IL SECOLO SCORSO IN MUSICA – TAZENDA

LE DANZE DEL XX SECOLO

Per il fine settimana prox. venturo vi lascio questa canzone dei Tazenda

Non serve la traduzione, e’ in Italiano 🙂

Una parola sarda in effetti c’e’. Alla fine, quando dice  dice “pensi che staranno bene, insieme in questa canzone, un computer americano e le Launeddas  di *Muravera?” (*Muravera, è un paese vicino a Cagliari). Cliccate dove e’ sottolineato. 

Che paroliere è Gino Marielli, il chitarrista, autore dei testi e delle musiche.

——————-

La canzone uscì nel 1995, con l’album “Fortza Paris”, album che ha preso il nome da un nostri antico motto, “appunto “Fortza paris!”, “forza, insieme”. Il motto fu fatto proprio da due partiti politici “indipendentisti” sardi: il “Partito Sardo d’Azione” ed il movimento, fondato nel 2004, detto appunto “Fortza Paris”. In questo album sono presenti brani come “Rios de alenos”- fiumi di respiro-., “Frore in su nie”-fiore nella neve-, e “Procurade de moderare”, una canzone il cui testo risale addirittura alla fine del ‘700 e che fu scritta da tale Francesco Ignazio Manno. Manno era un cavaliere magistrato ed in certo senso fu  un  “ideologo” (una sorta di “Goffredo Mameli” isolano, se vogliamo), insieme ad altri,  dei moti rivoluzionari sardi che fecero eco a quelli allora in atto nella rivoluzione  Francese. Ho un lungo post (lungo? Ma va’! 🙂 ) su questa canzone (con i versi peraltro mai cantati per intero, nelle innumerevoli interpretazioni e riedizioni varie, compresa la versione dei Tazenda).

CIAO

Marghian

Advertisements

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI QUASI 64 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in musica. Bookmark the permalink.

25 Responses to IL SECOLO SCORSO IN MUSICA – TAZENDA

  1. Grazie Marghian…buon week end 🙂

  2. Laura says:

    Un abbraccio caro Marghian, 🙂

  3. MARGHIAN says:

    Ma e’ ossibile… 🙂

  4. Caro Marghian, da te si po ascoltare anche musica sconosciuta, ti ringrazio di cuore, abbi un sereno fine settimana… qui ha nevicata Verona e coperto di un velo bianco … bussi Rebecca

    • MARGHIAN says:

      C’e’ anche un’altra canzone, per meta’ in italiano che somiglia- nella parte in italiano- alla voce di Baglioni o quanto meno al suo modo di cantare. Ciao 🙂
      Mi limito a dei saluti adesso, come ho scritto a Lucetta non riesco a rimanere nel salone, per il freddo. E mi faccio la cena. La vita, chi ‘dda currada…”non farci caso, e’ il nostro “che la possino..” :lol:, Che letteralmente significa “che la rincorra- la Giustizia-, a volte non lo diciamo..-. ciao 🙂

      Marghian

      • anche qui fa freddo, e anche tropo per i miei gusti… non ti deve scusare .. attenta alle raffreddore, influenza o polmonite… io da settimana ho la bronchite e una tosse terribile … il medico mi dice che passa… ma secondo me e cronica … comunque vado farmi visitare a Insbruck Austria per sentire un’altra opinione … bussi e stai al calduccio

    • MARGHIAN says:

      Ciao Rebecca. Capisci quanto io non possa amare l’inverno, proprio lo odio. Piu’ noia, piu’ solitudine, piu’ malanni. E poi qui da me, nella pianura sarda, non si vedono nemmeno le “bellezze” dell’inverno. Vedi pioggia, brina, disagi e basta.
      C’e il monte del Gennargentu, dove si va anche a sciare. Pero’ sono 100 chilometri e passa. No, meglio l’estate, decisamente. Piu’ svago, piu’ salute, la gente che esce in piazza, serate in piazza, e non il nulla di adesso.
      Stare al calducio? Non e’ facile, mi devo fare tutto! Questa mattina ero a fare spesa per esempio. Posso coricarmi un po’ dopo pranzo, questo si’; ma poi c’e’ sempre qualcosa da fare, andare li’ o la’. La sera si deve mettere fuori la nettezza davanti alla porta per la raccolta diffrenziata dei rifiuti. Ecco, con la febbre a trentanove ed il maltempo, io lo devo fare! (non poso neppure metterla fuori quando e’ ancora luce, ordinanza comunale di metterla fuori dalla porta dopo che fa buio). Naturalmente esco fuori coperto, mi metto un cappotto addosso, ma ci si espone comunque. Ciao, bussy. Bàsidus e impràssus, baci e abbracci 🙂

      Marghian

      • Caro Marghian per la febbre e molto buono la infuso di corteccia di salice abbassa veloce la temperatura se si beve almeno un litro al giorno..fidati 😉 .. anche io sento il freddo e desidero la primavera con le temperature più calde.. l’estate a verona e un inferno c’è troppa umidità che mi fa leggermente morire 😀 100000000 basidèddus e anche io ti impràssus ..Bussi ❤

      • MARGHIAN says:

        Rebecca, ma…hai contato gli zeri? IO ricambio con il doppio. Ciao 🙂

  5. lucetta says:

    Sono passata a salutarti e ad ascoltare la musica. Buon fine settimana.

    • MARGHIAN says:

      Non mi trattengo nemmeno il Lucetta. Fa freddissimo, qui in salone e la stufetta non basta, per l’inverno prossimo ci metto qualche pompa di calore.
      Quando esco, in piazza o in un bar, non c’e nessuno (anche quando non e’ freddo….). Ho una piccola tosse datami da queste giornate fredde, motivo n piu’ per ringraziare l’inverno … 😦 gggrrrhhhhmmmm 😆 Per chè ‘ da solo poi e’ molto peggio. Pazienza- che non ho… -. .
      A me e’ sempre piaciuto questo excursus del secolo scorso che fa questa canzone. Ciao Lucetta 🙂 , adesso mi cucino qualcosa.

      Marghian

  6. Affy says:

    Bel brano e ottima la musica dei Tazenda anche se mi viene ogni volta un nodo in gola pensando ad Andrea Parodi, che grande interprete e che voce!
    Apprezzo molto il tuo parlare in lingua sarda (con annessa traduzione), confesso che mi piacerebbe proprio saper parlare la tua lingua, peccato sia così difficile. Prima di leggere la traduzione in italiano cerco di interpretare le parole … ma non ci azzecco mai!
    Ti auguro un buon fine settimana, un abbraccio Marghian 🙂

    • MARGHIAN says:

      Guarda Affy, a leggere e pronunciare il sardo c’e poi una regoletta dove, fra l’articolo ed il vocabolo, la lettera “dura” diventa quella “dolce” e si legge legato. Se io ti scrivo per esempio “su cani”, tutti voi leggete “su cani”, il cane. Ma noi lo scriviamo si’ cosi’, “su cani”, ma la c diventa g, “sugàni”…. “Su paradisu” si scrive cosi’, ma si legge “subaradìsu”. Oppure “sa festa”, la festa, che tutti voi di sicuro leggete “sa festa”, e’ invece.. “savèsta”, per farti alcuni esempi.

      Noi poi usiamo molto la X, per cognomi e vocaboli. Ma non si legge X, bensi’ come la G francese di “Visage”. Ad esempio nella parola “strèxiu”, “stoviglia” o “recipiente”, “stresciui”- la g dolce non so come renderla… Credo che i libri di sardo usino anche quelli un alfabeto per la pronuncia come per l’inglsese.
      Il sardo e’ poi un mezzo spagnolo, cosi’ come il piemontese e’ un mezzo francese.
      Caspita, qui non ci resto, fa freddo, mi cucino qualcosa e vado a letto.
      Ciao ciao, buon week end 🙂

      Marghian

      • MARGHIAN says:

        Mussolini aveva detto ” ma ritornerà” primavera, e sara’ bel tempo da tutti e quattro punti cardinali!”. Lui lo disse come metafora, ma ii la riferisco proprio a questo inverno del cavolo. Ciao 🙂

  7. MARGHIAN says:

    Errorino. Il commento precedente, solo soletto, sulla frase celebre, era da mettere nel post di prima.. Volevo spostarlo ma il PC non mi lasciava fare.

  8. MARGHIAN says:

    Ieri sera, nonostante la poca voglia per l’ influenza, volevo lasciarvi qualcosa ( a postare il video di una canzone si fa in fretta, non e’ un post di astronomia :). ), ma il PC non mi lasciava fare. Spero oggi. Ciao per ora.

    Marghian

    • Affy says:

      …. hai l’influenza???? 😦 Riguardati e non prendere freddo, mi raccomando.
      Io sono piuttosto raffreddata, passerà 🙂
      un abbraccio da Affy

      • MARGHIAN says:

        “Passera’, passera’, ed un altro ancor piu’ forte arrivera’…” (la canzone di Aleandro Baldi che dice “passera’, passera’…..anche e farai soltanto ta ta ta…). E’ gia’ la seconda volta che me la becco in meno di due mesi. Rigurdarmi? Dovendomi fare tutto non e’ facile. Dovendo poi comunicare al lavoro entro le nove dal medico ci sono dovuta andare, la visita a domicilio e’ sul tardi. Posso stare a letto tutt’al piu’ per due o tre ore, dopo pranzo nel pomeriggio. Per tutto il giorno, nemmeno a pensarci. Comunque, passera’, sperando che sia l’ultimo raffreddore di questo inverno del kaiser.. Ciao Affy 🙂

        Marghian

      • Affy says:

        Sei riuscito a strapparmi una risata … anche se influenzato. 🙂
        Vuol dire che il morale è comunque alto.
        Capisco bene che gli impegni per chi è solo vanno comunque portati avanti: andare dal medico, cucinare qualcosa di caldo, dar da mangiare alla gatta, provvedere alle prime necessità, etc… altro che “beato te!”
        Spero almeno che qualche familiare (hai fratelli vicino a te mi sembra di ricordare), un vicino, un’anima buona in questi momenti possa darti un aiuto. Quando inventeranno l’aiuto-virtuale ci daremo una mano a vicenda!
        Ti lascio comunque un abbraccio 🙂
        Affy

  9. MARGHIAN says:

    Si’, il morale e’ alto 🙂

    “altro che “beato te!”. Tu lo capisci Affy, moltissimi altri no. “Biàda tui ca sèsi assòu” (beato te che ei da solo) me lo si dice molte, troppe volte. Non e’ cosi’. Bello quando la sera dopo dieci ore di lavoro trovo la casa buia e vuota, bello….Ma per piacere 😆

    Si’, ho fratelli, uno stuolo di nipoti, e qualche amico. Sono anche molto benvoluto in paese, questo si’. Piuttosto non ho tempo per socializzare, e gli stessi pochi amici hanno meno voglia di me di fare delle cose. Mi riferisco agli amici rimasti scapoli. Propongo qualcosa e loro spesso non ne hanno voglia. Me li vedo in piazza, o in un bar, tristus che s’annàda mala”- come dicamo noi, “tristi come la brutta annata”.
    Va bbeh, che ce voi fa’… Ciao 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s