DOMANI 27 gennaio RICORRE LA GIORNATA DELLA MEMORIA PER RICORDARE LA SHOAH.

“SHOAH”

POPOLO EBREO, CULTURA EBRAICA….

MUSICA EBRAICA.  COSI’ IO VOGLIO RICORDARE: con la musica.

Marghian

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI QUASI 64 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in MOMENTI, musica, RICORRENZE. Bookmark the permalink.

8 Responses to DOMANI 27 gennaio RICORRE LA GIORNATA DELLA MEMORIA PER RICORDARE LA SHOAH.

  1. ili6 says:

    Anche la musica aiuta a ricordare.

  2. Graditissimo post, Mar.
    Grazie.

    E.

  3. Harielle says:

    L’essenziale è non rimuovere mai il ricordo dell’orrore, e non ricommetterne altri, ma su questo secondo punto la storia sembra essere immemore.
    Un caro saluto, Marghian

  4. MARGHIAN says:

    Oh come vorrei allungare il tempo, e rispondere a tutti voi, carissimi amici….stavo per chiudere le pagine web ed ho visto questo commento..ciao, Harielle! 🙂
    Purtroppo anche il ripetersi degli errori e’ memoria. Purtroppo l’uomo ricorda bene come fare, quando deve fare una guerra od opprimere un popolo. La lotta, nel mondo, e’ fra queste due memorie. Un fronte di questa continua guerra e’ quello che si ricorda di offendere, uccidere, opprimere, l’altro fronte e’ quello che ricorda che si deve combattere contro questa tendenza all’offesa ed al delitto. La lotta fra queste due memorie continua, ed e’ purtroppo ancora lunga. Ecco perche’ dobbiamo “tenerci vigili”, mai abbassare la guardia. Tener viva la fiaccola soprattutto delle idee, perche’ sono il penseiro e le idee a tener lontano il male. Il male non e’ altro che “assenza di bene”, vuoto, mancanza di pensiero e di idee. Idee, cultura, dialogo, sono le nostre armi. Perche’ le idee ed il pensiero sono la luce dell’uomo; la loro mancanza e’ il buio..e’ il male. Ciao Harielle, e grazie :).

    Marghian

  5. fausta68 says:

    Bellissima e commovente questa musica! Per assurdo sembra che l’uomo voglia da una parte dimenticare il male passato mentre da un’altra parte continua a proporlo…basta guardare quanti olocausti nel mondo….basta guardare la Siria oggi!

    • MARGHIAN says:

      Ciao fausta. Giusto e purtroppo vero quanto scrivi, anche se occorre fare un distinguo: chi non vuole dimenticare, non lo vuole davvero, come tantissima gente buona che aborrisce questi orrori; chi invece perpetua il male, ecco che..non vuole dimenticare.. di operare nel male, anzi trae insegnamento-negativo- dalla storia stessa. In Siria come in altri posti, coloro che reprimono, uccidono e rendono schiavi altri uomini, prendono addirittura a modello altri aguzzini e tiranni dei quali e’ piena la storia. Coloro che ordinano genocidi e tengono della gente in prigione per motivi etnici e razziali, sono della stessa pasta di Hitler, Himmler o Kappler.

      “Io chiedo: quando sara’ che l’uomo potrà imparare a vivere senza ammazzare, ed il vento si posera?'” (Guccini); “…quante morti ci vorranno prima che l’uomo si renda conto che troppi sono morti? “(Bob dylan).

      C’e un altro bellissimo verso di Guccini che dice ” e voi, a decine, che usate..parole diverse, le stesse prigioni…”. Ciao Fausta 🙂

      Marghian

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s