NO NUKE! ALSO BECAUSE “THEY” DON’T WANT TO GIVE US..”

NO AL NUCLEARE!

no to this nukeANCHE PERCHE’ “LORO” NON VOGLIONO DARCI

GOOD NUKE

QUELLO BUONO

Ciao. Oggi e domani in Sardegna si vota per un referendum  sull’installazione, proprio in Sardegna, di centrali nucleari. Come sapete, la Sardegna e’vista come un “luogo ideale” per l’installazione di dette centrali. Uno dei “motivi” addotti, il fatto che la Sardegna e’ una terra sismicamente stabile, antica, isolata (ecco, “isolata” ma non quando…la si puo’ sfruttare). Io ho votato, qualche ora fa, per il NO ALL’INSTALLAZIONE DI CENTRALI NUCLEARI NELL’ISOLA, ponendo una crocetta sul “si” alla non installazione di centrali e all’uso della Sardegna per stoccare i “rifiuti radioattivi.

PERCHE’ IO SONO CONTRARIO?

Un motivo, quello di carattere UMANO ed ambientale, legato ai rischi che l’utilizzo del nucleare comporta; un’altro e’ legato al fatto che la Sardegna e’ sempre stata “sfruttata” per scopi di convenienza ed interessi “altri” come le “servitu’ militari” o la costruzione selvaggia ed indiscriminata di residenze di miliardari che usano la nostra  isola come il “loro paradiso” . Questi motivi mi accomunano, credo, a tutti i sardi. Penso che, a parte qualche caso, tutti si stia votanto contro, ed e’ giusto. Ma, vedendo il post, avete letto e visto “qualcos’altro”,  e la scritta: “quello buono”.

?”NUCLEARE….BUONO”?

Mi riferisco, amici, alla “non riconosciuta” ( soppressa?) “fusione fredda”. Che cos’e’ questa “fusione fredda”, cosi’ imprtante?

IL “NOSTRO NUCLEARE”

Come sapete, il nucleare che conosciamo, cosi’ temuto, si basa sulla “frantumazione”, o “fissione”, degli atomi di “materiale radioattivo” il quale materiale e’ tale perche’  gli atomi di detto materiale-o materiali- e’ costituito di molti “protoni,” e soprattutto di ” neutroni” che a volte sono in “sovrappiu'” rispetto allo “stato naturale” in cui a “tot” protoni” devono corrispondere “tot neutroni” in egual numero”. Ecco che l’uranio ha nel nucleo dell’atomo, 92 protoni, e 92 neutroni, ed e’ l’elemento piu’ pesante nella scala periodica degli elementi che venne “compilata” da Mendelev. Un materiale e’  tanto piu'”fissibile”, lo si puo’ letteralmente *spaccare, quanto piu’ e’ grande il numero di neutroni che l’atomo contiene, ancor piu’ se “in sovrappiu'” e cioe’ quando il materiale utilizzato-principalmente uranio- e’ allo stato di “isotopo” (gli isotopi sono atomi di un dato elemento che, avendo dei neutroni in piu’, od in meno, “differiscono” dall’elemento “per questo fatto”, rimanendo inalterata  in “sostanza” la sua natura: il deuterio ha due neutroni, l’idrogeno  non ne ha-essendo l’elemento piu’ semplice sulla scala di Mendelev-, e’ costituito di un solo protone-).

Ecco, l’uranio ha tanti neutroni, ed i suoi isotopi ne hanno tantissimi. L’uranio 235, ad esempio, ha ben 143, quelli “in piu'” rispetto ai 92 dell’uranio non isotopico. Avrete spesso sentito l’espressione “isotopi radioattivi”, ecco, si tratta proprio di questo tipo di uranio-in questo caso, perche’ anche il carbonio 14, due neutroni in piu’, “decade”, ma senza provocare danni date le forse in gioco, infinitamente minori.

Ecco, queste sono le “scorie”, una volta spezzati gli atomi “a catena”con la “fissione controllata”  grazie alla quale al centrale produce energia (in definitiva si genera un vapore che fa girare delle turbine, e si produce energiea elettrica), rimangono “inutilizzati” questi “isotopi radioattivi”, elementi “risultanti” dai processi di “frantumazione degli atomi” ed uranio stesso, magari non “fissionato”. Sono gli elementi radioattivi, che rilasciano neutroni in continuazione: e’ la radioattivita‘.

Ecco perche’ l’utilizzo del nucleare e’ pericoloso, per via delle radiazioni  altamente nocive che rimangono tali anche per millenni.

LA FUSIONE NUCLEARE

Il Sole, come ogni altra stella dell’universo, vive e funziona grazie ad un meraviglioso processo  naturale, la..*fusione nucleare. Ecco, si tratta sempre di energia nucleare, ma basata su un principio opposto, piu’ atomi di un elemento che si “fondono” e ne formano un altro, piu’ pesante, ma con una “massa minore” rispetto a quella che gli atomi avevano prima della fusione,  che convertita in energia radiante,  ci arriva…come luce!

IL SOLE IN LABORATORIO

Ora, se questo tipo di energia nucleare e’ punita, e per giunta piu’ efficiente, perche’ non usarla? Per ottenere la fusione nucleare occorrono 15 milioni di gradi che che all’interno delle stelle si producono per via delle forti pressioni gravitazionali che agiscono “a morsa” sulla stella stessa, nella quale, l’idrogeno si trsforma…in elio, un elemento non dannoso che tutti i giorni respiriamo, insieme all’azoto, all’ossigeno e ad altri gas.

Sono stati fatti diversi  studi e ricerche, al fine di ottenere la fusione in laboratorio, con qualche risultato: “contenere il plamsa caldissimo in campi elettromagnetici, o bombardando una “pastica di idrogeno” con centinaia di raggi laser (ottenendo in questi casi un’energia tremenda, seppur per breve tempo, e la fusione stessa dell’idrogeno in elio).

Ma sino ad ora non si e’ potuto ottenere risultati soddisfacenti, anche perche’ i costi in termini di dispendio di energia per produrre il fenomeno sono eccessivi e siamo ancora ben lontani dall’ottenere fusione nuclerare controllata il cui bilangio energetico sia soddisfacente, ovverosia l’energia ottenuta deve essere molto maggiore di quella impiegata per “mantenere il processo”.

LA FUSIONE FREDDA

Nel 1989, un certo Martin Fleishmann ad un altro ricercatore, tale  Stanely Pons, dell’Universita’ di Salt Lake City, in America, condussero alcuni esperimenti i cui risultati, che furono poi oggetto di studi teorici, produssero qualcosa che fu “accostata” alla fusione nuclere, ottenute pero’ a temperature bassissime e a pressioni molti minori di quelle elevatissime necessarie per fondere gli atomi “a caldo” . nel 2008, uno scienziato giapponese e considerato uno dei “padri” degli studi sulla”fusione calda” giapponese, tale Yoshiaki Arata, ha dimostrato  pubblicamente,ad Osaka,il funzionamento di un REATTORE con pochi grammi di PALLADIO. Il palladio e’ uno degli elementi che in questo processo fanno da “catalizzatori” ovverosia “imprigionano” gli atomi di idrogeno, che trasformandosi in elio, rilasciano l’energia derivante dalla perdita di massa che si ha in tale trasformazione.

Ma questi risultati sono stati  messi in discussione, se non addirittura *avversati, da parte di molti accademici, con l’obiezione che “forse la presunta fusione a freddo e’ da attribuire a qualche altra forma di energia e/ o ad errori di valutazione”.

Una parte del mondo scientifico pero’  ha visto nella Cold Fusion o “Low Energy Nuclear Reaction” qualcosa  di “molto interessante” e “degna di essere presa in considerazione”, studiata ed approfondita, sia sul piano teorico che su quello pratico, in quanto cio’ potrebbe, un giorno, portare alla produzione di energia di fusione nucleare con bassi costi energetici, e con un impatto sull’ambiente pressoche’ nullo. Ma…ogni studio, idea, ricerca, ha bisogno di essere sostenuta e finanziata. Ecco che ci si trova davanti ad un quesito: “chi finanzia e sostiene una “scoperta scomoda”?  Chi fa andare avanti qualcosa che “tocca” gli interessi di chi, dall’energia, ci guadagna?

Io sono convinto che gli esperimenti su questo tipo di fusione nucleare siano continuati, e che nel segreto di qualche laboratorio si stia “mettendo a punto”  qualcosa”. Qualcosa che giace magari li’, in attesa di essere perfezinata fino alla totale utilita’. Ma per chi?

Ovviamente, un motivo molto importante che ci fa dire no a-questo- nucleare, sono le energie rinnovabili e ad impatto ambientale minimo, come l’eolico e soprattutto il SOLARE.

Pensate che se si coprissero i tetti delle fabbriche , o di diverse case, di pannelli solari,  una citta’ avrebbe energia in abbondanza. Se, in alternativa, si impiantassero generatori di energia eolica e  *solare si’ da occupare diversi ettari di “terreno incolto, fuori dall’abitato, si avrebbe una produzione di energia ben oltre quella “di supporto”, che e’ cio’ che, per ora, ” sono in grado di fare” queste fonti: “essere di aiuto” all’energia prodotta dai mezzi tradizionali, coprendo solo il  5  per cento, o meno, del fabbisogno energetico totale.

fatte queste considerazioni, ovviamente noi tutti, o quasi, siamo contro l’uso di centrali nucleari in Italia, e nella nostra bellissima isola. Ciao.

Marghian

Advertisements

About MARGHIAN

SALVE. IO SONO MARGHIAN .SONO UNA PERSONA DI QUASI 64 ANNI, ABITO A TERRALBA, UN CENTRO DELLA PROVINCIA DI ORISTANO IN SARDEGNA. VIVO DA SOLO – SONO INFATTI SINGLE- MA NON NE FACCIO UN VERO PROBLEMA; CERTO, CI PENSO UN PO', OGNI TANTO, MA CIO' E' UMANO. MI OCCUPO, OLTRE CHE DEL MIO LAVORO DI IMPIEGATO STATALE, DI MUSICA A LIVELLO AMATORIALE: OLTRE ALL’ASCOLTO DELLA MUSICA, PREVALENTEMENTE POP, FOLK E CLASSICA, MI DILETTO INFATTI NEL SUONARE LA TASTIERA E LA CHITARRA. GLI ALTRI MIEI INTERESSI SI RIASSUMONO IN QUELLI CITATI NELLA CASELLA APPOSITA DEL MIO BLOG. LA MIA VITA QUOTIDIANA POTREI DEFINIRLA DI UNO STILE STANDARD, IN QUANTO ESSA CONSISTE NELLA CLASSICA TRIADE: LAVORO, CASA, AMICIZIE. FRA GLI ALTRI INTERESSI ANNOVERO ANCHE L’USO DEL PERSONAL COMPUTER. PUR SE SONO AGLI INIZI E NON NE FACCIO UN LARGO USO, LO CONSIDERO UN VALIDO HOBBY NON CHE’ SOPRATTUTTO UN IMPORTANTISSIMO STRUMENTO DI INFORMAZIONE-COMUNICAZIONE. NON PRATICO NESSUNO SPORT IN SENSO STRETTO, MA MI CONSIDERO UNO SPORTIVO -GINNASTICA E NUOTO -. SONO LA CLASSICA PERSONA TRANQUILLA, INSOMMA. I MIEI INTERESSI SONO: MUSICA (LA SUONO, COME HOBBY, E LA ASCOLTO. MI PIACE), LA CULTURA, I TEMI DI ATTUALITA’, E OVVIAMENTE LE RELAZIONI SOCIALI E L’AMICIZIA. CIAO. Marghian
This entry was posted in opinioni. Bookmark the permalink.

9 Responses to NO NUKE! ALSO BECAUSE “THEY” DON’T WANT TO GIVE US..”

  1. silvia in fondo al cuore says:

    Hai fatto benissimo caro amico, qui ci saranno i referendum per il nucleare, per l’acqua e per il “leggittimo impedimento” in giugno, spero che si andrà a votare in massa visto che è l’unico modo per dire la nostra. Ciao ti auguro un buon inizio settimana!

    • MARGHIAN says:

      Ciao, Silvia. Si, da voi ci saranno, e come sai da noi ci sono gia’ stati, sul nucleare. Ha prevalso il “siì”. che e’ un forte “no” all’installazione di centrali nucleari in Sardegna (ma non solo qui).
      Per curiosita’ ti faccio sapere che uno dei siti “prescelti” e’ nella nostra zona, a 15 km dal mio paese,”Cirras”-e’ un toponimo, ed e’ in aperta campagna-. Quando passo li’, tutti i giorni’ in macchina, penso sempre: “e qui …sorgera’ questa cosa!!!”.
      Per gli altri quesiti, ho le idee chiare, come le hai tu. Spero che la gente capisca che occorre cambiare, e non e’ dire “tanto sono tutti uguali”. *Nooooooo!!!!!!
      “Posizone”, questa-detta “qualunquismo” molto pericolosa.
      Come ebbe a dire qualche pensatore, Gramsci mi sembra: “io odio gli indifferenti”. Mio fratello, certamente non famoso come “gramsci” ma che ha fatto attivismo sindacale dice ancora oggi: “gli ignoranti son piu’ pericolosi dei cattivi”.
      Ecco, dire “sono tutti uguali” , come ben sai, e’ molto pericoloso, cosi’ si da’ consenso allo “status quo, ” e non si dimostra di voler cambiare, accettando pedissequamente persino bugie pietose, dette solo per “imbonirci”…eccetera.
      Ciao carissima Silvia.
      Marghian

  2. semplice1 says:

    Grandi i sardi!!!!!!!!
    Una risposta di grande serietà, sacralità e rispetto per le cose vere della vita.
    Un abbraccio grande grande Marghian 😉
    Vera

    • MARGHIAN says:

      Vera!!!! Si, occorre opporsi al pericolo nucleare. Ma come scrivo nel post, e’ questo nucleare che non va bene!!! Leggendo questo mio post “non ci si rende conto” ma se ci si informa su cio’ che degli scienziati dicono su un “altro nucleare” (che e’ solo sperimentale perche’ scomodo) ecco, fa ancor piu’ rabbia: centrali nucleari diverse (fusione, fredda o calda) che ci darebbero come “scorie” solo elio, litio, acqua, peraltro “riutilizzabili” non saranno mai messe a punto perche’…*come farebbero i tanti “bin laden”-ed emirati arabi- e i tanti “bush” -e magnati occidentali-a guadagnare miliardi..e soprattutto ad avere potere? Ma.per chi non “sa” queste cose, va benissimo il *semplice ma deciso NO….alle centrali nucleari. A questo (volutamente) primitivo..nucleare. 🙂 Ciao, Vera!!!!

      Marghian

  3. zebachetti says:

    i tuoi post sono sempre molto interessanti . anche io sono contro il nucleare .ma ti voglio porgere una domanda è logico e meno pericoloso avere centrali nucleari a pochi chilometri dai nostri confini? vedi francia svizzera. ciao marghian buonanotte godidi la tua bella isola spero comunque denuclearizata ciao nazz.

    • MARGHIAN says:

      Nazareno!!!! Che piacere!!! Ciao. Bella, bella domanda, davvero! Nel senso che, oltre che “impegnativa”-“bella domanda!”- e’ soprattutto una domanda intelligenta. Vero, in effetti abbiamo le centrali ncleari “in vicinato”- nazioni vicine-. Tecnicamente e’ vero. Ma tu, Naz, oltre che pensare (benissimo!) con la tua testa, devi considerare la testa…della gente. Non tutti siamo in grado di valutare tutti i fattori. Ecco, la “differenza” tra avere una centrale nucleare “in francia” o “in Italia”-pensa, una “dovrebbe sorgere” a 15 km dal mio paese!- sta nella “psicologia di massa”. pensa all’imamginario collettivo: vedersi il “mostro” a pochi isolati, a poca distanza. Qui’ sta’ la questione.
      Ma anche sul piano meramente “tecnicistico” c’e differenza: “le..scorie”.
      Vero, l’esplosione di un reattore in Francia causerebbe, “per me”, altrettanti danni di un analogo incidente, “in futuro”, a pochi chilometri da casa mia. Ma si parla di “stoccaggio delle scorie” in Sardegna!!! Lo dice il quesito referendario: “siete contrari all’installazione……e allo stoccaggio di scorie …in Sardegna?”.
      pensa ad un elettore…sardo. Ecco, per lui/lei la differenza sostanziale…e’ questa!!! *
      Psicologicamente, e sociologicamente, “avere le centrali sotto casa” ha un peso molto forte sul modo di “percepire un pericolo”, che e’ reale in ogni caso.
      Ciao, Naz, e..grazie.
      Marghian

  4. ili6 says:

    Ciao Marghian, ho letto il tuo intervento da Lucia e questo post chiaro e ben informato che, però, fa cadere le braccia perchè se è vero che esiste un’energia nucleare pulita (ed io concordo con te) e che questa non “progredisce” per i forti interessi che ruotano attorno ai potenti del nucleare, sarebbe da fucilarli, tutti e nessuno escluso! Purtroppo lo credo anche io e davvero fa rabbia. Un pò è come la stotia della carie dentale…pare sia chiaro a tutti nel settore come sconfiggerla dalla nascita con un vaccino, ma resta tutto chiuso in un cassetto, altrimenti sai che guadagno per certe categorie di medici, paramedici ed aziende farmaceutiche.
    Voterò sì al referendum, sì e sì, anche se qualcuno in famiglia la pensa diversamente, e non perchp ami il nucleare ma perchè non vede valide alternative al momento. Però credo che alle alternative si arriverà se costretti: quindi Sì al referendum.
    Sullo stoccaggio di scorie….bello che ve lo abbiano chiesto! Chissà quanto stoccaggio radioattivo c’è già nelle regioni del sud…e senza permesso!
    Ciao
    Maria Rosaria

    • MARGHIAN says:

      Ciao, Maria Rosaria. Ah, sai che credevo di aver sbagliato nome “rileggendo” “ili6”? Invece no, mi ricordo, “maria rosaria”. Lieto di consoscerti seppure “indirettamente”-io non scrivo mai “amici virtuali”.preferisco “a distanza” perche’ se “vitruale” e’ cio’ che leggo, dietro ci sei tu, ci sono io…persone reali!-.

      Oh, il mio post “informato”. Non ho fatto grandi “studi”, ho solamente, da sempre, coltivato questa “cultura scientifica”…che so, mentre uno legge “shakespeare” o “Pirandello” io sin da ragazzino mi interessavo di galassie, di particelle, del “corpo umano” e via cosi’…ho solo la licenza di scuola media.

      Venendo a cio’ che hai scritto, si…ricalca cio’ che io e “non solo” diciamo da sempre (per “non solo” intendo* gente *davvero *esperta): non e’ sempre cosi’ tutto chiaro.

      Ovviamente non si deve esagerare con il “complottismo” ma per esempio, siamo sicuri che sulla Luna ci abbiano detto tutto? Giacimenti di materiali utilissimi, sacche “sotterranee “con tanta acqua, uranio, elio3 utile per il nucleare e …”coso”. Ci sono “brogli” su Sanremo e non ce ne sono su energia, cancro, “carie” e cosi’ via?

      “fa cadere le braccia…” a chi lo dici?! “Però credo che alle alternative si arriverà se costretti…” l’hai detto!!! Si “dice” che i militari siano di 50 anni avanti a noi (internet dagli anni ’70, cellulari dagli anni ’60”) e che certe forme di energia siano gia’ esistenti ma ad “appannaggio” di militari e organizzazioni segrete.

      Nelle riviste scientifiche ci vengono spesso presentate “certe cose”, ma solo come “curiosita'”: “un reattore nucleare delle dimensioni di una lattina di birra? Chissa'”-il mensile “focus”-.

      Una macchina, con un “carburante del genere”, farebbe in tempo ad essere rottamata ed il “reattore” fornirebbe energia ad un’altra.

      Non mi voglio dilungare oltre, Maria Rosaria, in altri posts…avroì molte cose ancora da …raccontarvi. Ciao, e….grazie di cuore.
      Marghian

  5. Pingback: Centrali nucleari segrete? Ho un piccolo sospetto | marghemar

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s