LA MUSICA ED IL CANTO VISTI…CON IL CUORE

“La vista e’ un preziosissimo dono. Ma molto piu’ grande e’ il valore della capacita’ vedere con il cuore” (Marghian)

GILBERT MONTAGNE’

SANS ELLE

****************

JOSE’ FELICIANO

MALAGUENA

******************

STEVIE WONDER

BLOWIN’ IN THE WIND

*****************

IL GRANDE RAY CHARLES

AMERICA THE BEAUTIFUL

Quando nel 1971 Jose’ Feliciano si esibi’ a Sanremo con la canzone “Che sara'”, ci fu uno scrosciante applauso. “Perche’ cieco”, pensavano in molti. Sicuramente questo e’ stato un fattore che ha influito sul pubblico. Mentre Jose’ Feliciano era gia’ un “nome”. Aveva gia’ venduto ottantasei milioni di dischi. “Che sara'” per lui fu una passeggiata, in rapporto alla sua bravura ed al suo modo di vivere la musica. Lui e la chitarra sono una cosa sola, insieme con gli altri trenta strumenti che  “tocca”, come dice lui.

Non conoscevo bene la statura artistica di Gilbert Montagne’, prima che cantasse a Sanremo come ospite. La canzone si chiamava “Just for tonight”. Una canzone in inglese. Cio’ e’ stato determinante a farcelo conoscere, dato il “nazionalismo” dei francesi. Montagne’ aveva circa vent’anni quando si fece vedere ed ascoltare qui in Italia. La canzone era “The fool”. Questo mi fa pensare che se Montagne’ fosse inglese od americano, la sua fama sarebbe sicuramente pari a quelle di Stevie Wonder o Frank Sinatra.

Per Stevie Wonder parla il suo stesso “nome”: “wonder” significa “prodigio”. Cantante, compositore, pluristrumentista, e’ una delle voci piu’ belle della musica mondiale

Che dire su Ray Charles? No comment, parla la sua arte.

LA MUSICA “VISTA” CON IL CUORE. QUESTO E’ L’ELEMENTO CHE UNISCE QUESTI QUATTRO GRANDI ARTISTI

CIAO

Marghian

Advertisements

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI QUASI 64 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in musica. Bookmark the permalink.

13 Responses to LA MUSICA ED IL CANTO VISTI…CON IL CUORE

  1. Silvia says:

    Hai assolutamente ragione…..notte Marghian! 🙂

  2. MARGHIAN says:

    Grazie, Silvia. Quando sentii cantare un ragazzo con i capelli lunghi ed una bella voce, le mani da pianista.da bravo pianista, quel ragazzo mi piacque subito. Canto’ in Italia un brano in inglese, “the fool”. In francia MOntaghe’ era gia’ allora conosciutissimo. Mi piaceva poi anche la canzone “just for tonight”, che Montagne’aveva inciso anche nella versione in francese, “on va s’aimer”. Ma e’ nel cantare in inglese che Montagner fa sentire davvero come sa cantare. Ma lui e’ soprattutto un pianista.

    A parigi, dove mi recai per trascorrervi una breve vacanza di tre giorni, comprai una cassetta con delle canzoni in francese (che in Italia non riuscivo a trovare).Una di quelle canzoni era proprio “Sans Elle”,

    Feliciano, gia’ a dieci anni suonava benissimo la chitarra. Divento’ poi mostruoso con altri strumenti come il piano, l’arpa, l’organo, il violino, la fisarmonica eccetera.

    Ray Chalres divenne cieco a 9 anni per un glaucoma non curato-perche’ povero e nero e, come se non fosse bastato, una tragedia familiare contribui’ a fargli perdere la vista: un suo fratellino mori’annegato in un fiume, proprio davanti ai suoi occni….”- . Ma Ray si prese una bella rivincita sul destino, diventando… Ray Charles. Ciao Silvia, ‘notte 🙂

    Marghian

  3. giselzitrone says:

    Einen schönen Tag so schöne Videos mit schöner Stimme,ich wünsche dir ein gutes Wochenende und danke für deinen Besuch bei mir.Gruß und Freundschaft.Gislinde

  4. bruce says:

    Ciao marghian,
    era un po’ che non passavo da queste parti.
    Fa piacere che tu abbia ricordato questi cantanti, che forse non ascolta più nessuno se non soltanto “noi” di vecchia generazione o legati al mondo che ci ha accompagnati da giovani (me) e piccoli (te).
    Ciao

    • MARGHIAN says:

      Gia’, ai giovani-te ed ai piccoli- me. Ma poiche’ ai signori si puo’ chiedere l’eta’, di quanto io sono piu’ piccolo di te? Io ne ho 60. A tua discrezione la risposta 🙂

      Anzi, debbo dire che non e’ sempre cosi’, Bruce..nel senso che sento sedicenni cantare Battisti, Celentano, ed anche Bob Dylan od Elvis- magari “catechizzati” dai loro genitori o zii, o fratelli maggiori. ma in parte e’ anche cosi’, sono relativamente pochi i giovani che conoscono Stevie Wonder, per eempio. Ciao.

      Marghian

  5. skayrose59 says:

    Ciao Marghian un saluto ciaooo 🙂

    • MARGHIAN says:

      Ciao Silvia!!! Grazie..pero’ se vuoi vedermi in veste di “piccolo alieno”, il post-o giusto e’ qui:
      marghemarg.wordpress.com/, dove sto scrivendo qualcosa sull’astronomia..vecchia e nuova, partendo dagli antichi-specie i sardi- ai sardi di oggi che nhanno piazzato un bel radiotelescopio. Ora sono alle prese con i “cenni storici” sulla radioastronomia. Ciao, Silvia 🙂

      Marghian

    • MARGHIAN says:

      Grazie, Ross 🙂

      MI ricordo i commenti dei miei genitori, “‘dd’anti fattu binci segùndu pòstu puètta ca e’ itzrùppu”(l’hanno fatto vincere, secondo posto, perche’ e’ cieco”). Per loro fu per una forma di pietismo, insomma. Io che dicevo loro, “ma castiài comènti sona sa ghitàrra!” (ma guardate come suona la chitarra…). “e’ bellu puru…” disse mio padre. “E’ pure bravo…” “Bellu”-bello- , in sardo sta a anche per ^”bravo”. Ciao.

      Marghian

  6. MARGHIAN says:

    Ciao Bruce. Mi scrivesti “io un po’ di piu'” e da li’ nacque la mia curiosita’. Pensavo “65” o “66”, non mi sono sbagliato di molto 🙂

  7. giselzitrone says:

    Schöne Videos wünsche einen schönen Tag lieber Gruß Gislinde

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s