MI FERMO UN PO’…

MI FERMO, PER ORA

sleep_lake.jpg

 PER UN PO’ DI STANCHEZZA – SERALE-, N PO’ “PER POCA VOGLIA”

 SOPRATTUTTO PER MANCANZA DI TEMPO. E PER LA VITA REALE

Ciao. Ho pensato di  fermarmi un po’. Ma non del tutto, continuo con i commenti e le letture dei vostri post.  Ciao per ora  🙂

Marghian

Advertisements

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI QUASI 64 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in MOMENTI, saluti. Bookmark the permalink.

27 Responses to MI FERMO UN PO’…

  1. Affy says:

    Prenditi tutto il tempo che serve … non sparire però!
    A presto caro Marghian, un abbraccio 🙂

    • MARGHIAN says:

      Mai pensato, sparire no. Leggi bene, “Ma non del tutto, continuo con i commenti e le letture dei vostri post. Ciao per ora”. Esiste un certo “affinebinarismo” 🙂 in tutti noi, ma la mia e’ solo una “stazione”. Cosi’, è un periodo che alla sera, guardo la pagina del blog e mi dico “ed ora, cosa scrivo?”. Leggo o scrivo due, tre commenti, e si fanno le 22 quasi- da dovermi fare ancora da mangiare-. Poi si e’ un po’ stanchi, e cosi’ siamo. La vita reale poi, mamma mia…esci la sera dopo il lavoro, trovi due fessi piu’ soli di te, “ciao…”.. oppure fai a tempo a farti solo un po’ di spesa, fare la cena, i piatti e ciccia. Pensa che non mi corico prima di mezzanotte e mezza, e l’indomani prima delle otto sono al lavoro. Chiaramente questo e’ per tutti – e tutti, in effetti, sentiamo questa cosa.

      Non mi trovo poi quella fantasia nello scrivere di qualche anno fa, che sembrava che ci fosse qualcuno a dettarmi (pensa all’altro blog).
      Comunque, non spariro’. Noi in sardo diciamo la frase “ehi , ca’ gei tòrra su manàgu a genna!”. “Dai, chè tanto tornera’ il mendicante (a bussare) alla porta!”. E’ una frase nata negli ambienti dei giocatori a carte per dire “la fortuna girera’ di nuovo a mio vantaggio”. Mio padre mi ricordava di un suo amico che, giocando a carte nelle osterie, lo diceva sempre, “ehi ca’ gei torra su manàgu a genna!” (era soprannominato “manàgu a genna” infatti 🙂 ). Lo si dice appunto per per dire: “torneranno i bei tempi”. E spero presto, Okay, ciao per ora 🙂

      Marghian

  2. Enri1968 says:

    Buon periodo sabbatico…
    🙂

    Ogni tanto occorre fermarsi anche solo parzialmente come vuoi fare tu. Ciao.

  3. Laura says:

    Un abbraccio caro Marghian, l’importante e’ leggerti qua e la’ nei commenti, buona settimana, 🙂

  4. Rebecca Antolini says:

    Il blog mio caro Marghian deve essere un passatempo un piacere non un obbligo… io questo anno mi sono detto NO STRESS IN WORDPRESS … ti impràssus e 1000 basidèddus Pif ♥

    • MARGHIAN says:

      Ciao Rebe’. Sono un po’ disincantato in questo periodo ( che mi sta durando) sulla attività’ di blog. Non sento l’ interesse di una volta. Non e’ tanto questione di WordPress, wordstress o facebook. Non so, e’ piuttosto che il blog deve essere una forma di socialità’ aggiuntiva e non l’ unica. Questo e’ il mio modo di sentire la cosa, a fronte di una socialità’ reale davvero ridotta al minimo, ad un ” ciao” o ad un veloce scambio di battute quando esco alla sera, essendo poi da solo in casa.
      Ma il motivo principale e’ poi che non si ha tempo ( il lavoro e tante piccole cose da sbrigare, una appresso all’ altra).
      Qualcosa la scriveri’, come posso. Ciao e imprassus 🙂

      Marghian

      • Rebecca Antolini says:

        Sai succede anche a me … ma io non faccio la pausa chiudo sempre tutto anzi cancello tutto… poi torno 😀 … anche io ho questi fasi in cui il blog mi da la nausea… ma sai dopo un pò si stanca si stufa e normale… ora che inizia la prima vera anche io preferisco fare altre cose… intanto bussi ❤

    • MARGHIAN says:

      Ciao Pif. No, io non penso proprio di chiudere ( la ” pausa” poi può’ durare come non può’ durare), chiudere non e’ la mia idea. Non e’ proprio ” nausea”, anzi il blog mi piace. Piuttosto non riesco a lavorarci come vorrei. Questo mi da’ la nausra. E non avere ” altro”.
      I commenti posso anche farli con lo smartphone durante il giorno, qualcuno dal lavoro (quando posso, sempre col telefonino), come sto facendo adesso. Un minimo di contatto cerco sempre di tenerlo.
      Ciao, bussy (i bussy non possono mancare ) 🙂

      • Rebecca Antolini says:

        ecco i bussi non devono mai mancare… comunque credo questo blog non chiudo più anzi tutti due ho anche un fotoblog … ora preparo il pranzo bussi ♥

      • MARGHIAN says:

        Ih oh, rebe’, sembriamo in chat… Tranquilla, guarda che non sono stressato come comunemente si intende. Sono tranquillo, e’ solo che ho il quotidiano che non mi lascia spazio per altro. Non solo per internet, ma anche per leggete, suonare o altro.
        Intervalli come questi ne ho fatti alcuni anche ” non dichiarati” 🙂 cioè’ non annunciati con un post. Passavano anche dieci giorni senza ” novità'”. Ciao e a si torrai a intendi a pressi ( a risentirci presto) 🙂

    • MARGHIAN says:

      Mi piacerebbe avere fotoblog, modificare il blog, portare avanti gli argomenti dell’ altro blog eccetera, ma non riesco specie in questo periodo a dedicatlrmici in modo metodico. Giusto un breve post, qualche commento alla sera. Poi ho tutto ancora da fare in cucina. Io non partecipo mai ai tag per questo motivo. Non sono a facebook ( e come farei? ), e non ” chatto”, solo un po’ in whats ‘app. Non riesco neanche a seguite un film in TV come si deve. Leggere non parliamone. Passienzia, sa vida esti custa..( pazienza, la vita e’ questa…), traballai scetti ( lavorare soltanto. Praticamente… Ciao 🙂

  5. MARGHIAN says:

    In pensione? A fra tre anni, quattro se cambiano ancora..

  6. ili6 says:

    Comprendo, Marghian. Ci sono periodi in cui ci sentiamo inseguiti da mille cose del quotidiano e la sera…pluff…Vorremmo poter fare tutto, ma…Il blog è abbastanza impegnativo e così spesso si depone la tastiera. Ma non casca il mondo se riusciamo a scrivere un nuovo post ogni 15 giorni. Chi ha detto mai che si deve postare ogni due giorni???
    Comunque da te, esperto come sei, mi aspetto un post, qui o nell’altro blog, non importa, sulla scoperta dei pianeti simili al Pianeta Terra e con possibilità di vita. Ci conto, eh!

    • MARGHIAN says:

      Infatti, le giornate sono piene, da fare mille cose. Poi c’e la stanchezza serale- stanchezza, non necessariamente stress-, che seppure un’ora la si trova, non si riesce ad usarla. Stando in tema, ad esempio, sono quasi le 21 (oggi undici ore fuori casa, fra orario di lavoro e viaggio, avevo il rientro..) e mi devo trasferire in cucina per fare la cena. Ciao 🙂

  7. skayrose59 says:

    fermati pure caro amico del blog ma poi torna perchè sentirò la tua mancanza. (:

    • MARGHIAN says:

      Silvia, ma io non vado via. Vi scrivo qualche commento.Magari non tutte le sere. Mi ripeto, ormai e’ un ritornello: il mio e’ un rammarico di fondo, non solo per il blog: il lavoro, la spesa, far cena e a letto e non prima della mezzanotte. La sera trovo giusto un’ora di tempo fra il rientro dal lavoro quando ho il rientro pomeridiano o dall’uscire mezz’oretta in piazza (se per il lavoro non sono di rientro..), ma sono stanco e non combino quasi nulla: il mio rammarico e’ appunto che, tolto il lavoro e le cose da sbrigare, non posso fare altro (non solo non posso fare blog, fosse solo questo…).

      La routine e’ per tutti, vero. ma quando si e’ da soli… Ciao Silvia 🙂

  8. MARGHIAN says:

    Ciao Mariro’. Ci ho pensato infatti, quando trovo il “mordente” scrivo qualcosa sui pianeti appena scoperti . Ho accennato, un po’, nei commenti a Rebecca che mi ha chiesto in merito, nel pos “carrassecare”. Te ne riporto uno qui, come piccola “anteprima”:
    “No!!! Non sono nel nostro sistema solare, ed e’ questo il bello. Sono pianeti di un ALTRO sistema solare. Ruotano vicini ad una stella nana rossa detta trappista 1. Dieci volte più’ piccola del Sole, più’ fredda ma i pianeti ci girano molto vicini che l’ anno e’ di qualche giorno. E cosi’ ricevono abbastanza calore da esserci acqua liquida, e quindi mari, laghi e fiumi. Peccati che non ho tempo per fare un post nell’ altro blog per scrivervi altre cose.
    Pensa poi che le stelle nane rosse sono le più’ numerose nel cosmo, e quindi nella galassia miliardi e miliardi di questi sistemi planetari e forse gli alieni esistono. Ciao Rebecca, bussy”.

    ” Aggiungo qui che la possibilità di vita e’ assai elevata, ma e’ solo una possibilità. Da considerare brevemente che questi pianeti, essendo vicini anche fra loro e non solo alla stella madre “nana rossa” (1/8 o 1/10 del Sole), hanno probabilmente una rotazione “sincrona” tipo la Luna in riguardo alla Terra, o quanto meno disturbata- l’asse non avrebbe la stabilità di quello terrestre ma soprattutto una faccia troppo calda ed una troppo fredda. Ma gli scienziati non disperano neppure in questo caso: nella fascia “crepuscolare” ci possono essere temperature accettabili e la circolazione di una atmosfera “mitigherebbe” i due estremi “caldo-freddo” anche negli emisferi e non si avrebbero gli eccessi ad esempio della Luna o Mercurio- che sono senza atmosfera-. E poi altre cosette. (la a struttura interna, la tettonica, la vulcanologia dei pianeti eccetera). Ciao 🙂

    Marghian

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s