌻

    • MARGHIAN says:

      Ciao Rebe’, sono contento del miglioramento. Mi piace molto “dolore doloroso”, simpatico come dire “luce luminosa”. Scherzo carissima Rebecca. Mi ricordo pero’ del post che hai fatto, “ditemi, come mi esprimo?” o cosa era.
      Io scherzo, ma non ti preoccupare. Pensa a chi disse “provo..ad esprimermi nella vostra..nella noostra lingua italiana. Se me sbaleo.. se me sbaleo mi corigerete!” Era il papa eh? Il papa polacco. Quindi, sei in buona compagnia 🙂

      Guarda che se hai un dolore, un fastidio, anche la stanchezza aumenta. Quando ho avuto il mal di schiena, mi sentivo anche stanco. Io fisicamente sono molto resistente- adesso ho messo su qualche chilo, ma le forze non sono diminuite, e’ diminuita solo l’agilità, le forze no…); eppure, avendo un dolore anche le braccia e le gambe cedevano, e’ cosi’. Poi incide anche come dici tu il cambiamento climatico, di pressione atmosferica, temperatura eccetera.

      Non dico tu, ma IN GENERALE, sentirsi stanchi o meno e’ anche un fatto di esigenze della vita. Energie nascoste che non sappiamo di avere.

      A Torino, ci vado pesso per una sorella (“la casalinga di Torino”, infatti, che non le interessa la scienza… 🙂 ), ho conosciuto una signora anziana che muovendosi stancamente diceva sempre “oh, oh mimmi’, oh mamma mia che stanca che sono, oh mimmi’..”, e camminava a fatica, appopggiandosi ai muri e ai tavoli, dolori qua dolori la’.

      Passa qualche anno ed Il figlio ha un incidente, diventa dipendente, a letto. E lei, qualche anno dopo, me la vedo li’:”Dario ciama, Dario ciama..”, “scusate, Dario ha bisogno…” . E quasi correva! Per dirti, le risorse umane..bussy 🙂

      Marghian

      • Rebecca Antolini says:

        Questa volte mi sono auto curata, non ero in ospedale e oggi cammino veramente bene e passato solo una settimana… Gianni ha detto dovrei fare il medico 😀 .. mio veterinario mi ha fatto i raggi ieri sera ho rotto il 4 metatarso … ma non mi devo preoccupare come lo infiasco va tutto bene… insomma non è la prima volta che mi rompo su questo piede un metatarso l’altra volta mi sono rotto il quinto… questo si faceva un dolore doloroso.. e mi hanno messo la doccia fino al ginocchio ma dopo 3 giorni Gianni me lo ha tolto e io mi sono auto curato dopo 3 settimane camminavo e saltavo come un lepre 😉 ciao caro Marghian bussi 💛💋

  3. Ciao marghian..battisti un cantante che trovo molto moderno, all’avanguardia e non mi stanco mai di ascoltarlo..buon week end..stefania

    • MARGHIAN says:

      Salve Stefania. Benvenuta.
      Battisti era un grande, insuperabile. Ma e’ anche ” nostro”, io quando occorre vanto anche l’ erba del vicino, anche se non tanto ” vicino”. In questo caso Wilson Pickett. Formidabile. Ciao, e torna a leggermi 🙂
      Margjian

    • MARGHIAN says:

      Ah, Stefania, un’altra cosa. Col cellulare non potevo.
      Se mi vuoi conoscere meglio, come blogger, clicca su questo link:
      https://marghemarg.wordpress.com/
      Anche se li’ sono fermo ormai da otto mesi, e’ comunque li’ che ho… “le piu’ cose”. Se ti interessano cosette come galassie, pianeti,, antimateria, materia oscura, archeologia, particelle, dischi volanti (anche queili 🙂 ) eccetera, c’e un bel da leggere. E ci sono anche delle canzoni, da prima che dedicassi questo blog solo alla musica. Di nuovo ciao, buon weekend 🙂

      Marghian

    • MARGHIAN says:

      Con massima calma, tranquilla 🙂
      Ciao.

  4. Silvia says:

    Buon sabato Marghian 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao Silvia. Sabato che procede bene, fra pulizie e commissioni. Ma va benr. Grazie Silvia, buon ” proseguimento di sabato” anche a te 🙂

      Marghian

      • Silvia says:

        ho finito ora di preparare per la cena, devo solo infornare al momento, e ho preparato anche per mia suocera perché la signora che gli fa da mangiare non la soddisfa (adesso è impossibilitata a farselo da sola perché si è rotta una caviglia e ancora non può appoggiare il piede per terra), è vegana….e quindi capisco mia suocera poverina, così gli ho preparato il pesce e le vedure ripiene e poi in confezioni singole di una porzione li mettiamo nel congelatore, così quando lo vuole ce l’ha li pronto! 😉

      • MARGHIAN says:

        Anche tu hai avuto il tuo bel da fare allora. Ciao 🙂

    • MARGHIAN says:

      Il messaggio precedente e’ scritto col telefonino, alle 0,38-anche se il pc dice “11,38”. Ero a letto da mezzo minuto, dopo aver visto un film in tv.

      Non solo hai un bel da fare, (come voi donne in generei,in casa…vi ammiro)… ma un livello di lavoro in cucina che io non immagino, mi limito all’esenziale per quanto riguarda cucinare (pasta, un sugo di pomodoro per due settimane- boccette in freezer da tirar fuori all’occorrenza..-, fettine con la piastra o con la padella, ogni tanto faccio la carne lessa per un po’ di minestra -quasi sempre brodo di carne pollo, visto fare da mia madre-, qualche minestrone pronto, il caffellatte la mattina, il caffe’ con la moca per macchiare il latte- il caffe’ “caffe'”, macchiato, lo prendo sempre al bar in misura di due o tre al giorno-). Eppure finisco tardissimo, fra una cosa e l’altra. La giornata che mi dura dalle sei e mezza che mi alzo a sempre dopo la mezzanotte, spesso mi corico quasi all’una-anche in settimana-.

      Leggendoti ieri notte, “ho finito ora di preparare per la cena..”, “ho preparato anche per mia suocera perché..”così gli ho preparato il pesce e le vedure ripieno” ho pensato a quella pubblicita’ in cartone animato, dove si vede la casalinga vestita da super eroe che si muove velocissima, e la voce del bambino che le dice dice “vai supermamma!”.
      Appunto 🙂 Come ho detto io a mia sorella ieri sera per telefono. Lei mi ha detto: “anche se sono in pensione, fra fare spesa e da mangaire, pulire, fare i leetti, aiutare mio figlio in portineria (scelta sua), la signora di sopra che mi trattiene un’ora quando mi vede(e’ vero, l’ho conosciuta, quando vado a Torino la vedo sempre, chiacchierona..), poi…”. Le le ho detto “ma tu sei la csalinga piu’ veloce del west..”. 🙂 Auguri di guarigione a tua suocera, Ciao 🙂

      Marghian

  5. lucetta says:

    E’ vero….spesso chi merita veramente è apprezzato non subito ma col tempo. Ho ascoltato e Lucio è sempre grande. Ciao e buon sabato e domenica Livio.

    • MARGHIAN says:

      Luicia ciao 🙂 Rispondevo a Rebecca, stavo andando alla pagina de “i miei commenti” ed ho visto il tuo quadratino- immagine. Lucio e’ nostro, e chi ce lo tocca. Ma oggetivamente, e’ fenomenale anche la voce ed il modo di cantare di Pickett, che è stato un grande artista del genere Soul e “Rhytm and Blues”. Lo setsso Lucio disse di preferire in assoluto Ray Charkes e cantanti cosi’, fra cui lo steso Wilson Pickett, e di vederli come dei maestri. Ma si vede anche un po’,in Lucio, l’inflnenza di quel modo di cantare e fare musica. Cioa Lucia, buon fine settimana e domenica 🙂

      Marghian

  6. skayrose59 says:

    indimenticabile Lucio ciao Marghian

    • MARGHIAN says:

      Ciao Silvia. Era grandissimo. Componeva brani su brani. Non so ce facesse. Tanti altri, di genere diverso, nella carriera…post Mogol, diciamo, su testi di un certo Panella e della moglie stessa di Lucio. Letizia Grazia Veronese in arte Velezia (VEronese-LEtizia-graZIA). Una canzone di Velezia (le parole) e’ “Ehh, già'” (“eh, gia’, non e’ la verita’..”).
      Un genio, ma come anche i geni, aveva un difetto, era di estrema destra.
      Lo so, lo so, non c’ entra.. :). Ciao Silvia, buona domenica.

      Marghian

      • skayrose59 says:

        non lo sapevo di questo suo orientamento politico, quello che so è che da quando si separò da Mogol tutto cambiò non c’era più poesia nelle sue canzoni, la moglie dirigeva tutto anche la scelta di non apparire più in pubblico, ma è una mia opinione personale

    • MARGHIAN says:

      Ciao Silvia. Io si’, lo sapevo da quando avevo 20 anni, e Lucio 30.Me lo dise un mio fratello, che allora era al terzo anno di universita’ (sai, per gli studenti di allora, parlare di politica….era l’argomento per eccellenza) e mi disse “si’, vota movimento sociale…”.Pareche Lucio finanziasse Ordine Nuovo addirittura, il movimento di estrema destra nato nel 1969 -da non confondere con “L’oordine nuovo” rivista fondata da Gramsci di tutt’altro orientamento-.
      E cosi’, ecco che io- nota personale-, apprezzavo e apprezzo Lucio piu’ per le sue idee musicali, decsamente.
      Lucio ruppe con Mogol, mi sembra per questioni riguardanti i diritti d’autore. La molie, per carita’, metteva i bastoni fra le ruote a tutti. “Luico era mio marito, lasciamolo in pace…”. “No, Lucio e’ di tutti”, disse Renzo Arbore, allora in querelle con lei, “Velezia” . Fu lei infatti che lo fece portare via dal cimitero di Molteno, vicino a Lecco, e lo fece cremare con le ceneri portate in un luogo “segreto”- si pensa in Emilia.
      Sul suo non apparire piu’ inn pubblico, “ufficialmente” sarebbe stato lo stesso Lucio a dire “le serate stancano, per produrre devo starne lontano, preferico lavorare in stuido..”-Poi non so.
      Si parla anche, per il suo ritiro dalle relazioni sociali (non solo per le serate) , addirittura di crisi religiosa”- c’e ci dice fosse Testimone di Geova”; altri dicono “spiritualista”, sai, le sedute.
      Un cognato, che si oppose alla cermazione, marito della sorella di lucio Albarita- ora morta pure lei..-, disse era cattolico”, quindi non si sa bene. Ciao Silvia 🙂

      Marghian

    • MARGHIAN says:

      Ciao Silvi, ti ringraziò tanto per apprezzare i miei commenti considerandoli esaurienti. Ma non devi pensare che ” non dormi la notte” per formylarli. Mi vengono, spontaneamente, a braccio. Nella musica come come sugli UFO 🙂
      Battute a parte, un amico di blog, un fisico, mi scrisse in un commento: ” ho capito, sei come ne, uno che non dorme la notte…”. Io gli risposi “no..ti sbagli, non sino ” secchione”.
      Sarebbe come dire, ” se fisse davvero cosi'”,, che non mi potrei lamentare di non aver tempo. Sbagliato, io scrivo un commento lungo in dieci minuti. Infatti adesso ti sto scrivendo col cellulare, devo fare ancora i piatti e sono già’ le 23, 30 e ho lavorato nove ore. Non e’ questi commento o l’ altro, lungo o breve. Non ho davvero tempo Silvia, a chi non e’ da solo non entra in testa nemmeno con il piccone, come diciamo noi , “mancu a piccu”.
      Ma come posso Silvia, vi scrivo. Ho molte cose da raccontarvi, ancora. Ciao 🙂

      Marghian

  7. alessialia says:

    quasi mai poi sono arrivati primi i grandi successi……
    non ho avuto il piacere di vedere qull’esibizione allora…!

    • MARGHIAN says:

      Che telepatia, proprio poco fa, da Laura, ho cliccato su “rispondi” e ti ho scritto “salve”. Mi ripeto qui, a salutarti, ciao 🙂
      Ora, tu conosci Lucio Battisti che e’ stato un fenomeno, sia coem autore che come interprete. Io ero un fan di Battisti, ma mi piace anche quel genere dei musicisti e cantanti neri americani, come Pickett. Il mio “idolo” e’ Ray Charles. Lo conosci? Nato nel 1930, Ray Charles e’ diventato cieco a 6 o 8 anni, la mammaAretha lo portava in una chiesa Battista, c’era un armonio sconquassato ed ecco che imparo’ a suonare, poi si perfeziono’ col pianoforte. Mi dirai “perche’ questo accenno biografico a Ray Charles?” . Semplice Alessia, lui ha praticamente..inventato il modo di cantare di Wilson Picket, e di altri. Pickett, James Brown ed altri hanno detto chiaramente di aver imparato a cantare cosi’ da Charles. james Brown: “ssenza Ray Charles non sarei James Brown”. Scusa se e’ poco…- A Battisti piaceva molto Ray Charles.
      Io avevo 15 anni quando ci fu quella esibizione, a Sanremo. Ciao :=

      Marghian

      • alessialia says:

        emh… cmq il tuo salve che hai scritto da laura non mi è arrivato!
        grazie del pensiero!
        si si ray charles lo conosco…
        conosco di nome tutti quelli che hai citato!
        io sono nata nel 1979 e probabilmente li ho vissuti poco… ma sono rimasti nell’immaginario collettivo!
        sbaciuzz!

    • MARGHIAN says:

      Giusto, hai ragione, sono rimasti nell’immaginario collettivo, ai grandi succede cosi’-
      Ah, sei del ’79, come um mio nipote che sta a Torino sposatosi due anni fa.
      Tornando all’immaginario collettivo sui cantanti, non mi stupisca ceh tu conosca chi ho citato io. Una sera, non molto tempo fa in un basr sentii dei ragazzi di 13 e 15 anni cantare canzoni che io sentii quando avevo la loro eta’, e non e’ poco. Faccio outing, vah, io ho 64 anni compiuti a gennaio. Ma sai che se non fosse per un po’ di mal di schiena che ogni tanto mi viene quasi non mi sento gli anni che ho? Davvero,tolto quello, e qualche chilo-mannaggia- sto bene, vado ancora in immersione in apnea, non certo come vent’anni fa che ti toccavo i 15 metri. Adesso mi accontento di tere metri e emzzo. Ciao 🙂

      Marghian

      • MARGHIAN says:

        Ah, dimenticago, in che senso non ti e’ arrivato il “salve” da Laura? Da Laura c’e.. 🙂 Scherzo. Intendi nel senso che non ti e’ arrivata la notifica? Io non le guardo mai, vado dierttemente nei blog, come quando si cambia canale in tvi, ciao 🙂

      • alessialia says:

        che bellooooooooooooooooooooo! fai immersioniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!! ma che spettacolo! piacerebbe anche a meeee!!!! ma… manco so nuotare bene… 😀
        si ci sono canzoni passate che sono dei must anche per i ragazzini di oggi!
        ho visto la tua foto sul blog! stai benissimo!

      • MARGHIAN says:

        Bello si ‘. Infatti ti scrivo dalla spiaggia, cellulare. Fra poco entrerò’ kn acqua. Sono spericolato ancora oggi ma lrudentissimo per il ” dopo mangiato”. Lascio passare almeno tre ore e mezza, immergersi con l’ acqua ancora fredda e’ lericoloso se non si aspetta almeno fino atre ore almeno. Un amico moti’ perche’ bevve birra ed entro’ a nuotare senza aspettare. Poi non si hanno piu/ 20 anni, va considerato anche questo.
        Alle prime volte due metri massimo. Quando sarò’ collaudato, a fine giugno, toccherò’ il fondo ( non depresso… 🙂 ) anche a 5 o 6. Non sono i 12 di 15 anni fa ma mi devo accontentare. Seno vecchi! Non ancora.. 🙂
        .

      • alessialia says:

        Uh mamma… mi spiace per il tuo amico… queste sono cose che forse si possono evitare… ma alla fine il destino ci mette lo zampino…
        Fai bene a essere prudente!!!/bello il.mareee… non vedo l’oraaa!
        Eh… io non so neanche nuotare bene’… non potrei mai fare le immersioni… ma immagino che emozione…!

      • MARGHIAN says:

        Il cellulare non mi ha lasciato finire (mancava il ciao). Ciao 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s