CONFRONTI MUSICALI – – Spesso i ciechi sono dei geni, in quel che sentono e ci fanno sentire con la musica. Ecco due esempi, direi illustri.

JOSE’ FELICIANO

RAY CHARLES

WHAT’D I SAY

(Che cosa ho detto)

Ray Charles, la voce nera del Soul di cui egli era re. L’altro, uno che suona circa trenta strumenti. La chitarra rimane comunque il suo strumento preferito, come ebbe a dire lo stesso Jose’ Feliciano.

————————-

(Oops, ne stavo dimenticando uno: e Stevie Winder? Sta qui)

CIAO

Marghian

Advertisements

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI QUASI 64 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in musica. Bookmark the permalink.

10 Responses to CONFRONTI MUSICALI – – Spesso i ciechi sono dei geni, in quel che sentono e ci fanno sentire con la musica. Ecco due esempi, direi illustri.

  1. Silvia says:

    Sono davvero molto bravi….quel qualcosa in più che affascina, dolce notte Marghian 🙂

    • MARGHIAN says:

      Direi di si’, Silvia. Ray Charles era “on my mind” per usare le sue parole-nella mia mente- gia’ quando io ero poco piu’ che banbino. Feliciano, invece, mi era sconosciuto, allora. Nel ’71 sentii “Che sara'” a Sanremo e fu “amore musicale a prima vista”- questo deve essere qualcuno..-. Ebbi conferma subito dopo il primo applauso. Il presentatore disse al cantante di fermarsi e di guardare ancora la gente, e disse “signori…jose’..feliciano!”. Infatti, allora feliciano aveva all’attivo: ottantasei milioni di dischi venduti- lo disse qualche mese dopo Alberto Lupo che lo presento’ a Teatro 10-, ed era gia’ famosa la sua versione di “Light” Mi Fire dei Doors. Poi lui “tocca” 30 strumenti, come dice lui, da buon ispanico latino americano. E poi c’e Ray Cahrles, dove solo il nome dice tutto. Ciao Silvia 🙂

      Marghian

  2. Ray Charles, una voce da brivido…..Jose’ Feliciano, chitarrista e compositore oltre che un cantante …. quel qualcosa in più donato da una grave mancanza…..Buonanotte Marghian

    • MARGHIAN says:

      Chitarrista e compositore innanzitutto, il canto e’ quasi un “extra”,
      “Quel qualcosa in piu’ donato da una grave mancanza..” e’ vero, Mirna- ciao…–anche se, purtroppo la vita non sempre compensa cosi’ (magari…). Pero’, delle volte, accade. Chiamali disabili… al pianoforte, o alla chitarra siamo noi, i disabili.

      Ma c’e di piu’ sbalorditivo. ciechi che sciano, che giocano a calcio, che fanno joggin, arti marziali, persino che vanno in bici. Un ragazzo non vedente schioccava ogni tanto la lingua e, sfruttando l’eco, si orientava andando in bici, e muovendosi in casa. Sembrava che ci vedesse.

      Nel mio paese, io non l’ho conosciuto, ma si racconta di un cieco nato che era..ebanista mobiliere, bravo intarsiatore e persino inventore; non vedeva ma passava la mano sul legno in lavorazione e diceva ad un suo dipendente “bello mio, qui c’e uno sbaglio…”. Ciao 🙂

      Marghian

  3. MARGHIAN says:

    Gia’, Mi – ne ho aggiunto un altro, cieco genio, e’ Stevie Wonder che sta nell’altro blog, lo avevo postato prima che dedicassi questo presente blog esclusivamente alla musica e lasciassi l’altro per gli argomenti scientifici..-.

    Gia’, abbiamo davvero da imparare. Ma dalle nostre stesse potenzialità. Tutti noi diciamo “io non ce la farei” mentre invece, all’ocorrenza, tiriamo fuori delle capacità che nemmeno immaginiamo di avere. Non tanto suonare, vedi..in fondo suonare per un cieco e’ normale. Io, NEL MIO PICCOLO (e lo scrivo in grande.. 🙂 ), quando gioco sulla chitarra o sulla tastiera, non guardo i tasti, le dita vanno da sole-anche quando scrivo al pc, sempre di tasti si tratta…-; Piu’ sbalorditivo, per un non vedente, e’ invece fare cose come quelle che ho scritto sopra, e cioe’ andare in bici, sciare, fare arti marziali o ginnastica artistica, ma soprattutto essere indipendenti.

    I ciechi sono infatti capaci di prestazioni che hanno dell’incredibile ( Disegnare, per esempio, ci sono persino ciechi che ci riescono). Ma, ripeto, tutti abbiamo queste capacita’ “compensative”- basta esserci in mezzo, è la classica necessita’ che aguzza l’ingegno. Ciao 🙂

    Marghian

  4. Affy says:

    Hai citato tre grandi pilastri della musica (aggiungerei anche Andrea Bocelli) che di quest’Arte sono maestri. La disabilità molto probabilmente rende i sensi più recettivi e se la persona possiede un talento innato ecco che ne esce un Artista poliedrico a tutto tondo.
    Ascoltarli è un privilegio, passano gli anni ed ogni pezzo è sempre sull’onda sia per le parole che per la musica e quel modo caratteristico di interpretare sentendo davvero il pezzo.
    Sei un intenditore musicale, hai un buon orecchio caro Marghian e quando parli di musica “e di stelle” io resto sempre in silenzio, ad ascoltare!
    Un bel post, l’ho letto ed ascoltato con piacere, grazie 🙂
    Ciao da Affy

    • MARGHIAN says:

      Andrea Bocelli, Aleandro Baldi, ed un francese, Gilbert Montagnè (eccolo qui: https://marghemarg.wordpress.com/2013/02/04/un-cantante-pop-poco-conosciuto-per-quella-che-e-la-sua-bravura-gilbert-montagne/ ), eccezionale pianista e vocalist, meno conosciuto di Stevie Wonder forse solo perche’ e’ francese. I francesi, sai, sono “nazionalisti” non come inglesi e americani che esportano la musica ed il canto anche su altri pianeti. Ce ne sono altri, e’ vero Affy, infatti io ho titolato il post con “..due.esempi, illustri”. Oh, grazie per le parole di apprezzamento. Purtroppo per “parlare di stelle” ho poco tempo, e quel blog poverino langue- spero per poco pero’; questi post, su musicisti e cantanti, invece, si fanno in poco tempo, anche mentre sta cuocendo la pasta 🙂 ). Ciao 🙂

      Marghian

  5. ili6 says:

    Veramente restiamo a chiederci come hanno fatto questi grandi musicisti a scrivere e cantare pezzi bellissimi che continuiamo ad ascoltare con sempre piacere.Forse è vero che quando manca un senso, altri si potenziano e affinano, ma sicuramente dietro c’è tanto lavoro, impegno e determinazione per riuscire. E dice bene Mirna: da loro possiamo solo imparare.
    Buon fine settimana, ciao

    • MARGHIAN says:

      Mio padre, stavamo parlando di Jose’ Feliciano, disse “ma issu teni tempu puru po itta ca esti itzrùppu, chi no’ ‘ddu mandànta a spilidài tamattigas puru, a su picciocheddu!”, e cioe’: “ma lui ha anche del tempo, perche’ e’ cieco, se no – i genitori- lo avrebbero mandato anche a raccogliere pomodori, il ragazzino…” . Credo che mio padre, alla sua maniera avesse detto una cosa giusta., e cioe’ che ci va tanto tempo da dedicare all’arte, alla musica.
      Feliciano suona ancora oggi sei ore almeno per tenersi in esercizio. Da bambino, aveva “treis agnos” come disse lui stesso in tv, “…quando io era.. eh..piccolino….” e si metteva un barattolo fra le gamge e faceva per suonare la batteria. A soli tre anni se en stava a battere su quel barattolo per ore. A 10 gia’ suonava bene una chitarra che gli avevano regalato. Per dire che e’ proprio cosi’, Mariro’: “ma sicuramente dietro c’è tanto lavoro, impegno e determinazione per riuscire..”. Ciao 🙂

      Marghian

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s