NANNEDDU MEU-TAZENDA

TAZENDA

NANNEDDU MEU

La canzone e’ l’estratto di una lettera  di un anarchico ad un certo “collega”, Nanni Sulis che forse era in prigione per dissidenza contro i feudatari o qualcosa del genere, forse emigrato od esiliato, non so bene. di preciso. Fatto sta che “Nanneddu meu” e’ una canzone di protesta, quanto mai attuale.

*  *  *

“Nanneddu meu, su mundu er gai” (Giovannino mio, il mondo e’ cosi’), a sicut erat no torrat mai (come era prima non tornera’ mai piu’), semus in tempos de tirannias, infamidades e carestias (siamo in tempi di tirannie, infamita’ e carestie),  como sos populos cascan che’ cane, gridende tottus “cherimus pane” (adesso i popoli sbadigliano come cani, gridando tutti “vogliamo pane”). “Famidus nois semus pappande pane e castanza, terra con lande” (Affamati ,stiamo mangiando pane e castagne e terra con ghiande), “terra chi a fangu torrat su poveru, senza alimentu, senza ricoveru”(terra che a fango riduce il povero, senza alimento, senza ricovero),”semos sittidos in sas funtanas, prettende s’abba parimus ranas “ (siamo seduti ai bordi delle fontane, bramosi per l’acqua, sembriamo delle rane )”peus su famene chi forte sonat, sa janna a tottus e non perdonat “(peggio e’ la fame, che forte bussa  la porta a tutti, e non perdona),“nanneddu meu su  mundu er gai, a sicut erat no torrat mai”.(“Giovannino mio, il mondo e’ cosi’, come era prima non tornera’ mai..  ) “cuddas banderas, numeru trinta, de binu onu mudant ‘ a tinta “(quelle bandiere, in numero di trenta, appena morte si tramutano in inchiostro….)”appena mortas cuddas bamderas, non piu’ s’osservant’ imbreacheras” (appena morte, quelle bandiere, non si vedono piu’ sbonze  fra amici ). “Sos tirstos corvos, a chie los lassas, pienos de tirrias e malas trassas?”( quei tristi corvi, a chi li lasci, pieni di odi  e di cattive intenzioni?) “Es gai chi tottus faghimus guerra, pro pagas dies de fida in terra “(e’ cosi’ che tutti noi ci facciamo guerra, per pochi giorni di vita sulla Terra). “Nanneddu meu, su mundu er gai” (Giovannino mio, il mondo e’ cosi’), a sicut erat no torrat mai (come era prima non tornera’ mai piu’), semus in tempos de tirannias, infamidades e carestias (siamo in tempi di tirannie, infamita’ e carestie),  como sos populos cascan che’ cane, gridende tottus “cherimus pane” (adesso i popoli sbadigliano come cani, gridando tutti “vogliamo pane”).   “Adiosu, nanni, tenendi contu, faghe su surdu ‘ettad’a tontu…” (Addio, Nanni, tienine conto, fa il sordo, fingiti  tonto”)..”a tantu, l’ides, su mundu er gai, a sicut erat  no torrat mai .” ( tanto lo vedi, il mondo e’ cosi’, come era prima non tornera’ mai ).

***

( “Nanneddu meu”, estratto  da “Lettera a Nanni Sulis”- 1850 circa).

*/*/*/*/*/*

N.B. “cuddas  banderas numeru trunta “ (quelle bandiere in numero di trenta): le osterie esponevano, fuori, una bandiera (bandera), era la “pubblicita’” delle osterie di allora. La bandiera indicava anche il tipo di vino, nero o bianco o tutti e due i vini. Erano di colore nero per il vino nero, bianche o gialle per il vino bianco, nero-bianco per tutti e due i  vini, le piu’ frequenti erano queste. “Numeru trinta”, come a dire…”almeno tranta osterie in un paese”. “Mudant’a tinta”, i vini…che non hanno piu’ il sapore e  la genuinita’ di un tempo…”diventano inchiostro”.

CIAO

Marghian

Advertisements

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI QUASI 64 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in folklore e tradizioni, musica. Bookmark the permalink.

6 Responses to NANNEDDU MEU-TAZENDA

  1. Rebecca o semplicemente Pif says:

    Ciao caro Marghian, siamo ieri tornati dalla nostra scapatella con il camper, oggi e lunedì e la mia casa chiede una sistemazione (pulizia profonda) che noia… ma purtroppo fa parte della vita… abbi una serena settimana ti abbraccio Pif

    • MARGHIAN says:

      Rebecca, ehila!! Ciao carissima. Sarai rinfrancata dopo la scappatella fuori porta, ci vuole, e non dobbiamo solo lavorare o preoccuparci delle cose da fare.
      Hai notato, nelle parole delle canzone, la saggezza del personaggio della canzone “nanneddu meu”? La canzone e’ tratta da una vera lettera scritta a questo “Nanni” da un amico di lotta, si era nei tempi dello sfruttamento dei contadini, delle tirannie e sopprusi, molto peggio della “crisi economica” di oggi in Italia. Fra le canzoni sarde “tratte da storie vere” non c’e soltanto questa, ce en sono tante altre cariche di poesia e significato, ma soprattutto di idee. Una di queste e’ “procurade de moderare”, un testo composto non come canzone, ma come manifesto di protesta “contra sos feudatarios”-contro i padroni latifondisti del ‘700. Nel 1795 un magistrato, Francesco Ignazio manno, scrisse questo lungo testo. Le sue parole incoraggiarono gli animi dei rivoltosi capeggiati da Giovanni Maria Angioy. Rivolte che si verificarono per effetto della Rivoluzione Francese, che in qeull’anno era in atto. Ti cito alcune parole: “procurade de moderare, barones, sa tirannia, chi si no pro vida mia, torrades a pei in terra “(cercate di moderare, padroni, la tirannia, perche’ altrimenti, giuro sulla mia vita, tornerete sul lastrico)…”declarada es gia’ sa gherra, contra de sa prepotenzia, e cuminzat sa passenzia, in su populu a mancere ” (dichiarata e’ gia’ la guerra contro la prepotenza, e comincia la pazienza, nellla gente a mancare)…”mirade ca seis azzendende contra de ‘ois fu fogu, mirade ca no es giogu, ca sa cosa andad’ a vera, mirade ca sas aeras minettas temporadas, zente consizzada male, iscurtade sa oghe mia…..” (guardate che state accendendo contro voi stessi il fuoco, guardate che non e’ uno scherzo, perche’ la cosa diventa vera, guardate che le arie minacciano per voi temporali, gente consiglata male, ascoltate la mai voce…).
      Il componimento e’ molto, molto piu’ lungo…. :)Ciao Rebecca.
      Marghian

  2. zebachetti says:

    ciao marghian sempre bravi i tazenda (significa qualcosa questo nome?) ciao amico

  3. doraforino says:

    Ciao Marghian ,buona musica e buone nuotate!
    Dora

  4. MARGHIAN says:

    Ciao Dora, grazie dell’augurio. La musica…qualche sera, prima di cena, e le nuotate…una, due alla settimana (il sabato e la domenica), meglio poche che niente 🙂
    Ciao Dora

    Marghian

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s